Netočka Nezvanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Netočka Nezvanova
Titolo originaleНеточка Незванова
AutoreFëdor Dostoevskij
1ª ed. originale1849
Genereromanzo
Lingua originale russo

Netočka Nezvanova (in russo: Неточка Незванова) è un romanzo dello scrittore russo Fëdor Dostoevskij. Pubblicato nel 1849, è rimasto incompiuto a causa dell'arresto dell'autore per motivi politici.

L'opera narra le vicende di Netočka, una ragazzina fantasiosa e sensibile ma sfortunatamente nata in una famiglia povera e disperata. L'adozione, una volta rimasta orfana, presso una famiglia più agiata - dove si legherà a una sua coetanea di nome Katja - rappresenterà un riscatto per la sua esistenza. Il romanzo dette scandalo (ma non contribuì alle accuse di sovversivismo politico che ebbero a gravare su Dostoevskij) per la descrizione morbosa del rapporto sentimentale che si viene a instaurare tra la protagonista e Katia, specie quando di notte le due bambine si ritrovano di nascosto per baciarsi. Netočka Nezvanova fece pensare a tendenze (o almeno a latenti fantasie) pedofile dell'autore. Negli anni successivi, le polemiche nate con questo romanzo furono probabilmente il motivo dell'esclusione - imposta contro il volere dell'autore - del capitolo Da Ticon dall'edizione definitiva del romanzo I demoni; in esso, infatti, il protagonista Stravrogin racconta al monaco Ticon lo stupro da lui effettuato su una bambina che, in seguito allo shock, si suicida.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Le traduzioni in italiano sono di Federigo Verdinois, Marussia Grigorieva e Mario Visetti, Leo Gastovinski, Antonio Pietrangeli, Rinaldo Küfferle, Riccardo Rossi, Anna Lubic e Igor Sibaldi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura