Museo d'arte contemporanea Masedu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo d'arte contemporanea Masedu
Museo d'arte contemporanea Masedu.jpg
Vista da Corso Giovanni Pascoli.
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàSassari
IndirizzoVia Mons. Antonio Piga 5-7 /
Corso G. Pascoli 16
Caratteristiche
Tipoarte contemporanea
Apertura1999

Coordinate: 40°44′03.12″N 8°33′38.16″E / 40.7342°N 8.5606°E40.7342; 8.5606

Il Museo d'arte contemporanea Masedu è un museo d'arte contemporanea con sede a Sassari nel quartiere di Monte Rosello.

Inaugurato nel 1999 recuperando gli spazi dell'ex-saponificio Masedu, da cui il nome, viene gestito dalla Provincia di Sassari ed è stato recentemente rinnovato nel 2011.

Mostre temporanee[modifica | modifica wikitesto]

  • 54ª Esposizione della Biennale Internazionale d'Arte di Venezia. Padiglione Sardegna (10 giugno - 27 novembre 2011)
  • Ciad. Dalla Savana al Sahara attraverso il Sahel (12 - 16 ottobre 2005)
  • Marilena Sini - Don Chisciotte, lode alla follia (5 - 16 luglio 2005)
  • Jean-André Bertozzi/Leonardo Boscani - L'umana ambizione (10 giugno - 3 luglio 2005)
  • Viaggio in Sardegna (23 aprile - 31 maggio 2005)
  • Daniele Montis - I Giardini di legno. Metamorfosi di una vecchia miniera (25 marzo - 14 aprile 2005)
  • Media.comm(unity)/comm.medium (28 febbraio - 28 maggio 2004)
  • noBody - David Farrell/Pietrolio (19 dicembre 2003 - 8 gennaio 2004)
  • L'isola al di là dal mare - Francesco Cito (22 novembre - 30 dicembre 2003)
  • Antonio Marras - Il racconto della forma (31 maggio - 30 giugno 2003)
  • Salvatore Ligios - Padri e figli. Sulle tracce di Amsicora (4 aprile - 4 maggio 2003)
  • L'Istituto d'arte di Sassari 1935-2002. Una scuola d'arte per la Sardegna (18 gennaio - 19 maggio 2003)
  • Stanis Dessy (31 maggio - 3 novembre 2002)
  • Mario Delitala - L'opera completa (16 novembre 1999 - 16 gennaio 2000)
  • Vincenzo Satta - L'impalpabile luce della pittura (17 giugno - 18 luglio 1999)
  • Atlante: geografia e storia della giovane arte italiana (23 aprile - 23 maggio 1999)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]