Palazzo Rota-Suardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Rota-Suardi
805BergamoStazSupFunicolare.jpg
Palazzo Rota Suardi
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàBergamo
IndirizzoPiazza Mercato delle Scarpe
Coordinate45°42′11.17″N 9°39′46.49″E / 45.703102°N 9.662914°E45.703102; 9.662914Coordinate: 45°42′11.17″N 9°39′46.49″E / 45.703102°N 9.662914°E45.703102; 9.662914
Informazioni generali
CondizioniItalia
CostruzioneXIV secolo
UsoPrivato
Pianidue
Realizzazione
CommittenteGuido Suardi o Guidino de' Suardi

Il Palazzo Rota poi Suardi si trova in piazza Mercato delle Scarpe nella parte alta della città di Bergamo ed è dal 1887 stazione di arrivo della funicolare che partendo da via Vittorio Emanuele II collega le due parti cittadine, quella bassa a quella alta.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo si affaccia su una delle più antiche piazze cittadine citata già nel 1263 da Mosè del Brolo nella sua opera letteraria Liber Pergaminus. In documenti successivi viene indicata come sede della Domus Calegariorum e del Paratico dei Beccai, mentre un atto che determina i confini della vicinia di San Cassiano riporta: per ispsum mercatun usque a cantonum domus Clegariorum et Becariorum quandam et modo est domuns hantationis heredum domini Guidi de Suardis quam fecit levari super ipso mercato.[2]

La committenza[modifica | modifica wikitesto]

Albero della vita - particolare di Guido Suardi

Guido Suardi o meglio Guidino de' Suardi era il figlio primogenito del conte palatino di Bergamo Teutaldo, titolo che gli era stato conferito a Trento da Ludovico il Bavaro per se e suoi eredi il 20 gennaio 1330. Questi ebbe dalla moglie Caterina - non se ne conosce il casato - sei figli. Due di questi Giacomo e Guido mantennero il titolo paterno, Guglielmo detto Minolo e Romelio detto Mazolo ricevettero la nomina di Milites imperialis, mentre Giovanni e Simone quella di Legum doctors.[3].
Guido era sposato con Tomasina figlia di Maffeo Foresti- o Matteo - anche questi investito del titolo di conte a Trento ma di Brescia.[4]

Il titolo di palatino concedeva importanti funzioni giuridiche, con diritto di proclamazione pubbliche, per questo motivo Guido de' Suardi, che aveva commissionato dopo il 1340 l'edificio, aveva fatto realizzare anche il balconcino. Il personaggio si fece immortalare, facendo affrescare la sua immagine sullo stemma, inoltre la sua raffigurazione è visibile sulll'affresco dell'Albero della vita di cui era committente, presente nella basilica mariana cittadina.

L'affresco posto sopra l'apertura centrale propone la sua immagine avvolta in un cartiglio riportante la scritta: VIM VI REPELLERE LICET (è lecito reprimere la forza con la forza), l'acquila nera imperiale in campo giallo e un leone rampante in campo rosso. Il palazo passò poi alla famiglia Rota.[5]

Nel 1887 il palazzo passando di proprietà dell'amministrazione comunale, fu completamente rivisitato trasformandolo in stazione della funivia. Le più grandi modifiche furono eseguite nel cortile inferiore che fu riempito, il fabbricato vide l'aggiunta del loggiato e venne aperto il muro di sostegno che probabilmente era una delle testimonianze delle precedenti mura medioevali.[6]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo a pianta rettangolare è composto da due distinti edifici uniti da quello che era un cortile interno a cui poi è stata aggiunta una copertura a volta con lucernari, ed è la parte d'arrivo e di partenza della funivia con le due sedi dei binari.[7]

Facciata a sud del palazzo verso la parte bassa di Bergamo
Bergamo funicolare città alta staz sup interno

Il lato a nord che si affaccia verso piazza Mercato delle Scarpe, ha una zoccolatura in bugnato di pietre perfettamente squadrate che raggiunge il primo piano; le cinque aperture centinate, quattro ad arco ribassato e quella centrale a sesto acuto con serrramenti scuri, terminano nella parte superiore, con un balconcino sorretto da tre mensole in pietra avente una piccola apertura, mentre sopra l'arcone centrale vi è un affresco raffigurante lo stemma Suardi, sono questi gli unici elementi che testimoniano l'originaria costruzione nel 1342 del committente Guidino de' Suardi.
I due piano superiori presentano entrambi tre aperture ad arco a tutto sesto però non corrispondenti.[7]

La parte a sud si sviluppa su tre piani. Quello inferiore ha tre grandi aperture centinate a tutto sesto, due per il transito della carrozze della funivia divise da quella centrale. I due piani superiori hanno ampi loggiati con aperture ad arco a sesto acuto poggianti su colonnine binate. Mentre il sottotetto presenta piccole aperture.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Funicolare di Bergamo Alta:due minuti dalla città bassa alla città alta, Luighi da vedere. URL consultato il 21 agosto 2019..
  2. ^ La città Dipinta, p 53.
  3. ^ Henealogia della famiglia Suarda e da questa della Suarda di Bergamo..
  4. ^ Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1935, p. 96-97..
  5. ^ Palazzo Rota poi Suardi, Lombardia Beni culturali. .
  6. ^ Palazzo Rota poi Suardi, Provincia di Bergamo-Ville e palazi..
  7. ^ a b c Avanzi del Palazzo Rota poi Suardi (ora stazione superiore della funicolare) in piazza Mercato delle Scarpe (PDF), IBCAA..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Capellini, La funicolare di Bergamo Alta, Bergamo, Arnoldi, 1988.
  • Arnaldo Gualandris, La città Dipinta Affreschi, dipinti murali, insegne di Bergamo alta, U.C.A.I, 2008.
  • Tosca Rossi, Bergamo urbs picta, Konos, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]