Leo Turrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leo Turrini nel 2008

Leonildo Turrini detto Leo (Sassuolo, 18 marzo 1960) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Segue da anni i grandi dello sport per i quotidiani il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno.

Opinionista di Sky Sport.

È considerato uno dei maggiori esperti di Formula 1 e in particolare della Ferrari, ma la sua attività si concentra anche su calcio, ciclismo e pallavolo (è stato tra i fondatori del mensile SuperVolley) oltre che musica, cinema e costume.

È spesso ospite di trasmissioni sportive sulle reti nazionali; conduceva, inoltre, il programma Gialli di notte incentrato sul Modena Calcio.

È dotato di un vivace senso dell'umorismo, tant'è che nel libro "cult" Quel gran pezzo dell'Emilia (Mondadori, 2004), Edmondo Berselli ha definito l'emilianissimo Turrini «il più grande narratore orale italiano». È grande tifoso dell'Inter.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 ha vinto il premio letterario Dino Ferrari.

Durante i giochi olimpici di Londra 2012, il leggendario Dick Fosbury, inventore dell'omonimo stile di salto in alto, ha premiato[1] Turrini a nome del Comitato Olimpico Internazionale per la partecipazione, da giornalista, alla sua tredicesima Olimpiade come inviato.

Nel 2014, ha vinto[2] insieme a Cesare Prandelli il Premio Beppe Viola, intitolato al grande giornalista meneghino.

La griglia dei migliori[modifica | modifica wikitesto]

Sul suo blog Profondo Rosso, che per autorevolezza viene ripreso, tra le altre, in lingua inglese, russa e finlandese, tra il dicembre 2015 e il gennaio 2016 Turrini ha stilato la sua "griglia" dei ventisei piloti più forti della Formula Uno che hanno corso tra il 1975 e il 2015.

Questo lo schieramento proposto dal giornalista sassolese:

Pos Pilota
1 Brasile Ayrton Senna
2 Germania Michael Schumacher
3* Austria Niki Lauda
3* Francia Alain Prost
5 Regno Unito Nigel Mansell
6 Canada Gilles Villeneuve
7 Stati Uniti Mario Andretti
8 Regno Unito Lewis Hamilton
9 Germania Sebastian Vettel
10 Regno Unito James Hunt
11 Brasile Nelson Piquet
12 Svezia Ronnie Peterson
13 Australia Alan Jones
14 Brasile Emerson Fittipaldi
15 Finlandia Kimi Raikkonen
16 Spagna Fernando Alonso
17 Canada Jacques Villeneuve
18 Svizzera Clay Regazzoni
19 Finlandia Mika Häkkinen
20 Italia Michele Alboreto
21 Sudafrica Jody Scheckter
22 Italia Riccardo Patrese
23 Regno Unito Damon Hill
24 Francia René Arnoux
25 Regno Unito Jenson Button
26 Argentina Carlos Reutemann

"*"Seconda fila a pari merito[3]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Tomba. Il romanzo di un fuoriclasse, Milano, Vallardi, 1992 (scritto con Alberto Tomba)
  • Emozioni. Lucio Battisti: vita, mito, note, Milano, Zelig, 1995 (scritto con Tullio Lauro)
  • Enzo Ferrari. Un eroe italiano, Milano, Mondadori, 2002
  • Bartali. L'uomo che salvò l'Italia pedalando, Milano, Mondadori, 2004
  • Schumacher. La leggenda di un uomo normale, Milano, Mondadori, 2005
  • Ma chi ti ha dato la patente?, Milano, Mondadori, 2006 (scritto con Giancarlo Fisichella)
  • Pazza Inter. Cento anni di una squadra da amare, Milano, Mondadori, 2007
  • Ferrari, mio padre, Reggio Emilia, Aliberti, 2007 (scritto con Piero Ferrari)
  • Battisti. La vita, le canzoni, il mistero, Milano, Mondadori, 2008
  • Il pirata e il cowboy. Pantani e Armstrong, le storie maledette, Reggio Emilia, Imprimatur editore, 2013
  • Senna. In viaggio con Ayrton, Bologna, I libri di QN, 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN36299510 · SBN: IT\ICCU\REAV\094022