Ljudmila Michajlovna Pavličenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ljudmyla Mychajlivna Pavličenko)
Jump to navigation Jump to search
Ljudmila Michajlovna Pavličenko
Pavlichenko in a trench.jpg
NascitaBila Cerkva, 12 luglio 1916
MorteMosca, 10 ottobre 1974 (58 anni)
Dati militari
Paese servitoUnione Sovietica Unione Sovietica
RSS Ucraina RSS Ucraina
Forza armataRed Army flag.svg Armata Rossa
Specialitàcecchino
Unità25. Divisione fucilieri
Anni di servizio1941-1953
GradoMaggiore
GuerreSeconda guerra mondiale
CampagneFronte orientale
BattaglieBattaglia di Odessa
Battaglia di Sebastopoli
DecorazioniOrdine di Lenin (2 volte)
Eroe dell'Unione Sovietica
Medaglia per merito in battaglia
Medaglia per la difesa di Odessa
Medaglia per la difesa di Sebastopoli
Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945
Altre caricheComitato sovietico dei veterani di guerra
voci di militari presenti su Wikipedia

Ljudmila Michajlovna Pavličenko (in russo: Людмила Михайловна Павличенко?; Bila Cerkva, 12 luglio 1916Mosca, 10 ottobre 1974) è stata una militare e un'abilissima tiratrice scelta sovietica[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Belaja Cerkov', il padre era un fabbro di Pietrogrado. La Pavličenko fu una studentessa brillante nei suoi primi anni. Quattordicenne, andò a vivere a Kiev, capitale della Repubblica Sovietica d'Ucraina, coi genitori. In quella città si iscrisse a un'associazione di tiro a segno, e sviluppò notevoli capacità di tiro. In quel periodo lavorava come operaia addetta allo sminuzzamento dei minerali alle Industrie Arsenal di Kiev.[2]

Nel giugno del 1941, in un periodo in cui Pavličenko studiava storia alla Università di Kiev, la Germania nazista mosse guerra all'Unione Sovietica (vedi anche Operazione Barbarossa), in seguito alla quale si arruolò quasi immediatamente. All'ufficio arruolamento, richiese di unirsi alla fanteria e di conseguenza fu assegnata alla 25ª Divisione Fucilieri dell'Armata Rossa, e divenne una delle 2000 cecchine sovietiche, di cui solo 500 sopravvissero alla guerra.[2]

Come tiratore, uccise i primi due soldati nemici presso Beljajevka, usando un fucile Mosin-Nagant, riadattato per il tiro di precisione con un'ottica da 3.5 ingrandimenti.[2]

La soldatessa Pavličenko combatté circa 80 giorni presso Odessa, dove le si attribuirono 187 soldati nemici uccisi e le vennero conferiti svariati avanzamenti di grado. Quando i rumeni presero il controllo della città, la sua unità venne fatta ripiegare per affrontare il nemico a Sebastopoli, in Crimea.[2] Secondo i rapporti del Voensovet (Stato Maggiore) del Fronte Meridionale sovietico nel maggio 1942, il tenente Pavličenko aveva eliminato 257 soldati tedeschi e dell'Asse, e alla fine del conflitto tale numero aumentò fino a 309 soldati nemici, tra cui 36 tiratori scelti.[1]

Nel giugno 1942, fu ferita da un colpo di mortaio. Poiché ormai era un'eroina, le fu negato il permesso di continuare a combattere meno di un mese dopo la guarigione della ferita, e di conseguenza fu trasferita nelle retrovie.[2] Fu inviata in Canada e negli Stati Uniti per una visita di propaganda, e divenne la prima cittadina dell'Unione Sovietica ad essere ricevuta da un presidente degli Stati Uniti d'America. Franklin D. Roosevelt e sua moglie le diedero il benvenuto alla Casa Bianca[1], e in seguito la Pavličenko fu invitata da Eleanor Roosevelt in un vero e proprio tour di conferenze in tutti gli Stati Uniti per raccontare la propria esperienza. Fece un'apparizione alla International Student Assembly a Washington, dove fu acclamata come un'eroina, e si recò a New York per un ciclo di discorsi, interviste e conferenze. In Canada, le fu regalato un fucile Winchester con ottica di precisione, successivamente esposto al Museo Centrale delle Forze Armate, a Mosca.[2]

Dopo la promozione al grado di Maggiore, la Pavličenko non tornò in combattimento ma divenne istruttore e addestrò centinaia di tiratori sovietici fino alla fine della guerra. Nel 1943 fu insignita della Stella d'Oro di Eroe dell'Unione Sovietica. Dopo la guerra riuscì a laurearsi all'Università di Kiev e iniziò una carriera come storica. Dal 1945 al 1953, fu assistente ricercatore del Quartier Generale della Marina Sovietica, per il quale partecipò a una lunga serie di conferenze e congressi. In seguito fu membro attivo del Comitato Sovietico Veterani di Guerra.[2]

Il secondo francobollo commemorativo dell'Unione Sovietica dedicato a Pavlichenko

Ljudmila Pavličenko morì a 58 anni per un ictus il 10 ottobre 1974[3] ed è stata sepolta al cimitero di Novodevičij di Mosca.[2]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposata con Aleksej Kitsenko, morto in guerra,[3] ha avuto un figlio diventato poi agente del KGB.[4] Pavličenko ha lottato costantemente con la depressione a causa della perdita del marito, soffrendo anche di disturbi da stress post-traumatico e alcolismo, fattori che si ritiene abbiano contribuito alla sua morte precoce.[3]

Un secondo francobollo commemorativo dell'Unione Sovietica dedicato a Pavličenko fu stampato nel 1976.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ljudmila Michajlovna Pavličenko, La cecchina dell'Armata Rossa, traduzione di Kollektiv Ulyanov, Odoya, Città di Castello 2021.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il musicista, cantautore, scrittore e folklorista statunitense Woody Guthrie ha composto una canzone (“Miss Pavlichenko”) come tributo ai suoi record durante la guerra e per commemorare la sua visita negli Stati Uniti e in Canada [5].

Alla sua vita è ispirato il film Resistance - La battaglia di Sebastopoli del 2015.

Onorificenze e medaglie[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica

Altri tiratori scelti sovietici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Lyudmila Pavlichenko: Eroina dell’Unione Sovietica, milite durante la II guerra mondiale, su gettidinchiostro.altervista.org. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  2. ^ a b c d e f g h PERSONAGGI: LJUDMYLA MYCHAJLIVNA PAVLIČENKO, su combattentiereduci.it. URL consultato il 1º novembre 2019.
  3. ^ a b c (EN) Mary Kay Linge, Soviet 'girl sniper' had 309 kills — and a best friend in the White House, in New York Post, 12 maggio 2018. URL consultato il 20 ottobre 2019.
  4. ^ Michela AG Iaccarino, Memorie di una cecchina "introversa ammazza-fascisti", Il Fatto Quotidiano, 25 febbraio 2021, p.23
  5. ^ "Miss Pavlichenko" dated to 1942 at http://www.woodyguthrie.de/pavil.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN249530203 · ISNI (EN0000 0003 7009 181X · LCCN (ENno2012062822 · GND (DE1163111031 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012062822