Outing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine outing, il movimento di liberazione omosessuale statunitense ha indicato la pratica politica di rivelare pubblicamente l'orientamento sessuale di alcune persone segretamente non eterosessuali. In Italia spesso viene impropriamente usato per indicare invece qualcuno che ha fatto questa rivelazione su se stesso (propriamente coming out, ma anche outing oneself, "auto-outing").

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il termine deriva dall'avverbio "out", "fuori", contenuto in coming out ("uscir fuori", sottinteso "dall'armadio di una eterosessualità fittizia o supposta"), usato come verbo transitivo (to out), quindi "buttar fuori" (dall'armadio) qualcuno, contrapposto al "venir fuori" spontaneo. Negli USA l'outing è stato sostenuto (e soprattutto praticato nei fatti), a partire dal 1990 circa, dal giornalista Michelangelo Signorile come arma politica di difesa contro quegli omosessuali conservatori che, per allontanare da sé i sospetti di omosessualità, si rivelano particolarmente fanatici nella deprecazione e addirittura nella persecuzione pubblica dell'omosessualità.

In Italia outing è spesso confuso con coming out, che indica invece l'atto di qualcuno che dichiara volontariamente - e non in modo forzato, quindi - di essere omosessuale.

Sempre in Italia, dove l'omosessualità è ancora percepita dai più come un elemento disonorante, il movimento di liberazione omosessuale non ha mai fatto uso dell'outing, sia per ragioni politiche (la rivelazione non si limiterebbe a costringere la persona "outed" a cessare gli attacchi omofobi, ma potrebbe comportarne la rovina sociale e la messa al bando) sia per motivi legali, dato che in base alla legge italiana potrebbe configurare il reato di diffamazione. La differenza sostanziale è che negli USA non si ha diffamazione se si è in grado di provare l'affermazione, in Italia invece il giudice valuta solo se l'affermazione sia diffamante in sé e per sé, indipendentemente dal fatto che sia vera o no, a meno che il querelante consenta "ampia facoltà di prova", cosa che in questi casi non avviene praticamente mai.

In italiano non esiste una traduzione del verbo "to out", che pertanto viene sostituito con verbi analoghi, di solito con il colloquiale "sputtanare": "Il signor X è stato sputtanato" (= outed) "dal suo ex amante". Chi fa outing su qualcun altro viene chiamato outer.

Outing indica la pratica di rendere deliberatamente pubblica e senza consenso l'identità sessuale o l'orientamento di altri. Le persone outed sono spesso figure pubbliche quali i politici o celebrità.

Il termine è derivato dall'espressione "coming out" (rivelare le proprie preferenze sessuali), e fu coniato dal Time. Taylor Branch usò il termine "outage" nel 1982, Michelangelo Signorile preferisce il termine "reporting" (dire, riportare, descrivere, in italiano), e Gabriel Rotello suggerisce "equalizing" (equiparare), spiegando che:

« quello che abbiamo chiamato 'outing' è prima di tutto un movimento giornalistico che ha come scopo l'arrivare a trattare l'omosessualità allo stesso modo dell'eterosessualità nei media...Nel 1990, molti di noi attraverso i media gay annunciarono che da ora in poi avrebbero trattato parimenti omosessualità ed eterossesualità. Non saremmo stati lì ad aspettare l'arrivo di un futuro perfetto ed utopistico prima di equagliare questi due aspetti della vita sessuale:l'avremmo fatto ora. Questo è ciò che l'outing è realmente: equiparare omosessualità ed eterosessualità nei media. »
((Signorile 1993, p.77-78.))

Il termine può anche essere utilizzato con un'accezione più ampia, assumendo il significato di rendere pubblico un fatto personale di qualcuno che vorrebbe mantenerlo segreto. Per esempio, si potrebbe fare outing su qualcuno rivelando che è comunista (outing politico), oppure dicendo che è Ebreo (outing religioso).

I motivi dell'outing[modifica | modifica wikitesto]

Mentre si potrebbe decidere di rivelare segreti o dettagli privati della vita degli altri per molte ragioni, anche per piacere personale o per avere un guadagno commerciale, il movente dell'outing è la pressione politica e il reportage giornalistico. L'outing non dovrebbe solamente rivelare l'ipocrisia di coloro che sono, come ha detto Brench, nascosti negli "armadi del potere", ma anche una maggiore consapevolezza della presenza di persone gay e di problemi politici, mostrando così che essere gay o lesbiche non è "così incredibilmente grottesco che non se ne dovrebbe mai parlare." (ibid, p. 78)

Richard More nota che, "alcune persone hanno paragonato l'outing al Maccartismo....e fare outing per vendetta è fare maccartismo: un outing del genere dà i gay in pasto ai cani, che di conseguenza ne vengono rafforzati.... Ma il tipo di outing che ho sostenuto non invoca, non mobilita, e non conferma ritualmente i valori anti-gay; anzi va contro di loro, cerca di disfarli. Lo scopo dell'outing, inteso così come io l'ho difeso, non è di causare vendetta, non è di punire, e non è lo sviare l'attenzione dal proprio stato degradato. Il suo scopo è di evitare il proprio degrado." In questi termini, l'outing è "sia permissibile sia una conseguenza attesa del vivere moralmente." (ibid p. 77)

Inoltre, fare outing non vuol dire gettare al vento dettagli privati. Come Signorile domanda, "Come può essere una cosa privata l'essere gay, quando l'essere etero non lo è? Il sesso è privato. Ma facendo outing noi non mettiamo in discussione la vita sessuale di nessuno. Diciamo solo che sono gay." (p. 80) "Le persone comuni hanno subito l'outing per decenni. La gente ha sempre fatto outing sul postino, sul lattaio e sul single che vive in fondo al quartiere. Se ce ne è uno, lo scopo dietro l'outing è solo di far vedere quante tra le persone più in vista della nostra società sono gay, così che quando qualcuno farà outing sul lattaio o sul single, tutti diranno "E allora?" (p. 82)

L'outing come strumento politico[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei primi ad avere l'idea di fare outing su personaggi gay omofobi, non dichiarati e ipocriti fu Michelangelo Signorile, come documenta nel suo libro Queer in America. All'inizio degli anni novanta Signorile fu duramente criticato da molti appartenenti alla comunità gay e alla stampa eterosessuale, ma molte delle sue tattiche sono oggi viste come tecniche giornalistiche e politiche legittime, che hanno rivelato l'ipocrisia dei potenti che mettono a repentaglio l'uguaglianza per gli americani GLB (gay, lesbiche e bisessuali).

Alcuni attivisti dei diritti gay, comunque, difendono l'outing come tattica. L'attivista britannico Peter Tatchell dice che "la comunità gay e lesbica ha il diritto di difendersi contro le figure pubbliche che abusano del loro potere e della loro influenza per appoggiare politiche che infliggono sofferenze agli omosessuali." Nel 1994 il gruppo di attivisti di Tatchell, OutRage! fece i nomi di quattordici vescovi della Chiesa Anglicana che erano omosessuali o bisessuali, accusandoli di ipocrisia per aver sostenuto il punto di vista della Chiesa, che giudica ogni atto omosessuale come peccaminoso mentre allo stesso tempo non osservavano questo divieto nelle loro vite personali.

"L'outing è l'autodifesa gay," dice Tatchell. "Le donne lesbiche e gli uomini gay hanno un diritto, e un dovere, smascherare gli ipocriti e gli omofobi. Non facendo outing sui vescovi gay che appoggiano politiche che danneggiano gli omosessuali, avremmo protetto quei vescovi e di conseguenza gli avremmo permesso di continuare ad infliggere sofferenza ai membri della nostra comunità. La collusione tra omofobia e ipocrisia non è eticamente difendibile dai cristiani, né da nessun altro."

Seguendo lo stesso ragionamento, si potrebbe fare outing su un legislatore contrario alla libertà di scelta in tema di interruzione di gravidanze che ha fatto abortire la propria figlia.

Il sostegno all'outing[modifica | modifica wikitesto]

Le persone che hanno subito l'outing includono Pete Williams, Chad Allen, Chastity Bono, e Richard Chamberlain.

Le persone che hanno appoggiato l'outing includono Victoria Brownworth, giornalista del Daily News di Philadelphia; Micheal McWilliams del Detroit News; Charles Kaiser, che ha lavorato nel New York Times, a Newsweek e nel Wall Street Journal, e che ora è professore alla Pinceton University; la giornalista Ann Northrup, ex produttrice del CBS Morning News; il produttore esecutivo di Village Voice Richard Goldstein; il giornalista di Voice Michael Musto; Frank Bruni del Detroit Free Press; il corrispondente a New York del Los Angeles Times Victor Zonana; Marvin Libman, attivista repubblicano gay conservatore, e autore; Donna Minkowitz dello staff di Voice; Larry Gross, professore di Comunicazioni all'Annenberg School of Communications all'Università della Pennsylvania; Jeffrey Schmalz un redattore del The New York Times; l'ex redattore di QW Maer Roshan; l'ex redattore di Advocate Richard Rouilard; l'attuale redattore di Advocate Jeff Yarbrough; il parlamentare Gerry Studds; lo storico Martin Duberman; il filosofo Richard Mohr; il romanziere Armistead Maupin; l'artista Terry Sweeney; il produttore di In the Life per la televisione pubblica John Scagliotti; Hank Plante di KPIX-TV a San Francisco; Lindsy Van Gelder, redattore di Allure; Gabriel Rotello, ora un giornalista al New York Newsday; i giornalisti freelance Marshal Alan Phillips, Michael Bronski, Susie Bright, e Rex Wockner." (ibid, p.163-164).

Il presidente dell'RNC (congresso nazionale repubblicano) Ken Mehlman è stato bersaglio delle campagne di outing, ma fino ad ora non si è mai dichiarato gay. [1].

Barney Frank, parlamentare statunitense dichiaratosi gay

Non è chiaro se il parlamentare statunitense Barney Frank abbia subito l'outing o si sia dichiarato da solo, dato che i due eventi sono accaduti contemporaneamente. Frank però dichiara di essersi dichiarato volontariamente:

« Frank, al contrario, ha detto di essersi dichiarato perché era "motivato da due fattori: la mia profonda infelicità personale per la mia vita come personalità pubblica non dichiarata, e la mia convinzione che sarebbe stato di aiuto nella nostra lotta contro l'omofobia se mi fossi unito a circa 432 miei colleghi in parlamento, essendo anch'io onesto a proposito del mio orientamento sessuale. »

In lingua originale:

« Frank, to the contrary, has said he came out because he was "motivated by two factors: my deep personal unhappiness with my life as a closeted public person, and my view that it would be helpful in our fight against homophobia if I joined approximately 432 of my House colleagues in being honest about my sexual orientation. »
(Wave of outings hits Congress, Washington Blade, Friday, June 18, 2004.)

Ci si riferisce spesso alle opinioni di Barney Frank a proposito dell'outing chiamandole "The Barney Frank Rule", la legge di Barney Frank.

Barney Frank, parlamentare gay (partiro democratico del Massachusetts) ha detto che appoggia questa pratica solo in circostanze limitate.

« "Non sono incline a farlo, ma penso che se il parlamentare [che subisce outing] è strenuamente anti-gay, allora è appropriato," disse Frank. "Non esiste il diritto all'ipocrisia; non si ha il diritto di esimersi dalle cose negative che si fanno alle altre persone. »
(Wave of outings hits Congress, Washington Blade, Friday, June 18, 2004)

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni movimenti per i diritti gay continuano a disapprovare l'uso dell'outing come tattica politica, sostenendo che anche i conservatori anti-gay hanno il diritto alla privacy sulla loro vita personale, che andrebbe rispettato. Steven Fisher, un portavoce della Campagna per i Diritti dell'Uomo il gruppo di pressione più grande negli Stati Uniti per quanto riguarda i problemi di gay e lesbiche, commentando l'outing di Schrock, ha detto che è contro l'uso dell'"orientamento sessuale come arma." Christopher Barron, direttore politico di Log Cabin Republicans, un gruppo che rappresenta gay e lesbiche repubblicani ha detto:"siamo in forte disaccordo con la campagna per l'outing, ma lo siamo molto amareggiati che il presidente Bush abbia sostenuto l'amendamento sul matrimonio federale, contro le famiglie."

Roger Rosenblatt nel gennaio del 1993 disse nel suo saggio "Who Killed Privacy?" (chi ha ucciso la privacy?) sul New York Times Magazine che la pratica di fare outing su omosessuali [sic] implica contraddittoriamente che gli omosessuali abbiano il diritto a scelte private ma non a vite private." (ibid, p.80)

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Il Wissenschaftlich-humanitäres Komitee (Comitato scientifico-umanitario) di Magnus Hirschfeld ha discusso dell'outing nel 1902 e decise di non appoggiarlo. Comunque, quando Adolf Brand, fondatore di Der Eigene, ha contribuito allo scandalo Harden-Eulenburg facendo outing su "ipocriti" come Friedrich Dasbach, politico del partito antiriformista Centro, e Bernhard von Bülow, Hirschfeld testimoniò a favore degli outers. Questo danneggiò il supporto, i fondi e il numero dei membri del suo comitato. Brand fu condannato per diffamazione ai danni di von Bülow e condannato a 18 mesi di carcere e concluse che "la società rispettabile non può sopportare la verità". All'inizio degli anni trenta Ernst Röhm subì l'outing da parte della stampa di sinistra, e ciò fece modo che Brand scrisse che "in alcuni momenti, comunque, quando qualcuno--come un insegnante, un prete, un rappresentante, o un uomo di stato--vorrebbe danneggiare nel modo più grave gli intimi contatti d'amore di altri con un controllo degradatore--in quei momenti il suo amore e la sua vita smettono di essere un affare privato e non può più pretendere di essere protetta da lì in poi dallo scrutinio pubblico e da sviste sospette." (ibid, p. 85)

Personalità che hanno subito l'outing[modifica | modifica wikitesto]

Outing politico[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio recente di punizione politica fu l'outing del 2004 di Edward Schrock, un parlamentare repubblicano della Virginia, da parte dell'attivista dei diritti gay Michael Rogers. Rogers ha pubblicato una storia sul suo sito internet in cui rivela che Schrock ha usato un servizio di sesso telefonico interattivo per incontrare altri uomini con cui avere rapporti sessuali. Schrock non ha negato le accuse e ha annunciato il 30 agosto 2004 che non si candiderà per la rielezione.

Rogers ha dichiarato che ha fatto outing su Schrock per punirlo per la sua ipocrisia: Schrock ha votato per il Marriage Protection Act (legge sulla protezione del matrimonio) e ha anche firmato come sostenitore il Federal Marriage Amendament (emendamento federale sul matrimonio). "È arrivato il momento per questi gay omofobi di uscire allo scoperto o di subire l'outing," ha detto Rogers. "Schrock è il primo: ce ne saranno degli altri."

Outing nel clero[modifica | modifica wikitesto]

La recente ondata di casi di abuso sessuale tra le file della Chiesa cattolica ha portato all'outing di molti membri del clero cattolico. L'outing più recente che ha colpito la chiesa è avvenuto a New York dove un prete del New Jersey, Bob Hoatson ha accusato il cardinale Edward Michael Egan, arcivescovo dell'Arcidiocesi di New York, non solo di nascondere il dilagare degli abusi sessuali tra il clero a lui sottoposto, ma anche di essere un omosessuale praticante; di ciò Hoatson dichiarò di avere prova personale. La questione è ancora irrisolta; verrà chiarita col processo all'arcivescovo.

Impatto ed efficacia[modifica | modifica wikitesto]

L'efficacia dell'outing come tattica politica dipende dalla volontà dei media di raccontare che una persona ha subito l'outing. L'avvento di internet ha reso molto più facile l'outing di personalità pubbliche. Vent'anni fa Michael Rogers avrebbe dovuto convincere un giornale o qualche altro media a rischiare un'azione legale per raccontare le sue accuse a Schrock. Oggi può pubblicarle da solo sul suo sito internet e gli altri media potranno poi dire che lui l'ha fatto.

Signorile sostiene che l'outing di Pete Williams "e le sue conseguenze non hanno poi intaccato la politica dei militari contro i gay. La pubblicità che l'outing ha generato ha dato molta risonanza a questa linea di condotta nel 1992, forzando il problema nella campagna presidenziale," facendo promettere pubblicamente ad ogni candidato democratico e al candidato indipendente Ross Perot di porre una fine al bando. (ibid, p. 161)

Auto outing[modifica | modifica wikitesto]

Outing ha dato vita all'espressione "outing oneself" (fare outing su se stesso): consiste nell'annunciare che si ha una sessualità alternativa a quella pubblicamente dichiarata, solitamente per precedere qualcun altro dal farlo in un modo meno conveniente. L'esempio più recente di auto outing è quello del governatore del New Jersey Jim McGreevy, che ha annunciato di essere un "Gay American" nell'agosto del 2004. McGreevey era consapevole del fatto che il suo nome stava per essere fatto in una causa di molestie sessuali da Golan Cipel, il suo ex consigliere della sicurezza, con cui si presume McGreevey abbia avuto una relazione sessuale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Warren Johansson, William A. Percy, Outing, Harrington Park Press, New York 1994.
  • Michelangelo Signorile, Queer in America: sex, media, and the closets of power, 1993. ISBN 0299193748.
LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT