Parco giochi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dipinto di Jacques-Laurent Agasse del 1830: Il parco giochi

Un parco giochi è uno spazio attrezzato in cui è possibile liberamente giocare e svolgere attività motoria. Normalmente sono inseriti all'interno di parchi pubblici, scuole, oratori, spiagge o attività commerciali e sono rivolti ai bambini fino agli adolescenti.

Il parco giochi nelle città moderne tenta di colmare la carenza di opportunità di gioco libero all'aperto ed è anche una prima importante occasione di socialità al di fuori della scuola e di altre attività disciplinate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I parchi sono di concezione relativamente recente in quanto risalgono all'800 ma si possono far risalire anche al periodo dal 400 al 600 d.c. in quanto erano collegati alle festività religiose, situazioni in cui avvenivano gli scambi e i festeggiamenti.[1]

La più antica rappresentazione di uno spazio pubblico, in cui i bambini si trovano a giocare, è il dipinto Giochi di bambini del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. All'inizio del secolo XIX il medico e teorico dell'architettura tedesco Bernhard Christoph Faust, nell'ambito della sua teoria architettonica Sonnenbaulehre, promosse l'istituzione dei parco giochi.[2]

Quest'idea è stata in seguito implementata anche in forma ampliata.[3][4][5]

Per quanto riguarda l'Italia la testimonianza dei primi parchi risale al 1936 a Milano[6], presso il Palazzo della Triennale. Da allora, con il diminuire delle aree all'aperto destinabili al gioco, il parco giochi ha aumentato sempre di più la sua importanza sociale e ricreativa, soprattutto nelle città.

Scivolo con ponte e palestra

Progettazione[modifica | modifica wikitesto]

Parco giochi di Campomorto

Negli ultimi anni si pone attenzione sulla sicurezza delle attrezzature[7] ed a considerare il parco giochi come un tutt'uno organico, sulla base di un'offerta ludica varia ed equilibrata. I materiali si sono diversificati: all'uso dell'acciaio dei primi parchi gioco (anni '70) è stato affiancato il legno e la plastica, le strutture rigide e mobili sono state sostituite da più attraenti e meno pericolose funi e reti di corda.

Gruppi di età[modifica | modifica wikitesto]

Spesso all'area giochi per i bambini si affiancano anche strutture per tutte le età come piste ciclabili, percorsi per mountain bike, piste per biglie, piste per pattini a rotelle, ostacoli e rampe per skateboarding, scacchiere giganti, labirinti, tavoli da ping-pong e arene.

A partire dai primi anni Duemila in aree come Europa, Cina e in seguito anche Stati Uniti d'America il concetto di "spazio giochi" è stato adattato anche alla popolazione adulta, creando luoghi in spazi urbani dove poter svolgere attività all'aperto, soprattutto per ridurre i problemi sociali legati alla sedentarietà e all'obesità.[8]

Principi costruttivi e organizzativi[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni si pone attenzione sulla sicurezza delle attrezzature ed a considerare il parco giochi come un tutt'uno organico, sulla base di un'offerta ludica varia ed equilibrata. I materiali si sono diversificati: all'uso dell'acciaio dei primi parchi gioco (anni '70) è stato affiancato il legno e la plastica, le strutture rigide e mobili sono state sostituite da più attraenti e meno pericolose funi e reti di corda.

Attrezzature e giochi[modifica | modifica wikitesto]

I moderni parchi giochi sono attrezzati con tradizionali scivoli, altalene "oscillanti" e "basculanti", dondoli, giostre e buche con la sabbia[9], ai quali si affiancano sempre nuovi giochi come casette, giochi a molla, funivie, palestre, giochi con l'acqua, torri e ponti, strutture di arrampicata e piramidi in corda. Questi giochi sono spesso connessi tra loro in un'unica struttura a tema, più o meno grande.

Scivolo gonfiabile
Dondoli e giostre in un parco giochi

Nei parchi gioco possono essere installate anche strutture gonfiabili, ma richiedono obbligatoriamente la sorveglianza di un operatore specializzato. Nel 2007 è stata emanata la norma specifica sulla sicurezza di tali attrezzature che va sotto la denominazione UNI EN 14960:2007, Attrezzature da gioco gonfiabili - Requisiti di sicurezza e metodi di prova.

teleferica parco giochi

Legislazione[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1998 le norme europee EN1176 (attrezzature per aree da gioco) e EN1177[10] (rivestimenti di superfici di aree da gioco) regolamentano le caratteristiche tecniche delle attrezzature e la norma UNI 11123:2004 la progettazione dei parchi e aree da gioco all'aperto.[11]

I piani regolatori dei vari Länder tedeschi prescrivono chiaramente la creazione dei parchi gioco. A esempio il piano regolatore bavarese prevede che per aree edificate con palazzi di oltre 3 appartamenti venga costruito un parco giochi di adeguate dimensioni, qualora non ve ne sia già uno nelle vicinanze[12]. Nessun grande progetto di edilizia residenziale può essere realizzato senza un parco giochi. I parco giochi pubblici devono essere sottoposti almeno un volta all'anno a controlli di adeguatezza e sicurezza. Le cooperative edilizie sono tenute a curare la sabbia delle sabbionaie. Nella maggior parte dei parco giochi vige il dievieto d'accesso per i cani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ parchi di divertimenti, in Enciclopedia dei ragazzi, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005-2006.
  2. ^ (DE) Bernhard Christoph Faust, Sudhoffs Archiv für Geschichte der Medizin und der Naturwissenschaften., F. Steiner, 1931, p. 309. URL consultato il 24 novembre 2018.
  3. ^ (DE) Wojciech Balus, Kinder und Jugend im Volksgarten. Von den Anfängen bis zur Entstehung des Reformparks., in Die Gartenkust, vol. 13, gennaio 2001, p. 65-76.
  4. ^ (DE) Daniel Rimbach, Zur Etablierung von öffentlichen Freianlagen für Kinder bis zum Ende der Weimarer Republik., in Die Gartenkust, vol. 28, gennaio 2016, p. 103-112.
  5. ^ (DE) Peter Fibich, Von Kletterpilzen und Rutschelefanten. Öffentliche Spielplätze in der DDR., in Die Gartenkust, vol. 28, gennaio 2016, p. 119-126.
  6. ^ La sicurezza dei parchi gioco (PDF), su sviluppoeconomico.gov.it.
  7. ^ Decreto-Lei, su ec.europa.eu.
  8. ^ (EN) Winnie Hu, Mom, Dad, This Playground’s for You, in New York Times, 29 giugno 2012. URL consultato il 24.11.2018.
  9. ^ parco², su Treccani.
  10. ^ Giochi e attrezzature nei parchi: le leggi per la sicurezza dei bambini, su lavoripubblici.net.
  11. ^ Progettazione delle aree e dei parchi da gioco: in revisione della norma UNI 11123, su uni.com. URL consultato il 24.11.2018.
  12. ^ (DE) Bayerische Bauordnung (BayBO) in der Fassung der Bekanntmachung vom 4. August 1997 Art. 8 §1 (PDF), su stmi.bayern.de. URL consultato il 24 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85103387 · GND (DE4056237-2