L'osteria volante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'osteria volante
Titolo originaleThe Flying Inn
AutoreGilbert Keith Chesterton
1ª ed. originale1914
Genereromanzo
Sottogenerefantapolitica, umoristico
Lingua originale inglese
AmbientazioneInghilterra
ProtagonistiHumphrey Pump
Patrick Dalroy
AntagonistiPhilip Ivywood
Altri personaggiJoan Brett
Misysra Ammon
Dorian Wimpole
(EN)

« And Noah he often said to his wife when he sat down to dine:
   "I don't care where the water goes if it doesn't get into wine." »

(IT)

« E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a pranzo:
   "Poco m'importa dove vada l'acqua, purché non vada nel vino!". »

(G. K. Chesterton, L'osteria volante, Capitolo V - Lo stupore dell'agente)

L'osteria volante (The Flying Inn) è un romanzo di G. K. Chesterton, pubblicato per la prima volta nel 1914. La vicenda è ambientata in un'Inghilterra futura dove un'alleanza tra l'Islam e i grandi poteri economici porta all'introduzione di norme ispirate alla legge coranica, che, tra le altre cose, mettono fuori legge gli alcolici.

Sinossi[modifica | modifica wikitesto]

Humphrey Pump, oste inglese, è costretto a chiudere la sua attività dalle nuove leggi restrittive sulla vendita degli alcolici. Formato un sodalizio con l'erculeo capitano irlandese Patrick Delroy, i due iniziano i loro viaggi portandosi dietro solo una botte di rum, una forma di cacio e l'insegna della taverna, "La vecchia nave". I due vagano piantando l'insegna e distribuendo alcolici sotto di essa; sfruttando ambiguità della legge, riescono sempre a sfuggire all'arresto e alle trame ordite da lord Ivywood, parlamentare sostenitore del proibizionismo invocato dall'ideologo musulmano Mysisra Ammon. Le vicende di lord Ivywood e del suo gruppo di aristocratici e intellettuali (tra cui il poeta Dorian Wimpole, che finirà per appoggiare la causa dell'"Osteria volante", e lady Joan, che nutre sentimenti contrastanti per il cugino Ivywood) si intrecciano a più riprese con le avventure rocambolesce di Delroy e Pump. Lo smascheramento dell'ipocrisia degli aristocratici, che negano il consumo di alcolici al volgo ma ne assumono tramite i contatti con il direttore corrotto di una catena di farmacie, dà il via a un'insurrezione popolare che si conclude con una battaglia tra i rivoltosi inglesi, capitanati dai protagonisti, e un contingente di soldati turchi, guidati tra gli altri dallo stesso Ivywood.

La scena finale vede Delroy e lady Joan, felicemente fidanzati, visitare lord Ivywood, reso pazzo dall'hybris del suo sforzo superomistico.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Chesterton nel 1914.

L'opera, ricca di avventure inverosimili e definita dall'autore stesso un'"arlecchinata"[1], è caratterizzata da un tono umoristico e spensierato, che si realizza in situazioni comiche e frequenti giochi di parole (a partire dal nome stesso di Humphrey Pump[2]). Sono presenti nel testo numerose poesie e canzoni, spesso presentate come improvvisazioni estemporanee dei personaggi. Anche in questo lavoro, tuttavia, Chesterton non rinuncia ad esprimere il suo pensiero, ironizzando con il suo stile epigrammatico su movimenti e teorie artistici, sociali e politici.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • G.K. Chesterton, L'osteria volante, traduzione di Dauli Gian, Milano, Bompiani, 2010, ISBN 978-88-452-5950-0.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «I think that a harlequinade like The Flying Inn was an extremely promising subject [...]» «Penso che un'arlecchinata come L'osteria volante fosse un soggetto estremamente promettente [...]». Gilbert Keith Chesterton, Autobiografia, Capitolo V.
  2. ^ "Humphrey Pump" è, in inglese, il nome di una pompa a combustione interna che fu in uso nei primi decenni del Novecento.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura