La sorella di Ursula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sorella di Ursula
Titolo originale La sorella di Ursula
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 90 min
Genere thriller
Regia Enzo Milioni
Soggetto Enzo Milioni
Sceneggiatura Enzo Milioni
Produttore Armando Bertuccioli
Casa di produzione Supercine
Fotografia Vittorio Bernini
Montaggio Francesco Bertuccioli
Musiche Mimì Uva
Scenografia Italia Verdelli
Costumi Anna Onori
Trucco Carlo Sindici
Interpreti e personaggi

La sorella di Ursula è un film del 1978, diretto da Enzo Milioni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del padre, le sorelle Dagmar e Ursula si ritirano in un albergo sulla Riviera Ligure per cercare di superare il grosso momento di sconforto: soprattutto Ursula ne risente molto e appare agitata e depressa. L'albergo è gestito dai coniugi Roberto e Vanessa. Purtroppo il clima si rivela tutt'altro che pacifico: nell'albergo, infatti, avvengono loschi traffici di droga e prostituzione. Tra l'altro, Roberto è molto geloso della moglie, che lo tradisce sistematicamente, ma pure lui, dal canto suo, tradisce Vanessa con Stella, giovane cantante del night-club adiacente all'albergo. Dopo l'arrivo delle due sorelle, nella cittadina cominciano a essere uccise diverse ragazze, tra le quali anche Stella. Il legame che accomuna tutte le vittime è alquanto singolare: tutte le ragazze uccise avevano avuto poco prima un rapporto sessuale. Alla fine si scoprirà che è proprio Ursula l'assassina, affetta da un gravissimo disturbo della personalità. La polizia interviene appena in tempo, prima che Ursula uccida anche Dagmar. Scoperta, Ursula si suicida gettandosi da una finestra della pensione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema