Ornithodira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ornitodiri)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ornithodira
Scleromochlus taylori.jpg
Ricostruzione di Scleromochlus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Sauropsida
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Clade Archosauriformes
Clade Archosauria
Clade Avemetatarsalia
Clade Ornithodira

Gauthier, 1986

Sottogruppi

Gli ornitodiri (Ornithodira) sono un gruppo di sauropsidi arcosauri descritto nel 1986 da Jacques Gauthier (e poi formalizzato nel 1991 da Paul Sereno) per raggruppare pterosauromorfi e dinosauromorfi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

In generale, gli ornitodiri sono dotati di una postura eretta, simile a quella dei mammiferi, e possiedono un collo curvato a S (da qui il nome Ornithodira, che significa “collo da uccello”). Rispetto agli altri arcosauri, gli ornitodiri possedevano generalmente una minore robustezza corporea e minori dimensioni (eccezion fatta per alcuni dinosauri e pterosauri). Il cranio era decisamente leggero rispetto a quello dei crurotarsi. Molti ornitodiri (tra cui i teropodi ed altri dinosauri) raggiunsero una condizione bipede.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli ornitodiri apparvero nel corso del Triassico medio (circa 235 milioni di anni fa) e, fin dall'inizio della loro storia evolutiva, si possono riconoscere due gruppi ben distinti: i dinosauromorfi (Dinosauromorpha) e gli pterosauromorfi (Pterosauromorpha).

I primi si svilupparono dapprima con forme basali minuscole (Lagerpeton, Marasuchus...), ma dopo pochi milioni di anni diedero origine a una vera e propria esplosione di forme grandi ed evolute, ovvero i dinosauri. Questi animali, classicamente divisi in due gruppi (Saurischia e Ornithischia) divennero i dominatori incontrastati del pianeta per 150 milioni di anni. Gli studiosi ritengono che un particolare gruppo di dinosauri, i teropodi, sia all'origine degli uccelli attuali; a tutti gli effetti, quindi, i moderni volatili sarebbero un gruppo di dinosauri estremamente specializzato. Gli uccelli sono l'unico gruppo di ornitodiri ancora esistenti.

Gli pterosauromorfi, invece, comprendono alcune forme primitive come Scleromochlus e, soprattutto, i ben noti pterosauri (o "rettili volanti"). Questi furono i primi vertebrati capaci di un vero e proprio volo. È interessante notare che, secondo molti studiosi, gli pterosauri non possedevano un collo a S e nemmeno una postura eretta: il clade Ornithodira, quindi, si baserebbe su un antenato comune ma non su caratteristiche condivise. In ogni caso, gli pterosauri dominarono i cieli del Mesozoico per tutto il Giurassico e il Cretacico, per poi estinguersi alla fine del periodo come gran parte degli altri rettili, tra cui i dinosauri (esclusi gli uccelli). I motivi di questa estinzione non sono ancora chiari, ma sembra probabile che tra le cause vi fosse l'impatto di un meteorite sulla Terra.

Filogenetica[modifica | modifica wikitesto]

Il cladogramma sotto risale al 2006 ed è tratto dall'analisi di Ezcurra.[1]

Avemetatarsalia
 

Scleromochlus taylori


Ornithodira
Pterosauromorpha
 

Scleromochlus


 

Pterosauria



Dinosauromorpha
 

Lagerpeton


Dinosauriformes
 

Marasuchus


 
 

Pseudolagosuchus


 
 

Silesaurus


 
 

Eucoelophysis


Dinosauria
 

Ornithischia


Saurischia
 

Herrerasauridae


Eusaurischia
 

Sauropodomorpha


 

Theropoda












Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]