Monte Tre Denti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Tre Denti
Monte tre denti da roccia castellar.jpg
I Tre Denti visti dalla roccia Castellar
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
Altezza1 365 m s.l.m. e 2 502 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate44°58′19.67″N 7°19′23.7″E / 44.97213°N 7.32325°E44.97213; 7.32325Coordinate: 44°58′19.67″N 7°19′23.7″E / 44.97213°N 7.32325°E44.97213; 7.32325
Altri nomi e significatiTre Denti di Cumiana
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Tre Denti
Monte Tre Denti
Mappa di localizzazione: Alpi
Monte Tre Denti
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Sud-occidentali
SezioneAlpi Cozie
SottosezioneAlpi del Monginevro
SupergruppoCatena Bucie-Grand Queyron-Orsiera
GruppoGruppo dell'Orsiera
SottogruppoCostiera Orsiera-Ricciavrè
CodiceI/A-4.II-A.3.b

Il monte Tre Denti (1.365 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi del Monginevro nelle Alpi Cozie. Si trova in Piemonte al confine tra i comuni di Cumiana e Cantalupa. È piuttosto nota per la presenza di molte vie di roccia di varia difficoltà e lunghezza[1]; il suo versante settentrionale è incluso nel Parco naturale di interesse provinciale del Monte Tre Denti - Freidour.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il dente orientale visto dal Colle della Bessa
Il dente occidentale con, sullo sfondo, il Monviso.
La cappella in vetta al dente orientale.

Il monte si trova sullo spartiacque tra la Val Chisola (a nord) e la Val Noce (a sud). Il colle Rumiano (1.170 m, localmente noto anche come colle della Bessa[2]) lo separa a sud-est dal vicino Monte Brunello, mentre il Colle Aragno (1.280 m) lo divide dal Freidour. È composto da una serie di rilievi rocciosi disposti in senso est/ovest, i cosiddetti denti, il più alto dei quali - quello occidentale - raggiunge una quota di 1365 metri. Sul dente orientale (1.342 m) sorge una cappella mentre su quello occidentale si trova una statua della Madonna collocata su una traliccio di sostegno.

In corrispondenza della montagna è collocato anche il punto geodetico trigonometrico dell'IGM codice 067108 denominato Monte Tre Denti.[3]

Accesso alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Un primo itinerario escursionistico di accesso alla vetta parte dalla cappella di San Martino di Cantalupa, raggiunge il colle della Bessa (o colle Rumiano, 1.170 m) e perviene al dente orientale tenendosi inizialmente nei pressi del crinale spartiacque e poi salendo sulla cima per placche rocciose il cui superamento è facilitato da scalinature e da una corda fissa. Anche la salita al dente occidentale è facilitata da scalinature e graffe metalliche.

Sono possibili varie alternative tra le quali la partenza dalla borgata Ciom di Cumiana o dal colle del Crò (San Pietro Val Lemina), in questo caso transitando per il Monte Freidour oppure per il rifugio Melano.

Arrampicata[modifica | modifica wikitesto]

Sui Denti di Cumiana e sulle pareti rocciose circostanti sono state nel tempo aperte molte vie di arrampicata, alcune delle quali si possono considerare tra le più classiche della Provincia di Torino.[4] La maggioranza delle salite classiche e più recenti si svolge sull'assolato ed aspro versante sud della montagna. Alcune descrizioni delle vie alpinistiche per la salita alle varie sommità che compongono la montagna risalgono a famosi alpinisti degli anni Trenta del Novecento come R.Chabod, G. Boccalatte, R.Ravelli.[1]

Punti di appoggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Eugenio Ferreri, Alpi Cozie Centrali, San Donato Milanese, CAI e TCI, 1982, pp. 341-344, ISBN non esistente.
  2. ^ Tre Denti di Cumiana - Dente Orientale da San Martino, itinerario dell'utente gigi02_to, 2008; on-line su www.gulliver.it (consultato nel gennaio 2013)
  3. ^ Punti Geodetici, servizio dell'IGM on-line su www.igmi.org Archiviato il 5 giugno 2012 in Internet Archive. (consultato nel gennaio 2013)
  4. ^ e.scagliotti, Le storiche vie dei Denti di Cumiana - Via Brik. URL consultato il 1º gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV, Monte Tre Denti Freidour, Torino, Hapax, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 6 - Pinerolese Val Sangone, scala 1:25.000, ed. Fraternali
  • 17 - Torino Pinerolo e Bassa Val di Susa, scala 1:50.000, ed. IGC - Istituto Geografico Centrale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Fulvio Senore, Tre Denti di Cumiana, su pano.ica-net.it. URL consultato il 31 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2019).