Mods & Rockers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con l'espressione inglese Mods and Rockers s'intende il conflitto fra le subculture mod e rocker, iniziato negli anni sessanta in Inghilterra.

Questo conflitto focalizzò l'attenzione dei media sul disagio giovanile e le subculture furono demonizzate a lungo, finché all'inizio degli anni settanta l'attenzione su questa rivalità cessò per focalizzarsi sulle subculture emergenti degli hippy e degli skinhead.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla nascita, i due movimenti rocker e mod presentavano diverse divergenze:

  • i rocker vestivano in pelle ed utilizzavano spille ed oggetti metallici, mentre al contrario i mod erano soliti vestirsi elegantemente;
  • i rocker portavano capelli impomatati e basette lunghe o baffi, mentre i mod avevano un look più curato;
  • i rocker utilizzavano motociclette, mentre i mod erano accaniti guidatori di scooter';
  • i rocker ascoltavano principalmente rock and roll cantato dagli artisti bianchi degli anni '50 e '60 come Elvis Presley, Gene Vincent e Eddie Cochran, mentre i mod ascoltavano il jazz e rock britannico di gruppi come The Who, The Kinks, The Yardbirds e The Beatles pur avendo successivamente iniziato a focalizzarsi anche su altri generi come il soul e lo ska, principalmente opera di musicisti afrostatunitensi.

Nel tempo queste differenze portarono i rocker, dall'aspetto più mascolino, a ritenere i mod dei tossicodipendenti effeminati e snob, mentre questi ultimi a ritenere i rocker dei bulli ignoranti e cafoni, e a considerarli dei "ribelli senza uno scopo", ossia persone che si ritenevano diverse ma in realtà la loro "ribellione" era soltanto una moda.

Scontri[modifica | modifica wikitesto]

Laddove le zone occupate da esponenti delle due subculture si sovrapponevano o erano di dubbia attribuzione (ad esempio le spiagge), era possibile assistere a scontri fra le due fazioni, durante i quali venivano utilizzati coltelli a serramanico, mazze o ami da pesca cuciti nei risvolti delle giacche.[1]

Il più importante conflitto fra mod e rocker avvenne nel 1964 a Clacton, nel periodo pasquale. Altri scontri avvennero durante particolari giorni festivi in alcune località balneari dell'Inghilterra meridionale, dove molti londinesi passano l'estate, quali Margate, Broadstairs e Brighton (ad esempio il 18 e 19 maggio 1964), quando migliaia di mod si trovarono a fronteggiare altrettanti rocker. A Brighton, dei mod aggredirono i rocker durante un concerto: le risse durarono due giorni consecutivi e si spostarono fino ad Hastings (da qui il nome di "seconda battaglia di Hastings" dato all'evento dai giornali).[2]

Panico morale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Panico morale.

Stanley Cohen (un sociologo inglese) negli anni '70 coniò per l'occasione il termine panico morale: ovvero un panico di massa ingustificato su una minaccia piccola o inesistente enfatizzato dai mass media. Il tutto è da rincodurre alla stampa dell'epoca che decise di raccontore al pubblico britannico gli scontri tra i gruppi (nulla al di fuori dall’ordinario rispetto ad alcune risse da bar) come un fenomeno epocale, con un gran numero di bande organizzate di vandali rivali che, a bordo delle loro motociclette e dei loro scooter, la notte mettevano a ferro e fuoco le tranquille città dell'Inghilterra.[3]

Come ha ricostruito Cohen, in realtà non c’erano mai state bande organizzate all’opera, e tra le persone coinvolte nelle risse la moto era posseduta solo da una una piccola parte di individui. Prima dei racconti dei giornali nemmeno esisteva una netta rivalità tra le due sottoculture biker la quale si consolidò invece dopo la pubblicità ottenuta.[3]

L'influenza del conflitto nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stanley Cohen, Folk Devils and Moral Panics, The Creation of the Mods and Rockers. Routledge, (1972,) ISBN 0-85965-125-8.
  • Johnny Stuart, (1987) Rockers!, Plexus Publishing Ltd. ISBN 0-85965-125-8

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]