Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

L'incredibile storia di Winter il delfino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'incredibile storia di Winter il delfino
Titolo originaleDolphin Tale
Paese di produzioneStati Uniti
Anno2011
Durata112 min
Generedrammatico, commedia
RegiaCharles Martin Smith
SceneggiaturaKaren Janszen, Noam Dromi
ProduttoreAndrew Kosove, Broderick Johnson, Richard Ingber
Casa di produzioneAlcon Entertainment, Paradise F.X. Corp
Distribuzione (Italia)Warner Bros.
FotografiaKarl Walter Lindenlaub
MontaggioHarvey Rosenstock
MusicheMark Isham
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'incredibile storia di Winter il delfino (Dolphin Tale) è un film del 2011 diretto da Charles Martin Smith, basato sulla storia del delfino Winter.

Il film è ispirato alla vera e straordinaria storia di Winter, una femmina di delfino che è stata salvata nel dicembre 2005 al largo delle coste della Florida e presa in affidamento dal Clearwater Marine Aquarium. Dopo essersi aggrovigliata ad una corda legata ad una trappola per granchi, ha perso la sua coda, la quale le è stata sostituita con una particolare protesi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ragazzo di nome Sawyer Nelson è in bicicletta lungo la spiaggia, quando incontra un pescatore che gli chiede aiuto dopo aver trovato un delfino ferito aggrovigliato in una trappola per granchi. Il delfino viene affidato alle cure del Clearwater Marine Hospital, diretto dal dottor Clay Haskett. La figlia di Clay, Hazel, dà al delfino il nome Winter in riferimento ad altri due delfini, chiamati Summer e Autumn, che erano stati curati presso il centro e poi rilasciati con successo nell'oceano. Sawyer chiede di avere la possibilità di vedere Winter, ma all'inizio Haskett non è d'accordo in quanto il ragazzo non è addestrato alla cura degli animali marini. Tuttavia, dopo aver notato che Winter risponde molto positivamente alla vista di Sawyer, gli concede il permesso di vederla. Sawyer, iscritto alla scuola estiva, inizia a saltare le lezioni tutti i giorni per andare a visitare Winter. La madre del ragazzo, Lorraine, quando scopre che il figlio continua a marinare la scuola per andare a trovare il delfino, nota che la forte sintonia fra Sawyer e Winter ha migliorato l'umore e il benessere del ragazzo, allora gli permette di lasciare la scuola estiva e di fare volontariato all'ospedale marino.

Purtroppo la coda di Winter è stata irrimediabilmente danneggiata dalla mancanza prolungata di afflusso di sangue, quindi deve essere amputata. Winter impara a nuotare senza coda, sviluppando il particolare movimento di nuoto che eseguono i pesci. Dopo una radiografia, però, purtroppo, Haskett si accorge che il nuotare in questo modo innaturale sta causando un grande stress alla spina dorsale del delfino, che se continuerà a nuotare così rischierà la morte. Nel frattempo al cugino di Sawyer, Kyle, un campione di nuoto arruolatosi come militare, viene amputata la gamba destra, danneggiata da un'esplosione. Sawyer gli fa visita presso il centro medico del Dipartimento locale dei Veterani, dove incontra il dottor Cameron McCarthy, ingegnere biomedico specializzato in protesi.

Sawyer pensa che una coda protesica possa essere la soluzione migliore per la salute di Winter e chiede a McCarthy di provare a realizzarla. McCarthy accetta di lavorare al progetto, convince il suo fornitore a fargli avere le opportune parti senza alcun costo e in breve tempo costruisce un modello di coda provvisorio. Winter, tuttavia, rifiuta la protesi: appena essa le viene montata addosso, inizia a divincolarsi e si ferisce andando a sbattere contro il muro della piscina. Poco tempo dopo l'ospedale viene seriamente danneggiato da un uragano, e il consiglio di amministrazione decide di chiuderlo e vendere il terreno ad un imprenditore immobiliare. Sawyer non vuole che l'ospedale chiuda e, dopo un incontro casuale con una madre ed una figlia, decide di organizzare una giornata benefica, il Save Winter Day, per salvare l'impianto. Il dottor Haskett inizialmente non è a favore di tutto ciò, ma cambia idea dopo averne parlato con suo padre Reed. Anche Kyle decide di impegnarsi per salvare il centro, organizzando una gara di nuoto contro il suo amico Donovan e convincendo una sua amica che lavora per l'emittente televisiva Bay News 9 a promuovere l'evento.

Nel frattempo il dottor McCarthy realizza una nuova coda protesica, ma Winter rifiuta anche questa protesi, e solo a questo punto Sawyer capisce che ciò è dovuto al fatto che la guaina normalmente impiegata nelle protesi è irritante per la pelle del delfino. McCarthy realizza quindi un particolare tipo di guaina gelatinosa poco prima del Save Winter Day, e stavolta il delfino accetta la coda. La giornata si rivela un successo. L'insegnante di Sawyer gli dà dei punti di credito per il suo lavoro svolto in ospedale, quindi Sawyer riesce a superare il corso estivo nonostante non abbia frequentato le lezioni. Il pescatore che inizialmente aveva trovato Winter effettua una donazione e, alla fine, l'affare immobiliare viene annullato e l'imprenditore che doveva acquistare la terra decide di impegnarsi affinché l'ospedale rimanga aperto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato principalmente nella Contea di Pinellas, in Florida ed è incentrato intorno all'attuale residenza di Winter, il Clearwater Marine Aquarium. Nel film sono presenti anche altri luoghi, come: Admiral Farragut Academy, Honeymoon Island State Park, Tarpon Springs, e le notizie locali della stazione Bay News 9.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

L'incredibile storia di Winter il delfino è stato proiettato sia in versione 2D sia in 3D. Alcune delle tante date di uscita internazionali sono:

  • 21 settembre 2011 in America (Dolphin Tale)
  • 22 settembre 2011 in Argentina (Winter - El delfín)
  • 6 ottobre 2011 in Russia (История дельфина)
  • 14 ottobre 2011 in Brasile (Winter, O Golfinho)
  • 20 ottobre 2011 in Ungheria (Delfines kaland)
  • 2 novembre 2011 in Francia (L'incroyable histoire de Winter le dauphin)
  • 11 novembre 2011 in Spagna (La gran aventura de Winter el delfín)
  • 17 novembre 2011 in Israele (Sipuro shel dolphin)
  • 13 gennaio 2012 in Italia

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

In America, il film ha incassato nei weekend del 2011, fino ai 15.865 $[1]. Mentre gli incassi mondiali, ammontano a 87.700.000 $[2]

Differenze con la realtà[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film, Winter viene trovato arenato su una spiaggia vicino al Clearwater, da un pescatore seduto sulla riva (e viene salvato con l'aiuto di Sawyer). Nella realtà, Winter è stato trovato nella laguna Mosquito (sul lato opposto dello Stato), non su una spiaggia, da un pescatore nella laguna, e nessun bambino è stato coinvolto.
  • Nel film il processo di sviluppo della coda di Winter viene svolto nell'arco di poche settimane dal medico del Dipartimento locale dei Veterani durante la sua vacanza. Nella realtà, il processo di sviluppo della coda adatta è stato svolto in ben più di un anno da Kevin Carroll e un team di esperti di protesi e ortesi.
  • Nel film il Clearwater Marine Hospital (già alle prese con questioni finanziarie) viene gravemente danneggiato da un uragano, questo solo per fare in modo di essere drammaticamente salvato dal "Save Winter Day". Nella realtà, il Clearwater Marine Aquarium non ha mai avuto nessun problema finanziario, sia prima che dopo l'arrivo di Winter.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: L'incredibile storia di Winter il delfino 2.

Nel 2014 è stato realizzato un sequel intitolato L'incredibile storia di Winter il delfino 2 (Dolphin Tale 2), diretto nuovamente da Charles Martin Smith.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Incassi in America, movieplayer.it.
  2. ^ Incassi mondiali, movieplayer.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema