Modifiche territoriali causate dalla seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Seconda guerra mondiale.

Modifiche territoriali causate dalla Seconda guerra mondiale. Le modifiche si riferiscono ai confini degli stati nei confini del 1° gennaio 1938, pertanto esclusi i cambiamenti avvenuti successivamente, che sono ritenuti nulli.

Alleati[modifica | modifica wikitesto]

Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Cecoslovacchia[modifica | modifica wikitesto]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Albania[modifica | modifica wikitesto]

  • Riottiene ufficialmente l'indipendenza dall'Italia e ottiene l'isola di Saseno dall'Italia

Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Potenze dell'Asse[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Romania[modifica | modifica wikitesto]

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

  • Mantiene la Dobrugia Meridionale, tolta alla Romania

Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Seconda guerra mondiale Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di seconda guerra mondiale