MArteLabel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MArteLabel
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione2008
Fondata daGiuseppe Casa, Claudio Coticoni, Francesco Lo Brutto, Danilo Grossi
Sede principaleRoma (RM)
SettoreMusicale
Prodottirock, indipendente
Slogan«etichetta eclettica»
Sito web

MArteLabel è un'etichetta discografica indipendente italiana, fondata nel 2008 da Giuseppe Casa (Peppe Casa), Claudio Coticoni, Francesco Lo Brutto e Danilo Grossi.[1]. Dal 2015 è attiva anche Beta Produzioni, etichetta sussidiaria con la quale vengono prodotti o editi progetti affini allo spirito MArteLabel (Odiens, Leo Folgori, Gianluca Secco).[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

MArteLabel nasce nel 2008 come spin off della sezione musica di MArteLive con l'intento di produrre gli artisti selezionati attraverso il concorso e altri progetti indipendenti Italiani. L'etichetta ha all'attivo 22 produzioni con il marchio MArteLabel[3] e 11 tra produzioni ed edizioni con l'etichetta sussidiaria Beta Produzioni.[4]

Negli anni ha prodotto artisti come Nobraino, Roberto Dell'Era, Gianluca De Rubertis, Management del Dolore Post-Operatorio, UNA.

Nel corso dell'edizione 2012 del MEI (Meeting Etichette Indipendenti) viene assegnato il Premio PIMI per la migliore etichetta.[5]

Nel dicembre 2015 è stato diramato un comunicato stampa che annuncia il nuovo assetto strategico dell'etichetta.[6][7][8][9] La nuova piattaforma è stata presentata il 13 febbraio 2016 in occasione del MArteLabel fest al MONK CLUB di Roma al quale hanno partecipato diversi artisti dell'etichetta: Anudo, Camera, Gianluca De Rubertis, Gli Scontati, Mammooth, Roberto Dell'Era, UNA, Moustache Prawn, Gianluca Secco, Leo Folgori, Odiens e alcuni degli artisti della Factory MArteLabel. [10] [11]

Eventi promozionali[modifica | modifica wikitesto]

Periodicamente l'etichetta organizza il MArteLabel fest, un evento itinerante in varie città italiane con lo scopo di presentare le nuove produzioni discografiche:

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

MArteLabel[modifica | modifica wikitesto]

Gli artisti che hanno, o hanno avuto, un contratto discografico o di management con MArteLabel sono:

Beta Produzioni[modifica | modifica wikitesto]

Gli artisti prodotti o editati con il marchio Beta Produzioni:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MArteLabel, MArteLabel. URL consultato il 4 marzo 2016.
  2. ^ L’intervista: Giuseppe Casa Ci Parla Di MarteLabel, Urbanweek. URL consultato il 4 marzo 2016.
  3. ^ MArteLabel Catalogo, MArteLabel. URL consultato il 4 marzo 2016.
  4. ^ Beta Produzioni, MArteLabel. URL consultato il 4 marzo 2016.
  5. ^ MArteLabel al Mei 2.0, Audiocoop. URL consultato il 4 marzo 2016.
  6. ^ L'Isola che non c'era, http://www.lisolachenoncera.it/rivista/interviste/nuovi-percorsi-per-una-moderna-sindrome-di-stendha/. URL consultato il 4 marzo 2016.
  7. ^ InsideArt, http://insideart.eu/2015/12/14/la-filosofia-di-martelabel/. URL consultato il 4 marzo 2016.
  8. ^ ExitWell, http://www.exitwell.com/martelabel-tutte-le-novita-delletichetta-dellarte/. URL consultato il 4 marzo 2016.
  9. ^ MArteLabel Un Universo più che musicale, Exibart. URL consultato il 4 marzo 2016.
  10. ^ MArteLabel, http://www.martelabel.com/notizie/item/496-martelabel-fest-al-monk-club-il-13-febbraio. URL consultato il 4 marzo 2016.
  11. ^ Mescalina, http://www.mescalina.it/musica/live/13/02/2016/aavv. URL consultato il 4 marzo 2016.
  12. ^ MArteLabel all'Hiroshima Mon Amour, su it.amolamusica.com. URL consultato il 4 marzo 2016.
  13. ^ MArteLabel fest @ Città dell'altra Economia, Ausgang. URL consultato il 4 marzo 2016.
  14. ^ MArteLabel Fest: 14 luglio alla Fabbrica del Vapore di Milano!, Brainstorming Magazine. URL consultato il 4 marzo 2016.
  15. ^ MArteLabel fest la migliore musica dell'etichetta eclettica 3.0, Audiocoop. URL consultato il 4 marzo 2016.
  16. ^ Doppia data in puglia per il MArteLabel fest, Coolclub. URL consultato il 4 marzo 2016.
  17. ^ MArteLabel tra musica, danza e reading poetici, Metro. URL consultato il 4 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]