L'avvocato De Gregorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'avvocato De Gregorio
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2003
Durata107 min
Generedrammatico, poliziesco
RegiaPasquale Squitieri
SoggettoPasquale Squitieri
SceneggiaturaPasquale Squitieri
ProduttoreElide Melli per Cosmopoli RAI
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaGiuseppe Tinelli
MontaggioGianluca Quartu
MusicheLuigi Ceccarelli
ScenografiaAndrea Crisanti
Interpreti e personaggi

L'avvocato De Gregorio è un film del 2003, diretto dal regista Pasquale Squitieri.

Questo film è riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 11 febbraio 2002.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'avvocato Antonio De Gregorio è un relitto del passato, costretto ad abbandonare il tribunale a seguito di un tentativo di truffa operato per affrontare le cure costose del figlio malato, allorquando aveva truffato un cliente ed era stato condannato ed emarginato. De Gregorio vive in uno scalcinato palazzo di Spaccanapoli, odiando tutto quel che gli sta intorno. L'incontro con Nunziatina, che si prostituisce a seguito della morte del marito, e la scoperta che quest'ultimo era rimasto vittima di un incidente sul lavoro mascherato da sciagura stradale, lo convinceranno a tornare alla professione, e grazie al magistrato Foloni, disposto a dargli credito nella sua battaglia legale, De Gregorio potrà riacquistare la sua dignità umana e professionale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema