Ludovico Vittorio d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ludovico Vittorio d'Asburgo-Lorena
Archduke Ludwig Viktor of Austria by L Agerer.jpg
Arciduca d'Austria
Stemma
Nome completo Ludwig Viktor Josef Anton
Nascita Hofburg, Vienna, Impero austriaco, 15 maggio 1842
Morte Castello di Klessheim, Salisburgo, Austria, 18 gennaio 1919
Luogo di sepoltura Cimitero di Siezenheim
Dinastia Casato d'Asburgo-Lorena
Padre Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena
Madre Sofia di Baviera
Luigi (Ludovico) Vittorio Giuseppe Antonio d'Asburgo-Lorena

L'Arciduca Luigi (Ludovico) Vittorio Giuseppe Antonio d'Asburgo-Lorena (Vienna, 15 maggio 1842Salisburgo, 18 gennaio 1919) era il minore dei figli dell'arciduca Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena e della principessa Sofia di Baviera. Suoi fratelli furono l'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria, l'imperatore Massimiliano I del Messico, l'arciduca Carlo Ludovico e l'arciduchessa Maria Anna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apertamente omosessuale, Luigi Vittorio rimase scapolo per tutta la vita, e si oppose con successo ai disegni matrimoniali progettati per lui dalla madre e dal fratello Massimiliano (prima con la duchessa Sofia Carlotta in Baviera, poi con la principessa Dona Isabel, figlia ed erede dell'imperatore Pietro II del Brasile).

Nel 1864, dopo essere stato sorpreso mentre aveva un rapporto sessuale con un ragazzo minorenne in un bagno pubblico di Vienna, fu costretto dall'Imperatore Francesco Giuseppe ad abbandonare la capitale e a trasferire la propria residenza nel castello di Klessheim, nei pressi di Salisburgo.[1] Non fu tuttavia possibile celare completamente lo scandalo, e Luigi Vittorio fu ribattezzato dall'opinione pubblica con i soprannomi di "Luziwuzi" e di "Arciduca del bagno".

Durante il soggiorno coatto a Salisburgo, Luigi Vittorio si distinse come protettore delle arti (fu presidente del Salzburger Kunstverein).
Nel 1896 l'imperatore lo nominò sovrintendente della Croce Rossa austriaca.

Nel 1901 la municipalità di Salisburgo gli dedicò un ponte sulla Salzach.

Negli ultimi anni di vita mostrò segni di squilibrio mentale. Morì a Klessheim all'età di 76 anni. È sepolto nel cimitero di Wals-Siezenheim.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ludovico Vitorio d'Asburgo-Lorena Padre:
Francesco Carlo d'Asburgo-Lorena
Nonno paterno:
Francesco II
Bisnonno paterno:
Pietro Leopoldo di Toscana
Trisnonno paterno:
Francesco I di Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo
Bisnonna paterna:
Maria Ludovica di Borbone-Spagna
Trisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Nonna paterna:
Maria Teresa di Borbone-Napoli
Bisnonno paterno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonna paterna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Trisnonno paterno:
Francesco Stefano di Lorena
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Austria
Madre:
Sofia di Baviera
Nonno materno:
Massimiliano I di Baviera
Bisnonno materno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonno materno:
Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken
Trisnonna materna:
Carolina di Nassau-Saarbrücken
Bisnonna materna:
Maria Francesca di Sulzbach
Trisnonno materno:
Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach
Trisnonna materna:
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg
Nonna materna:
Carolina di Baden
Bisnonno materno:
Carlo Luigi di Baden
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Baden
Trisnonna materna:
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna materna:
Amelia d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Luigi IX d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze austriache[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine reale vittoriano (Regno Unito)
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 19 aprile 1885

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Kastl, Gay and Lesbian Life in Vienna. URL consultato il 15 gennaio 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN23944114 · LCCN: (ENn2001043519 · GND: (DE121750418