Lotus corniculatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Ginestrino
Lotus corniculatus infloerscence - Keila.jpg
Lotus corniculatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Phylum Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Faboideae
Tribù Loteae
Genere Lotus
Specie L. corniculatus
Nomenclatura binomiale
Lotus corniculatus
L.

Il ginestrino (Lotus corniculatus L.) è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabacee (o Leguminose)[1]. È comune dappertutto nei luoghi erbosi ed è buona foraggera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un'erba perenne a fusto pieno e ricurvo alla base, alta da 10 a 30 cm. Le foglie, composte, sono divise in tre foglioline romboidali. I fiori, gialli, sono riuniti in ombrellette di 2-6 elementi (maggio-agosto). I legumi, sottili e cilindrici, sono di colorito brunastro.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il ginestrino è originario del Vecchio Mondo (Europa, Asia e Nordafrica), ma oggi è naturalizzato anche in Nordamerica[2][3] e in altre parti del mondo.

In Europa è presente in tutti i paesi, dall'Islanda alla Grecia, e in Italia in tutte le regioni.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

E' pianta visitata dalle api[4] per il polline ed il nettare, ed a volte si riesce a produrne un miele uniflorale.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Lotus corniculatus, in The Plant List. URL consultato il 13 aprile 2015.
  2. ^ birdsfoot trefoil, Lotus corniculatus (Fabales: Fabaceae (Leguminosae))
  3. ^ Plants Profile - Lotus corniculatus L. (Fabaceae) - Ginestrino - Bird's foot trefoil
  4. ^ (FR) Lotus corniculatus & Apis mellifera, su Florabeilles, 7 settembre 2015. URL consultato il 5 luglio 2019.
  5. ^ Mieli Uniflorali Italiani - Altri mieli uniflorali - Miele di ginestrino, su api.entecra.it. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]