Panzanella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Panzanella
Italian Panzanella.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniToscana
Marche
Umbria
Lazio
Abruzzo
DiffusioneItalia centrale
Dettagli
Categoriapiatto unico
Panzanella e ingredienti

La panzanella, chiamata anche pansanella o panmolle o panmòllo o pane 'nzuppo, è un piatto tipico di tutta l'Italia centrale, dalla Toscana, alle Marche, Umbria, del Lazio e dell'Abruzzo.[1]

Ricetta[modifica | modifica wikitesto]

La ricetta originale prevede pane raffermo, pomodori ramati, cipolla rossa e basilico, il tutto condito con olio d'oliva, aceto e sale. In Toscana e in Umbria il pane viene lasciato a bagno in acqua e poi strizzato fino a sbriciolarlo e spezzettarlo per mescolarlo agli altri ingredienti; nelle Marche le fette di pane raffermo vengono bagnate ma non sbriciolate e gli altri ingredienti posti sopra come si trattasse di una bruschetta.

Come tutti i piatti poveri e popolari, che in passato venivano preparati con quello che c'era di disponibile al momento, non esiste un'unica ricetta codificata. Alcune varianti sono riconosciute come canoniche, come l'aggiunta del cetriolo, altre più legate all'estro del cuoco, come l'impiego esempio olive, uova sode (ad esempio a rotelle come guarnizione) e tonno. Altri ingredienti, che accomunano questo piatto ad un'altra ricetta tipicamente estiva, il riso freddo, possono essere carote, finocchi, mais, sedano, peperoni a crudo, würstel, mozzarella, formaggi di vario tipo, sottoli, sottaceti, fagioli borlotti oltre che erbe a scelta per dare sapore, come origano, erba cipollina, etc.

Il piatto risulta molto fresco; secondo alcuni è consigliabile addirittura lasciarlo riposare qualche ora in frigorifero, prima di servirlo.

Consumato preferibilmente in estate, anche perché è il periodo in cui si trovano con facilità le verdure di cui è composto, rappresenta un buon piatto unico.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

In tutta la Toscana questo piatto è diffuso fino a Lucca, Viareggio e Bagni di Lucca, mentre ulteriormente a Nord (Lunigiana, Versilia e Garfagnana, come scoperto dagli studiosi dell'Università di Firenze che redassero l'Atlante Lessicale Toscano, non è un piatto tradizionale. A partire da Camaiore e Pescaglia "panzanella" significa pasta di pane fritta in olio bollente, l'equivalente di sgabeo.

Feste, fiere e sagre[modifica | modifica wikitesto]

  • Nelle Marche, la maggiore sagra celebrativa di questo piatto estivo è la Sagra della panzanella, che si tiene annualmente presso il Campo della Fiera di Lamoli, piccola frazione del comune di Borgo Pace (PU), dal 13 al 15 agosto; essa si conclude nella tarda serata di Ferragosto con la tipica rappresentazione dei "quadri viventi", in occasione della festa dell'Assunta.
  • Monterotondo (RM): ogni prima domenica di luglio, sagra della panzanella.
  • In Umbria, il Sabato dopo il Ferragosto, ad Onelli, paesino distante pochi chilometri da Cascia (PG), si tiene la sagra della panzanella in un caratteristico ed antico borgo contadino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Petra Carsetti, La cucina delle Marche in oltre 450 ricette, Newton Compton Editori, 2015, p.78.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]