Matteo Mantero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Mantero
Matteo Mantero datisenato 2018.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Liguria
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Liguria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente (dal 2021)
In precedenza:
M5S (2010-2021)
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico Industriale
Professione Commerciante

Matteo Mantero (Loano, 23 agosto 1974) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mantero si trasferisce da giovane a Savona dove prende il diploma all'ITIS come perito chimico industriale con il voto di 50/60. Frequenta l'Università di Genova, ma sostiene solo 19 dei 26 esami previsti dal piano di studi e non arriva a conseguire la laurea.
Dal 1999 al 2002 gestisce un ristorante a Savona, dal 2001 al 2007 lavora come agente di commercio per alcune aziende specializzandosi nel settore dell'arredamento. Dal 2005 apre anche un'attività in proprio di arredamento e interior design. Collabora con alcune riviste; nel 2013 decide di chiudere l'attività per dedicarsi alla scrittura; tra le pubblicazioni stampate c'è Viva la Revoluction.
Collabora con una locale società amatoriale di basket, che l'ha visto militare per alcuni anni nel campionato CSI ed in promozione.[1]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2010 fa parte del Movimento 5 Stelle di Savona, dove si è candidato per la tornata elettorale del rinnovo del consiglio comunale avvenuta nel 2011. Collabora come organizzatore e scrittore di articoli, oltre che di mozioni in aiuto ai consiglieri eletti in municipio. Nel 2012 viene contatto dallo staff del Movimento 5 Stelle per candidarsi al Parlamento Italiano, viene votato alle parlamentarie e risulta il primo nella lista nella circoscrizione Liguria.

Nel 2013 viene eletto alla Camera dei deputati per il Movimento 5 Stelle.

Alle elezioni politiche del 2018 è eletto al Senato.

Vicino alle posizioni di Roberto Fico, fa parte della corrente di sinistra del Movimento, cosiddetta ortodossa, critica nei confronti del leader Luigi Di Maio.[2]

Il 31 ottobre 2018 deposita un disegno di legge per proporre l'eutanasia in Senato.[3]

Il 7 novembre 2018 non partecipa al voto di fiducia sul decreto sicurezza del Ministro dell'Interno Matteo Salvini, dichiarandosi contrario alle misure in esso contenute.[4]

Il 9 gennaio 2019 deposita in Senato un disegno di legge per legalizzare la coltivazione, la lavorazione e la vendita della cannabis e dei suoi derivati.[5]

Il 17 febbraio 2021 è uno dei 15 senatori del M5S a votare contro la fiducia al Governo Draghi.

Il giorno dopo il Capo politico del M5S Vito Crimi annuncia l'espulsione di tutti i 15 senatori che non hanno votato la fiducia al governo nel giorno precedente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34235209 · ISNI (EN0000 0000 4886 4714 · LCCN (ENno2007059838 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007059838