Paolo Giordano II Orsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Giordano II Orsini
Portret van Paolo Giordano II Orsini, hertog van Bracciano Paulus Jord II Bracciani Dux (titel op object), RP-P-1918-2016.jpg
"Ritratto di Paolo Giordano II Orsini", incisione, opera di Ottavio Leoni, 1625 (Fitzwilliam Museum)
Duca di Bracciano
Stemma
In carica 9 settembre 1615[1]1656
Predecessore Virginio Orsini[1]
Successore Ferdinando Orsini[1]
Principe consorte di Piombino
In carica gennaio 1622[1] – 10 aprile 1628
Predecessore Giorgio de Mendoza
Successore Elisabetta di Borbone-Francia
Altri titoli
Nascita Roma,[1] Stato Pontificio (oggi Italia), 1591[1]
Morte Bracciano,[1] Ducato di Bracciano (oggi Italia), 1656[1] (64-65 anni)
Dinastia Orsini
Padre Virginio Orsini[1]
Madre Flavia Peretti[1]
Consorte Isabella Appiano[1]
Figli nessun figlio legittimo[1]
Ippolito[1] (illegittimo)

Paolo Giordano II Orsini (Roma, 1591[2]Bracciano, 1656[2]), figlio del duca Virginio Orsini e della duchessa Flavia Peretti Damasceni, fu un nobile, mecenate, poeta e artista dilettante italiano e fu il terzo duca di Bracciano.

Nel gennaio[1] del 1622[1] sposò la principessa Isabella Appiano[1] e come suo marito fu principe consorte di Piombino.

Il 26 giugno 1625 l'imperatore Ferdinando II d'Asburgo gli concesse il rango di "principe del Sacro Romano Impero", confermatogli il 6 maggio 1638 con tre diplomi, aggiungendo il titolo di "Conte Palatino" e la facoltà di battere moneta.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe a Firenze, dove frequentava la Casa Medici. Alla morte del padre, Virginio Orsini, nel 1615 ereditò il ducato di Bracciano.

A Roma nel 1622 divenne il secondo marito della vedova Isabella Appiani (ca. 1630-1635), l'ultimo esponente degli Appiano[3][4] Fu nominato principe del Sacro Romano Impero da Ferdinando II il 18 luglio 1623.

Visse nel suo castello di Bracciano, dove raccolse una "preziosa"[2] collezione d'arte, che comprendeva, tra gli altri, dipinti di Tintoretto, Salvator Rosa, e Daniele da Volterra, incisioni di Albrecht Dürer e Ottavio Leoni, sculture di Gian Lorenzo Bernini e Johann Jakob Kornmann. Ebbe corrispondenza sullo stato delle arti in Italia con Cristina di Svezia[5] Morì nel 1656.[6]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Carla Benocci, ORSINI, Paolo Giordano, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  2. ^ a b c DBI.
  3. ^ Licurgo Cappelletti, Storia della città e Stato di Piombino, Livorno 1897
  4. ^ M. Carrara, Signori e Principi di Piombino, Pontedera 1996.
  5. ^ Orsini, Paolo Giordano, II (Italian patron, poet, and amateur artist, 1591-1656)
  6. ^ The Jack and Belle Linsky Collection in the Metropolitan Museum of Art: Bust of Paolo Giordano II Orsini, Duke of Bracciano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76464070 · ISNI (EN0000 0000 8156 7850 · LCCN (ENnr97011889 · GND (DE102417237 · BNF (FRcb13476028j (data) · BNE (ESXX929206 (data) · ULAN (EN500121835 · BAV ADV10974603 · CERL cnp01364758 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97011889