Le notti di Chicago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di Nelson Algren, vedi Le notti di Chicago (romanzo).
Le notti di Chicago
Titolo originaleUnderworld
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1927
Durata80 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generedrammatico
RegiaJosef von Sternberg
Henry Hathaway (regista seconda unità)
SoggettoBen Hecht
Howard Hawks (non accreditato)
SceneggiaturaCharles Furthman, Robert N. Lee e, non accreditato, Josef von Sternberg
George Marion, Jr. (didascalie)
ProduttoreB.P. Schulberg (associato)
Hector Turnbull (supervisore)
Casa di produzioneParamount Pictures / Famous Players-Lasky
FotografiaBert Glennon
MontaggioE. Lloyd Sheldon
ScenografiaHans Dreier
CostumiTravis Banton
Interpreti e personaggi
Premi
Oscar al miglior soggetto a Ben Hecht nel 1927-1928, prima edizione degli Academy Awards.

Le notti di Chicago (Underworld), distribuito anche come Il castigo, è un film muto del 1927 diretto da Josef von Sternberg.

Originariamente, il film doveva essere diretto da Arthur Rosson, ma il regista venne sostituito dalla Paramount con Sternberg[1].

La casa di produzione non credeva al successo della pellicola che, inizialmente, venne proiettata in una sola sala di New York. Lo stesso Ben Hecht chiese che il suo nome venisse tolto dai titoli. Il film, per merito di un'efficace passaparola, diventò ben presto un grande successo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Evaso dal carcere, il capogangster "Bull" Weed (Bancroft) sospetta che la sua donna "Feathers" McCoy (Brent) e il suo luogotenente "Rolls Royce" (Brook) l'abbiano tradito. Quando scopre che non è vero, ma che sono innamorati, li fa mettere in salvo e si arrende alla polizia. Sarà condannato a morte. Su soggetto di Ben Hecht (premiato con l'Oscar nella 1ª assegnazione 1927-28 degli Academy Awards), sceneggiatura di Robert N. Lee e del regista (anche di Howard Hawks, ma non accreditato), è considerato il capostipite (muto) del genere gangsteristico. Dominato da un senso cupo di fatalità e contrassegnato da un ammirevole uso della luce (fotografia di Bert Glennon), è un film in anticipo sui tempi (si sente la mancanza del suono) sul quale s'è posata la polvere del tempo perché quelle che nel 1927 erano innovazioni, divennero poi convenzioni. Molte sequenze da citare, oltre a quella iniziale della rapina in banca. Citiamo almeno il ballo dei gangster e la scena in cui "Feathers" seduce "Rolls Royce".

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Paramount Pictures (con il nome Famous Players-Lasky Corporation).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Paramount Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 20 agosto 1927 con il titolo originale Underworld.

In Italia, il film venne distribuito con il titolo Il castigo, ma dopo la sua distribuzione in Francia con il titolo Les Nuits de Chicago, anche in Italia viene comunemente chiamato Le notti di Chicago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Buttafava, Sternberg, il castoro cinema, Ed. La nuova Italia, settembre 1976

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema