Marta Gastini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marta Gastini

Marta Gastini (Alessandria, 2 ottobre 1989) è un'attrice italiana di cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandrina, figlia di un e di una scrittrice, frequenta il Liceo classico "Giovanni Piana" e studia canto, teatro e danza. Ha un fratello, Andrea[1][2][3][4][5][6][7].

Nel 2006, per perfezionarsi nella lingua inglese, frequenta gran parte del quarto anno di liceo in un college di Canterbury, e anche qui frequenta un corso di teatro; nell'estate frequenta invece un corso di recitazione della New York Film Academy tenuto a Parigi[3][8][1][2][9][10].

Prima di conseguire la maturità debutta come attrice con la serie televisiva Il bene e il male, girata a Torino e andata in onda su Rai 1 a gennaio e febbraio 2009[1][7][11]. Conseguita la maturità si trasferisce a Roma; subito recita fra i protagonisti (insieme a Terence Hill) nella miniserie L'uomo che cavalcava nel buio, sempre per Rai 1[9].

Nello stesso 2009 esordisce al cinema con il film di Leonardo Pieraccioni Io & Marilyn, nel quale interpreta la parte di Martina[3][11]. Si iscrive a giurisprudenza presso l'Università degli Studi Roma Tre[8][12][2].

Nel 2010, a venti anni, interpreta una ragazza posseduta nel film horror Il rito, parzialmente girato in Italia e diretto da Mikael Håfström; Marta recita accanto al premio Oscar Anthony Hopkins[13]. Per prepararsi al provino si era recata nei luoghi di Roma dove vengono realmente praticati gli esorcismi[11]; il ruolo, poi ottenuto, le varrà una nomination al Nastro d'argento alla miglior attrice non protagonista.

Nello stesso anno interpreta per la televisione il ruolo di Giulia Farnese nella serie I Borgia, girata a Praga diretta da vari registi, tra i quali Oliver Hirschbiegel[3][1][2][14].

Tra giugno e agosto 2011 gira da protagonista il nuovo film di Dario Argento, Dracula 3D. Nel cast anche Rutger Hauer, Thomas Kretschmann ed Asia Argento.

Nel 2012 è Nina/Ariel nell'opera prima di Simone Gandolfo Evil Things - Cose cattive[15]. Nello stesso anno è Sofia nel film La moglie del sarto, per la regia di Massimo Scaglione.

Nel 2016 è Caterina nel film Questi giorni, per la regia di Giuseppe Piccioni.

Candidature[modifica | modifica wikitesto]

Foto del 2012

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Gagliaudo d'oro (2010) - Civica Benemerenza assegnata ai cittadini alessandrini che si sono distinti per meriti professionali[12]
  • Premio “Giovane certezza del cinema italiano" 2011[8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Tanith, regia di Germano Boldorini (2012)[18]
  • Two Black Coffees, regia di Michael Daniele Driscoll (2014)[19]
  • A metà luce, regia di Anna Gigante (2016)[20]
  • I Gotta Get It, regia di Roberto Zazzara (2016)

Booktrailer[modifica | modifica wikitesto]

  • Life On Loan. Vita in prestito, regia di Michael Daniele Driscoll (2013), produttrice e attrice, booktrailer del romanzo omonimo della madre Rossana Balduzzi Gastini[21]

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

  • Under - Theseries, regia di Ivan Silvestrini (2014)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Gastini: "Io, ex secchiona, ho trovato me stessa facendo l'amante di Papa Borgia", in Repubblica.it, 07 novembre 2014. URL consultato il 1° settembre 2017.
  2. ^ a b c d (IT) Maria Teresa Veneziani, Marta Gastini: «Ho scoperto di essere bella in un modo strano», in Corriere della Sera. URL consultato il 1° settembre 2017.
  3. ^ a b c d Dal liceo di provincia a Hollywood La bella favola di Marta Gastini, in ilGiornale.it. URL consultato il 1° settembre 2017.
  4. ^ Marta Gastini, su www.martagastini.com. URL consultato il 1° settembre 2017.
  5. ^ (IT) Autrice - Rossana Balduzzi Gastini, in Rossana Balduzzi Gastini. URL consultato il 1° settembre 2017.
  6. ^ (IT) Avv. Luca Gastini - Scuola di formazione Forense Giorgio Ambrosoli, in Scuola di formazione Forense Giorgio Ambrosoli. URL consultato il 02 settembre 2017.
  7. ^ a b Marta Gastini, «Io e Marilyn» le dice qualcosa? «Eccome.... URL consultato il 1° settembre 2017.
  8. ^ a b c Dal liceo classico al grande schermo, su ilsalice.liceovalsalice.it.
  9. ^ a b (IT) Marta Gastini, dark lady dei Borgia: "Come sono diventata una maliarda" - Spettacoli Repubblica, in Spettacoli - La Repubblica, 13 settembre 2013. URL consultato il 1° settembre 2017.
  10. ^ (EN) New York Film Academy - Paris, France, su www.nyfa.edu. URL consultato il 1° settembre 2017.
  11. ^ a b c Marta Gastini: «Io, da amante del Papa ad amante di Dracula», su www.vanityfair.it. URL consultato il 1° settembre 2017.
  12. ^ a b ALESSANDRIA:Scopriamo chi sono i vincitori dei Gagliaudi 2010
    Le premiazioni hanno avuto luogo sabato 8 maggio dalle massime autorità locali
    , su alessandria.netweek.it. URL consultato il 1° settembre 2017.
  13. ^ Notizia Ansa: Marta Gastini a Hollywood, su ansa.it. URL consultato il 13-05-2010.
  14. ^ Serie internazionale "Borgia", su ilsole24ore.com. URL consultato il 10-07-2010.
  15. ^ Cose cattive, su mymovies.it.
  16. ^ Lista attrici per premio sponsor a Venezia, su ansa.it. URL consultato il 21-06-2011.
  17. ^ (IT) Under The Series: la webseries italiana ambientata nell'Italia del 2025. Guarda il trailer - Best Movie, in Best Movie, 23 giugno 2014. URL consultato il 05 settembre 2017.
  18. ^ Film&Clips, Tanith - Short Movie by Film&Clips, 06 marzo 2014. URL consultato il 1° settembre 2017.
  19. ^ Michael Daniele Driscoll, TWO BLACK COFFEES Teaser, 19 novembre 2013. URL consultato il 02 settembre 2017.
  20. ^ Intervista di Irene Gianeselli alla regista Anna Gigante: “A metà luce”, una storia immersa nella magia della Puglia, su OUBLIETTE MAGAZINE, 22 luglio 2016. URL consultato il 02 settembre 2017.
  21. ^ michaeldaniele, Life On Loan. Vita In Prestito Trailer, 29 ottobre 2013. URL consultato il 02 settembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN308693426 · ISNI: (EN0000 0004 3427 929X · BNF: (FRcb16758245p (data)