La moglie del sarto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La moglie del sarto
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2012
Durata 95 minuti
Genere commedia, drammatico
Regia Massimo Scaglione
Soggetto Massimo Scaglione
Sceneggiatura Massimo Scaglione, Rosaria Gaudio
Produttore esecutivo Rosaria Gaudio
Casa di produzione JC Ontheroad Pictures con Cinecittà Luce
Distribuzione (Italia) Flavia Entertainment - Red Moon Films
Fotografia Sebastiano Celeste
Montaggio Fabio Nunziata
Scenografia Massimo Scaglione
Costumi Sabrina Beretta
Interpreti e personaggi

La moglie del sarto è un film del 2012 diretto da Massimo Scaglione, con Maria Grazia Cucinotta, Marta Gastini e Alessio Vassallo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anni '60. Dopo l'improvvisa morte del marito, sarto per soli uomini, Rosetta, affascinante donna di un piccolo paese del Sud, viene abbandonata da tutti, vedendosi costretta a combattere, assieme alla figlia Sofia, per difendere la propria dignità e la sartoria di famiglia. L'assessore Cordaro, infatti, vuole impadronirsi dell'immobile, posto al centro del centro del paese e con una bella vista sul mare, per trasformarlo in un albergo per turisti, all'interno di un progetto di edilizia pilotato da uno spregiudicato ingegnere del nord. Con la complicità di alcuni paesani, Cordaro inizia a diffamare Rosetta e Sofia, per lasciarle senza lavoro e costringerle a vendere la sartoria. Intanto, Salvatore e Francesco, due giovani pupari, arrivano in paese, e il primo s'innamora di Sofia. Con l'approvazione di Rosetta e tra lo stupore dei paesani, i due si sposano. Ma la ragazza non riesce ad avere figli, e i benpensanti cominciano a lanciare sospetti sull'autenticità del matrimonio.

Produzione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto per la Jc Ontheroad Pictures dallo stesso Massimo Scaglione e Rosaria Gaudio. La moglie del sarto è stato girato nella zona dell'alto Tirreno cosentino, tra Fiumefreddo Bruzio, Scalea, Praia a Mare e Cosenza. Nonostante l'uscita in sala fosse inizialmente prevista per il 21 novembre 2013[1], ha subìto uno slittamento al 15 maggio 2014[2].

Festival[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prima data di uscita, Movieplayer.it. URL consultato il 12 aprile.
  2. ^ Nuova uscita in sala, ansa, consultato il 7 maggio 2014
  3. ^ E la moglie del sarto vola al festival di Montreal..... Di Marcello Romanelli, facebook.com. URL consultato il 12 aprile.
  4. ^ 36° Festival des Films du Monde de Montréal. I film italiani presenti al Festival, panoramitalia.com. URL consultato il 12 aprile.
  5. ^ Il cinema italiano vola in Brasile, cinecittà news. URL consultato il 12 aprile.
  6. ^ i premi del festival di Fortaleza, cinecittà news. URL consultato il 12 aprile.
  7. ^ scheda del film su http://www.icff.ca/, icff.ca. URL consultato il 12 aprile.
  8. ^ intervista a Massimo Scaglione, vimeo.com. URL consultato il 12 aprile.
  9. ^ I 400 Corti Film Fest 2014, cinemaitaliano.info.
  10. ^ Edizioni del "Festival de cinema italiano", festivalcinemaitaliano.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema