Oleoliti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli oleoliti sono soluzioni oleose dei fitocomplessi curativi delle piante officinali o oli da condimento aromatizzati.

Possono essere ottenuti per soluzione da estratti fluidi liposolubili, per digestione solare, infusione e decozione, scaldando la pianta sino ad eliminare tutta l'acqua.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Gli olii più comunemente usati per l'estrazione dei principi attivi delle piante sono oli vegetali, composti prevalentemente da trigliceridi, come l'olio di semi di girasole, l'olio di riso, l'olio d'oliva, l'olio di palma, ma può essere utilizzato qualunque altro olio con funzione solvente.

Sono definiti anche come oli macerati o infusi ma nell'uso più comune, causando ambiguità, vengono chiamati oli anziché oleoliti seguiti dal nome della pianta, da cui ad esempio "olio di iperico" anziché "oleolito di iperico".

Data questa caratteristica arricchita l'olio vien generalmente indicato come condimento, in quanto non deve essere utilizzato per la cottura, ma solo per condire le pietanze.

Oleoliti più comuni[modifica | modifica wikitesto]

Sono utilizzati sia nella medicina tradizionale, sia nella cosmesi, sia in cucina e nelle preparazioni alimentari.

I più comuni sono:

Oleoliti per uso alimentare[modifica | modifica wikitesto]

Bottiglie di olio d'oliva aromatizzato con varie spezie, peperoncino, basilico e limone

Gli oli di vario genere possono essere arricchiti con gli aromi di diverse spezie. Il trasferimento degli aromi può avvenire durante la molitura delle olive, aggiungendo ad esempio foglie di basilico o altre spezie prima della filtrazione e imbottigliamento ed in questo caso l'oleolito non presenta elementi estranei al suo interno, oppure tale azione viene esercitata per contatto continuo con la droga o le spezie, che viene lasciata a macerare dentro al contenitore dell'olio, il quale rimane permanentemente a contatto con esse.[1] Il processo di macerazione tipico può essere effettuato sia a freddo che a caldo.

La produzione di questi oleoliti per uso alimentare deve considerare il rischio botulismo dovuto alla potenziale presenza di batteri Clostridium botulinum nelle erbe o spezie non acide o acidificate.[2]

Tipologia farmaceutica[modifica | modifica wikitesto]

Le forme galeniche più diffuse sono i macerati oleosi (Macer.ol.) e i decotti oleosi (Ol.coct.) come ad esempio:

  • Ol.coct. Matricariae (in Ol. Helianthii) → olio cotto di camomilla (in olio di girasole).
  • Macer.ol. Hyperici (in Ol. Ulivae) → olio di San Giovanni (in olio d'uliva).

Note[modifica | modifica wikitesto]