Loretta Napoleoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Loretta Napoleoni

Loretta Napoleoni (Roma, 1955) è una saggista e giornalista italiana.

Si è occupata dello studio dei sistemi finanziari ed economici attraverso cui il terrorismo finanzia le proprie reti organizzative. Nata e cresciuta a Roma, vive da molti anni nel Regno Unito, a Londra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Loretta Napoleoni nel 1979 si è laureata con lode in Scienze Politiche a indirizzo politico-economico presso l'Università di Roma "La Sapienza"[1].

Dal 1980 ha lavorato per alcuni anni a un progetto di fattibilità della Banca nazionale d'Ungheria[2] sulla convertibilità in monete europee del fiorino ungherese.[3]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato nel 2005 alla conferenza internazionale sul terrorismo promossa dal Club de Madrid.[4] Ha collaborato inoltre con diverse forze di sicurezza, tra cui l'Homeland Security[5] degli Stati Uniti d'America, l'israeliano International Institute for Counter-Terrorism[6], la polizia catalana[7].

Consulenza e collaborazioni giornalistiche[modifica | modifica wikitesto]

Svolge inoltre attività di consulenza per le reti televisive BBC e CNN e ha scritto su diverse testate internazionali, tra le quali El País. In Italia scrive per varie testate, tra cui Internazionale, l'Unità, Vanity Fair e Wired, ha una rubrica settimanale su Il Venerdì di Repubblica[8], mentre nella Svizzera italiana collabora con il settimanale Il Caffè ed è editorialista del programma radiofonico Plusvalore. Ha anche curato una videorubrica con il Fatto Quotidiano.[9]

Loretta Napoleoni fa parte del comitato della Fundación Ideas para el Progreso,[10] presieduta dall'ex premier spagnolo José Luis Rodríguez Zapatero, ed è socia di Oxfam Italia.[11]

Napoleoni nel 2007.

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

In Italia ha pubblicato, per il Saggiatore, i saggi Terrorismo S.p.A (2005) ed Economia Canaglia (2007), che hanno riscosso successo di critica e di vendite.[12] Nel 2009 ha pubblicato con Chiarelettere La morsa, il primo libro scritto e pubblicato direttamente in italiano, la lingua madre, prima che in inglese. Nel saggio la Napoleoni riprende e sviluppa le tesi dei due libri precedenti, legandoli assieme. Per la Rizzoli ha pubblicato nel 2010 Maonomics, una critica al sistema economico occidentale partendo dal successo cinese. Il libro ha vinto il premio Singapore Critics Choice Best Nonfiction on Economics[13] e nel 2010 il Premio dell'Associazione per il Progresso Economico.[14] Nel 2014 è uscito, per Feltrinelli, ISIS. Lo stato del terrore. Nel 2018 ha pubblicato Kim Jong Un Il nemico necessario (Rizzoli). Nel 2020 uscirà il suo nuovo libro Sul Filo di Lana (Mondadori). In inglese "The Power of Knitting"

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 gennaio 2010 in una intervista[15] al quotidiano la Repubblica ha annunciato la sua candidatura alle primarie del Partito Democratico per concorrere alla carica di Presidente della Giunta Regionale del Lazio, contro la candidata del Popolo delle libertà Renata Polverini, ma tale candidatura non si è poi formalizzata.

In seguito si è avvicinata alle posizioni del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo; in particolare, ha dato la propria disponibilità a svolgere le funzioni di consulente del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, espressione di quel movimento.

Nel 2013 appoggia la lista civica di Maurizio Caserta per le Elezioni Comunali di Catania essendo designata Assessore in caso di vittoria. Ma anche quest'ultimo tentativo fallì.[16]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dropbox - Laurea Loretta Napoleoni.jpg
  2. ^ Loretta Napoleoni Archiviato il 2 marzo 2008 in Internet Archive. su Centro per la riforma dello Stato.
  3. ^ Fiera delle vanità della globalizzazione
  4. ^ Napoleoni, Loretta - Cumbre Internacional sobre Democracia, Terrorismo y Seguridad
  5. ^ Homeland Security Advisor Loretta Napoleoni Gives Lecture - Hamilton College
  6. ^ ICT - Dr. Loretta Napoleoni
  7. ^ Biografie relatori Regione Piemonte (PDF), su netval.it. URL consultato il 09-06-2010 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2012).
  8. ^ Rubrica su Il Venerdì di Repubblica, Blog Loretta Napoleoni. URL consultato il 29 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).
  9. ^ Videorubrica "Sostiene Loretta" su il Fatto Quotidiano, Blog Loretta Napoleoni. URL consultato il 29 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2011).
  10. ^ fundación ideas para el progreso | New progressive ideas for a better future, su fundacionideas.es. URL consultato il 12 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  11. ^ Incontri con Loretta Napoleoni, su oxfamitalia.org, 21 febbraio 2011. URL consultato il 7 settembre 2019.
  12. ^ Best-selling author Loretta Napoleoni speaks at Sydney, su sydney.edu.au, 26 agosto 2010. URL consultato il 7 settembre 2019.
  13. ^ Maonomics: Communism with a Profit Motive Archiviato il 3 gennaio 2013 in Internet Archive.
  14. ^ APE - I Premi, su associazione-ape.it, 2 aprile 2012. URL consultato il 7 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  15. ^ L'Eco della Stampa » Media Intelligence, su rassegnastampa.mef.gov.it. URL consultato il 7 settembre 2019.
  16. ^ Elezioni Comunali Catania 2013: i candidati della Lista civica Per Catania Maurizio Caserta, in CataniaToday. URL consultato il 19 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28133501 · ISNI (EN0000 0001 1612 0718 · SBN IT\ICCU\RAVV\100576 · LCCN (ENn2003097541 · GND (DE12881795X · BNF (FRcb14640369c (data) · BNE (ESXX1674324 (data) · NDL (ENJA01146573 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003097541