Luigi Firpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Firpo
LFirpo.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Repubblicano (9 luglio 1987 - 2 marzo 1989)
Collegio Torino
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PRI
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Docente universitario

Luigi Firpo (Torino, 4 gennaio 1915Torino, 2 marzo 1989) è stato uno storico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Firpo

Nato a Torino nel 1915 si è laureato in Giurisprudenza a Torino con Gioele Solari nel 1937, ricoprendo durante gli studi universitari anche l'incarico di capo redattore del Lambello, periodico edito dal GUF torinese[1], dove, in un articolo dal titolo “ Isacco e Ismaele”, pone la questione del sionismo finanziario[2]. Dal 1957 è stato professore ordinario di Storia delle dottrine politiche presso l'Università di Torino, prima nella Facoltà di Giurisprudenza e poi in quella di Scienze politiche.

Luigi Firpo ha dedicato i suoi studi alla storia del pensiero politico, con particolare attenzione alla stagione[3] tra Rinascimento e Controriforma[4] e ad alcuni dei suoi maggiori esponenti: Machiavelli[5], Moro, Erasmo. Fu membro e, per alcuni anni presidente, del Comitato scientifico della Fondazione Luigi Einaudi di Torino.

Collaboratore del quotidiano La Stampa, Firpo ha curato per molti anni la rubrica domenicale Cattivi pensieri.[6] Una raccolta degli articoli fu pubblicata nel 1983 dall'editore Mondadori. È stato membro del Consiglio di amministrazione della RAI e deputato del Partito Repubblicano Italiano.[7]

Ottimo giocatore di bridge, ha scritto alcuni libri sul gioco ed ha presieduto la Federazione Italiana Gioco Bridge (FIGB) nel periodo 1970-1978.

Nel 1986, il Circolo della stampa gli ha conferito il premio annuale, destinato a tre piemontesi "l'opera e il prestigio dei quali risultino affermati in Italia e all'estero ...". Nell'occasione, oltre a Firpo, ricevettero il riconoscimento la scrittrice Lalla Romano e l'imprenditore Sergio Pininfarina.[8]

Colpito da un ictus cerebrale nel gennaio del 1989, è morto nel marzo dello stesso anno, a settantaquattro anni, all'Ospedale delle Molinette di Torino. Secondo una sua volontà più volte espressa, furono donate le cornee.[9]

Al suo nome è intitolata la "Fondazione Luigi Firpo - Centro di Studi sul Pensiero Politico" di Torino,[10] istituita nel 1989 per onorarne la memoria. Il 26 novembre 2008, il comune di Torino gli ha dedicato un giardino nei pressi del cavalcavia di corso Dante.[11]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola della cultura e dell'arte
— Dal 14 giugno 1975.[12]
Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— Dal 2 giugno 1982.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nuovi materiali sul cinema italiano. Ancona, 1976, p.294.
  2. ^ Angelo Martino, "Quei tanti intellettuali entusiasti delle leggi razziali fasciste del 1938", su comunedipignataro.it. URL consultato il 9 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2018).
  3. ^ Tedeschi, John, Inquisizione romana e intellettuali : gli esuli religionis causa nel Cinquecento, Parolechiave : nuova serie di Problemi del socialismo : 41, 1, 2009, Roma : Carocci, 2009.
  4. ^ Suggi, Andrea, Laboratorio Campanella : biografia, contesti, iniziative in corso Rivista di storia della filosofia. Fascicolo 3, 2007, Firenze : [poi] Milano : La Nuova Italia ; Franco Angeli, 2007; Ferretto, Silvia, Inquisitori, censori, filosofi sullo scenario della Controriforma, Studi storici : rivista trimestrale dell'Istituto Gramsci : 51, 1, 2010, Roma : Carocci, 2010.
  5. ^ Della Peruta, Giovanni, Machiavelli e machiavellismi in area angloamericana, Rivista di storia della filosofia. Fascicolo 4, 2007, Firenze : [poi] Milano : La Nuova Italia ; Franco Angeli, 2007.
  6. ^ Gli articoli della rubrica sono disponibili online nell'Archivio storico del quotidiano torinese La Stampa.it Archiviato l'11 aprile 2011 in Internet Archive.
  7. ^ Luigi Firpo, su Camera.it - X legislatura, Parlamento italiano.
  8. ^ La Stampa - Consultazione Archivio
  9. ^ La Stampa - Consultazione Archivio
  10. ^ Sito della fondazione Luigi Firpo
  11. ^ Copia archiviata, su cittagora.top-ix.org. URL consultato il 27 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2014).
  12. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  13. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Biografia degli scritti di Tommaso Campanella, Torino, Bona, 1940.
  • Ricerche campanelliane, Firenze, Sansoni, 1947.
  • Il processo di Giordano Bruno, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1949.
  • Lo stato ideale della Controriforma, Bari, Laterza, 1957.
  • Gli scritti giovanili di Giovanni Botero: bibliografia ragionata, Firenze, Sansoni antiquariato, 1960.
  • Appunti e testi per la storia dell'antimachiavellismo : corso di storia delle dottrine politiche, Torino, Cooperativa libraria universitaria torinese, 1961.
  • Rousseau in Italia, Torino, Edizioni di "Filosofia", 1963.
  • L'iconografia di Tommaso Campanella, Firenze, Sansoni antiquariato, 1964.
  • Bridge: il sistema "Torino": dichiarazioni, giocata, percentuali, Torino, Associazione di Torino della Federazione italiana bridge, 1965.
  • Invito al bridge: storia, regole, dichiarazione, giocata, Milano, Mursia, 1967.
  • Girolamo Angeriano, Napoli, Libreria scientifica editrice, 1973.
  • Vita di Giuseppe Pomba da Torino: libraio, tipografo, editore, Torino, UTET Unione tipografico-editrice torinese, 1975.
  • Il concetto del lavoro ieri, oggi, domani, Torino, Fondazione Giovanni Agnelli, 1977.
  • Cattivi pensieri, Milano, A. Mondadori, 1983.
  • Gente di Piemonte, Milano, Mursia, 1983.
  • Il supplizio di Tommaso Campanella: narrazioni, documenti, verbali delle torture, Roma - Salerno, stampa 1985. ISBN 88-85026-65-6.
  • Questioni di sociologia del lavoro, (L. Firpo et al.), Torino, Cooperativa di cultura Lorenzo Milani, 1989.
  • Ritratti di antenati, Torino, La stampa, 1989. ISBN 88-7783-033-6.
  • L'utopismo del Rinascimento e l'età nuova, Tre edizioni in tiratura limitata, Alpignano, Tallone, 1990.
  • Scritti sulla Riforma in Italia, Napoli, Prismi, 1996. ISBN 88-7065-015-4.
  • Scritti sul pensiero politico del Rinascimento e della Controriforma, Torino, UTET Libreria, 2005. ISBN 88-7750-981-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Silvia Rota Ghibaudi e Franco Barcia (a cura di), Studi politici in onore di Luigi Firpo, Collana Gioele Solari (4 v.) Milano, F. Angeli, 1990 ISBN non esistente
  • Andrea Romano, «FIRPO, Luigi», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 48, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109384364 · ISNI (EN0000 0001 0933 0928 · SBN IT\ICCU\CFIV\002573 · LCCN (ENn79059384 · GND (DE119399849 · BNF (FRcb120301459 (data) · BNE (ESXX1104818 (data) · NLA (EN35695148 · BAV (EN495/92002 · WorldCat Identities (ENlccn-n79059384