Moncodeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moncodeno
Esino-Moncodeno-2012.jpg
Moncodeno
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Lecco Lecco
Catena Alpi
Coordinate 45°56′39.6″N 9°23′15″E / 45.944333°N 9.3875°E45.944333; 9.3875Coordinate: 45°56′39.6″N 9°23′15″E / 45.944333°N 9.3875°E45.944333; 9.3875
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Moncodeno
Moncodeno
Mappa di localizzazione: Alpi
Moncodeno
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Alpi e Prealpi Bergamasche
Sottosezione Prealpi Bergamasche
Supergruppo Prealpi Bergamasche Occidentali
Gruppo Gruppo delle Grigne
Sottogruppo Gruppo della Grigna settentrionale
Codice II/C-29.II-A.3.b/a

Il Moncodeno (Moncoeuden in lombardo) è il versante nord della Grigna settentrionale, per la maggior parte nel territorio amministrativo del Comune di Esino Lario e in minima parte di quello di Cortenova. Il paesaggio è notevolmente carsificato e sono presenti centinaia di grotte, alcune delle quali molto importanti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Tra tutte ricordiamo il complesso dell'Alto Releccio, che, con i suoi 1190 m di profondità, rappresenta una delle più profonde grotte in Italia, e la "ghiacciaia di Moncodeno", una grotta, visitata anche da Leonardo che conserva il ghiaccio e una temperatura ridotta anche in piena estate.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1881 si celebra a Milano il quattordicesimo congresso degli alpinisti italiani. I delegati del Club Alpino Italiano (CAI) vengono invitati a partecipare ad una cerimonia destinata ad entrare nella storia dell'alpinismo lombardo. A 1800 m di quota, sul versante settentrionale della Grigna settentrionale (Grignone), nella zona nota al mondo scientifico per gli studi del presidente della sezione milanese del Cai, l'abate e geologo lecchese Antonio Stoppani, viene inaugurata la Capanna di Moncodeno. È il primo rifugio su quelle che, nei decenni successivi, diventeranno le montagne più popolari della Lombardia, le Grigne.

La Capanna fu distrutta da una valanga nel 1897. Il CAI di Monza decise di ricostruirla poco distante nel 1906 chiamandola Capanna Monza. Questa fu incendiata e distrutta nuovamente dai nazifascisti nel 1944. Al nuovo edificio, ricostruito e inaugurato nel 1951, fu dato il nome di Rifugio Arnaldo Bogani.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Itinerari naturalistici in Moncodeno, Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d'Esino Riviera, 2003.
  • Pietro Buzzoni, Andrea Spandri, Giuseppe Carì, Calcare d'autore, Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d'Esino Riviera, 2007.
  • www.valsassinacultura.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]