La battaglia di El Alamein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La battaglia di El Alamein
La battaglia di El Alamein.png
Robert Hossein in una scena del film
Titolo originaleLa battaglia di El Alamein
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1969
Durata96 min
Rapporto2,35:1
Genereguerra
RegiaGiorgio Ferroni (come Calvin Jackson Padget)
SoggettoErnesto Gastaldi
SceneggiaturaErnesto Gastaldi
Remigio Del Grosso
ProduttoreMino Loy, Luciano Martino
Casa di produzioneZenith Cinematografica, Les Films Corona
Distribuzione (Italia)Titanus
FotografiaSergio D'Offizi
MontaggioEugenio Alabiso
Effetti specialiCataldo Galliano
MusicheCarlo Rustichelli
ScenografiaEmilio D'Andria
CostumiElio Micheli
TruccoGiuseppe Ferranti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La battaglia di El Alamein è un film di guerra del 1969 diretto da Giorgio Ferroni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Estate 1942: le truppe di Rommel avanzano in Africa, costringendo alla ritirata l'8ª armata britannica. Succeduto ad Auchinleck, quando questi era riuscito a bloccare i tedeschi davanti a El Alamein, Montgomery attende il momento favorevole per la controffensiva.

I due fratelli Claudio e Giorgio Borri sono sul posto. Il primo è un maresciallo dei Bersaglieri motociclisti, affabile e moderato; il secondo è invece un tenente della Folgore. I due si incontrano per caso al fronte e collaborano fino alla morte di Giorgio e alla resa di Claudio agli inglesi di Bernard Law Montgomery, i quali concedono ai folgorini superstiti l'onore delle armi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]