Nuño Muñoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuño Muñoz
Conte di Castiglia
In carica 899 - 909
Predecessore Diego Rodríguez Porcelos
Successore Gonzalo Fernández[1]
Nome completo Nuño Muñoz (o Nuñez) "él de Castrojeriz"
Nascita verso la metà del IX secolo
Morte Regno di León, ca. 912
Padre Nuño Nuñez "Rasura"[2]
Madre Argilo
Consorte una figlia di Rodrigo di Castiglia
Figli Nuño Nuñez
Muniadomna

Nuño Muñoz (o Nuñez) detto él de Castrojeriz (quello di Castrojeriz). Nuño anche in spagnolo, in portoghese e in galiziano (metà del IX secolo – Regno di León, 912 circa), è stato conte di Castiglia dall'897 circa al 909 circa.

Origine[3][modifica | modifica wikitesto]

Sembra probabile che fosse figlio di quel Nuño Nuñez "Rasura", che, dopo l'820, fu uno dei due primi Giudici di Castiglia (il giudice civile), oppure da Munio Núñez "él de Brañosera", che, nell'824, concesse la Carta Puebla (concessioni fatte alla popolazione per facilitare il ripopolamento di alcune zone della Castiglia) di Brañosera. La madre si chiamava Argilo

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima apparizione storica risulta nel ripopolamento e nella difesa del castello di Castrojeriz (882), avendo come base la città di Amaya.

Contea di Castiglia
Castiglia
Escudo de Castilla.svg

Rodrigo
Figli
Diego
Figli
  • Rodrigo
  • Gonzalo
  • Marello
  • Diego
  • Fernando
  • Gutina
  • Asura
  • Gomez
Nuño Muñoz
Figli
Gonzalo Téllez
Figli
  • Munio Gonzales
Nuño Nuñez
Gonzalo Fernández
Figli
Fernando Ansúrez
Figli
Nuño Fernández
Figli
  • Diego Nuñez
Gutier Núñez
Ferdinando Gonzales
Figli
Ansur Fernández
Figli
  • Fernando
  • Teresa
  • Oveco
  • Munio
  • Gutierre
  • Gonzalo
García Fernández
Figli
  • Sancho
  • Gonzalo
  • Mayor
  • Urraca
  • Elvira
  • Toda
  • Oneca
Sancho
Figli
García
Munia con Sancho III Garcés di Navarra
Ferdinando
Modifica

Dopo la morte del suo predecessore, suo cognato, Diego Rodriguez Porcelos, nell'885, la contea si era frantumata in tante piccole contee; verso la fine del secolo, ca. nell'899, dopo aver riunito alcune contee nate dal frazionamento, ridiede vita ad una contea di Castiglia, seppur di dimensione ridotta, rispetto a prima.

La penisola iberica, nel 910 circa.

Il primo documento storico in cui appare il suo nome e viene denominato conte di Castiglia e datato 899: una sua figlia, Munniadomna, sposò il futuro Re di León, García I, figlio primogenito del re delle Asturie, Alfonso III Magno.

Sembra che tra il 901 ed il 904, Nuño perse il controllo della contea, perché Alfonso III nominò conte di Castiglia, Gonzalo Téllez, in contrapposizione a Nuño Muñoz.

Nel 909 appoggiò la ribellione dei figli di Alfonso III contro il padre, re delle Asturie, che, dopo l'abdicazione del padre portò Garcia sul trono del León ed i due fratelli minori, Ordoño e Fruela, rispettivamente sui troni di Galizia e delle Asturie.

Dopo tale data, Nuño, lasciata la Castiglia si trasferì nel Regno di León; infatti non viene più citato come conte di Castiglia, e fu tra i protagonisti, assieme a Gonzalo Fernández ed a Gonzalo Téllez (che fu il ripopolatore di Osma), dell'espansione, completata nel 912, del regno di León sino al fiume Duero.

Non si sa la data esatta della sua morte, comunque in Castiglia, dopo la sua partenza, dal 909, si era imposto, sempre con una contea ridotta il conte di Burgos, Gonzalo Fernández.

Discendenza[3][modifica | modifica wikitesto]

Dalla moglie, che con ogni probabilità era la figlia del conte di Castiglia, Rodrigo, Nuño Núñez ebbe due figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il re delle Asturie, Alfonso III Magno, tra il 901 ed il 904, nominò conte di Castiglia, Gonzalo Téllez, in contrapposizione a Nuño Muñoz.
  2. ^ Altri sostengono che fosse figlio di Munio Núñez "él de Brañosera"
  3. ^ a b (EN) Dinastie comitali e poi reali di Castiglia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, Il califfato occidentale, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 477-515

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Castiglia Successore Escudo de Castilla.png
Diego Rodriguez Porcelos 897-901 Gonzalo Téllez I
Gonzalo Téllez 904-909 Gonzalo Fernández II