García I di León

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
García I
García I de León.jpg
Statua di García I delle Asturie, che si trova nel passeggio dell'Argentina[1], a Madrid
Re delle Asturie e del León
In carica 910 - 914
Predecessore Alfonso III
Successore Ordono II
Nome completo García Alfonso
Nascita 871
Morte Zamora, 914
Padre Alfonso III
Madre Jimena Garcés
Consorte Muniadomna (o Nuña) Nuñez

García Alfonso, García anche in spagnolo, in galiziano e in asturiano, Garcia, in catalano e in portoghese, Gartzia, in basco e Garzia, in aragonese (871Zamora, 19 gennaio 914),, ebbe il titolo di re delle Asturie e del León, ma, stabilendosi a León, fu il primo re del León dal 910 al 914.

Origine[2][modifica | modifica wikitesto]

Figlio primogenito del re delle Asturie, Alfonso III il Grande e di Jimena Garcés, (848-912), molto probabilmente figlia del re di Navarra, García I Íñiguez di Pamplona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Penisola iberica (carta politica), nel 910

Collaborò col padre nell'azione di governo del regno delle Asturie, che comprendeva anche la Galizia e il León.
Si sposò con Muniadomna (o Nuña) Nuñez, figlia del conte di Castiglia, Nuño Muñoz[2].

Istigato dal suocero, García, nel 910, capeggiò una cospirazione, ordita per destituire il padre e prenderne il posto; ma la cospirazione fu scoperta da re Alfonso che ebbe la certezza della partecipazione di García; allora quest'ultimo fu incarcerato su ordine del padre.

Regno di León
León
Coat of Arms of Leon with the Royal Crest.svg

Garcia I
Ordoño II
Fruela II
Figli
Alfonso IV
Figli
Ramiro II
Ordoño III
Figli
Sancho I
Figli
Ordoño IV
Ramiro III
Figli
  • Ordono
Bermudo II
Figli
Alfonso V
Figli
Bermudo III
Sancha I con Ferdinando I
Figli
Alfonso VI (deposto, nel 1072, per pochi mesi, da Sancho II)
Figli
Urraca I
Figli
Alfonso VII
Ferdinando II
Figli
Alfonso IX
Figli
Sancha II e Dolce I
Modifica

Nuño Fernández allora organizzò una sollevazione di nobili, appoggiata anche dalla regina Jimena e dagli altri figli di Alfonso, Fruela e Ordoño, che, per evitare la guerra civile, portò Alfonso III a ritirarsi, con Jimena, a Zamora (dove morì il 20 dicembre 910) liberò García, e divise il regno tra i suoi tre figli maggiori:

  • a García il figlio maggiore andò il León
  • a Ordoño, il secondogenito andò la Galizia
  • a Fruela, terzogenito andarono le Asturie.

Alla morte del padre, García divenne re delle Asturie e del León, ma in effetti continuò a governare nel solo León, confermando capitale del suo regno León, che era già capitale del regno delle Asturie, dopo che Alfonso III, negli ultimi anni del suo regno, l'aveva trasferita da Oviedo.
Con la collaborazione dei conti di Castiglia, completò le fortificazioni sul fiume Duero e ripopolò le zone di Roa, Osma, Clunia nella Provincia di Burgos e San Esteban de Gormaz.

García nel 913 raggiunse la sua frontiera orientale, i domini di Gonzalo Téllez, le contee di Lantarón e Cerezo. Da qui avanzò nella Rioja conquistando Nájera e Calahorra e ponendo l'assedio ad Arnedo, che resistette. Senza apparente motivo, le truppe leonesi si ritirarono, molto probabilmente per una grave infermità di García.

Alla sua morte, nel 914, non lasciando alcuna discendenza, suo fratello, Ordoño, secondogenito di Alfonso III, che governava la Galizia, col titolo di re di Galizia, fu proclamato re re delle Asturie e del León.

Discendenza[2][modifica | modifica wikitesto]

García e Muniadomna[3] non ebbero figli.

Firma[modifica | modifica wikitesto]

Firma di García I[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La statua di García I delle Asturie, che si trova nel passeggio dell'Argentina, popolarmente detto El paseo de las estatuas, nel Parco del Retiro di Madrid; è una delle statue di monarchi spagnoli commissionate per la decorazione del Palazzo reale di Madrid durante il regno di Ferdinando VI. L'idea iniziale ara stata di adornare la cornice del palazzo; scolpite da Olivieri e Filippo de Castro, non furono mai poste nelle posizioni per cui erano state scolpite, ma furono piazzate in altri luoghi della città: piazza d'Oriente, parco del Retiro, porta di Toledo. Alcune furono posizionate in altre città.
  2. ^ a b c (EN) Dinastie reali di Asturie e Leon
  3. ^ Muniadomna, in seconde nozze sposò il conte di Castiglia, Fernando Ansúrez, a cui diede un figlio, Ansur Fernández
  4. ^ http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/7/71/Signature_of_Garc%C3%ADa_I_of_León.jpg

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, il califfato occidentale, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 477–515

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di León
(era parte del regno delle Asturie)
Blason Léon.svg
Successore
Alfonso III il Grande 910914 Ordoño II
Controllo di autorità VIAF: (EN30384493 · GND: (DE121114139 · CERL: cnp00563416