Myrciaria dubia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Camu-camu
Camu-camu.JPG
Myrciaria dubia
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Myrtales
Famiglia Myrteae
Genere Myrciaria
Specie M. dubia
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Myrtales
Famiglia Myrtaceae
Sottofamiglia Myrtoideae
Tribù Myrteae
Genere Myrciaria
Specie M. dubia
Nomenclatura binomiale
Myrciaria dubia
(Kunth) McVaugh, 1963
Sinonimi

Psidium dubium
Kunth

Myrciaria dubia ((Kunth) McVaugh, 1963), comunemente noto come camu-camu, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Myrtaceae, endemico della foresta amazzonica[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Può arrivare a misurare fino a 8 m di altezza. Si coltiva per utilizzarne la frutta che contiene molta vitamina C.

Semi secchi di Camu Camu

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Che cresce in forma selvatica su suoli alluvionali che sono inondati durante le epoche delle piogge.

Si trova principalmente lungo i fiumi Ucayali e Rio delle Amazzoni e i loro affluenti, specialmente nel settore ubicato tra le località di Pucallpa (sul fiume Ucayali) e Pebas (sul Rio delle Amazzoni).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Myrciaria dubia, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) Myrciaria dubia (Kunth) McVaugh | Plants of the World Online | Kew Science, su Plants of the World Online. URL consultato il 25 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica