Nic Cester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nic Cester
NicCester Chicago04.jpg
NazionalitàAustralia Australia
GenereGarage rock
Soft rock
Periodo di attività musicaleanni '90 – in attività
Strumentovoce, chitarra, piano
EtichettaElektra Records
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Nicholas John "Nic" Cester (Melbourne, 6 luglio 1979) è un cantautore e chitarrista australiano, frontman, insieme al fratello Chris, del gruppo musicale rock Jet, giunto al successo mondiale con l'album Get Born, del 2003.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nic e Chris Cester in concerto

Nato a Melbourne, Cester è il maggiore di quattro fratelli, nati da madre scozzese e padre australiano i cui genitori erano italiani[1], provenienti dalla provincia di Treviso e dalla provincia di Pordenone (Ercole)[2]. Frequentò il St. Bedes Boys College di Mentone. La grafia del cognome è Cester senza la h dopo la c perché è di origine friulana e in origine si pronunciava Cestèr[2].

Nel 1996 formò i Jet con Cameron Muncey mentre frequentava la High School. Cester decise di imparare a suonare la chitarra dopo che vide lo zio suonare Blackbird dei Beatles. L'ultima formazione di Jet era composta da Nic Cester (voce, chitarra), il fratello Chris (batteria, percussioni, voce), Cameron Muncey (prima chitarra, voce) e Mark Wilson (basso). Quando la band iniziò ad esibirsi nei club, Cester lavorava in un'industria di Melbourne come operatore del carrello elevatore. I Jet, che suonavano regolarmente all'Hotel Duke of Windsor di Chapel Street, nel Windsor, furono notati da Dave Powell della Majorbox Music, che li scritturò sotto l'etichetta Elektra dopo che il singolo di debutto, Take It Or Leave It, divenne una hit.

Nel 2010, per il festival Big Day Out di Sydney, ha cantato Back in Black degli AC/DC assieme ai Muse.

Nel 2014 ha partecipato alla rimasterizzazione dell'album Hai paura del buio? degli Afterhours, reinterpretando il brano Veleno.

Dal 2014 ha soggiornato tra Italia e Germania, impegnato nella scrittura del suo primo album solista. Dalla permanenza in Italia è nata l'idea di costituire il gruppo Nic Cester & The Milano Elettrica, band di nove elementi con due batterie e una sezione di fiati di cui fanno parte anche Adriano Viterbini e Sergio Carnevale dei Bluvertigo. La band ha debuttato nell'aprile 2017 per due date a Melbourne, in Australia, e ha poi suonato a Londra. Nel luglio 2017 la band ha fatto da supporto ai Kasabian durante le date italiane del gruppo inglese (Roma, Padova e Lucca).

Nel novembre 2017 ha pubblicato il suo primo album in studio da solista, Sugar Rush, a cui hanno partecipato Tommaso Colliva in qualità di produttore e i Calibro 35 come band.[3]

Il 17 Maggio 2018, realizza nel Teatrino di Vetriano, nel Comune di Pescaglia (LU), già certificato nel 1997 dal Guinness dei primati come teatro storico più piccolo del mondo, un live unico, il "concerto rock più piccolo del mondo", poponendo dal vivo i brani del suo album da solista, Sugar Rush, la struggente Shin On ed un omaggio a Ivan Graziani, suonando insieme al cantautore Brunori Sas una cover di Monnalisa. Questo speciale showcase del Lucca Summer Festival 2018 è stato ripreso dalle telecamere del canale satellitare Sky Arte HD.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Con i Jet[modifica | modifica wikitesto]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Parla fluentemente l'italiano, imparato dal 2014[2]. È fidanzato con Pia McGeoch e quando non è impegnato in tour trascorre molto tempo tra Melbourne e Como. Nell'agosto 2004 perse il padre, morto di cancro. Scrisse la canzone Shine On dedicandola ai fratelli minori e ai cugini. Nell'ottobre 2006 gli furono diagnosticati dei noduli alle corde vocali. I concerti dei Jet furono rinviati e poi recuperati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jet Interview, Part One, Will and Lehmo, 4-6 weekdays, Triple M Radio, 105.1, Melb, Australia Copia archiviata, su triplem.com.au. URL consultato il 2 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2011).
  2. ^ a b c Intervista a Rock And Roll Circus, Rai Radio 2, 23 luglio 2017.
  3. ^ Ondarock Recensioni 2017 Nic Cester - Sugar Rush, ondarock.it.
  4. ^ (IT) PAOLO PACINI, Concerto "bonsai": show di Nic Cester al teatrino di Vetriano - La Nazione, in La Nazione, 18 maggio 2018. URL consultato il 25 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN295110337 · ISNI (EN0000 0003 9983 6125