Luigi Ceccarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Giuliano Ceccarelli (...) è un compositore italiano, creatore di format e autore televisivo,documentarista,direttore artistico di teatri, creatore di eventi culturali.

Dal 1978 ad oggi è autore in qualità di compositore di circa 80 colonne sonore per cinema, collaborando con Bernardo Bertolucci, Claude Chabrol, Pasquale Squitieri, Luciano Odorisio, Claudio Sestieri, Claudio Fragasso e altri. Dal 1984 Realizza la colonna sonora delle fiction “Orazio” ed “Ovidio” con Maurizio Costanzo Scrive articoli su riviste specializzate inerenti al rapporto tra musica e immagine. Dal 1992 compone musiche per le trasmissioni Rai “Il Coraggio di vivere”, “Ho bisogno di te”, “Diversi”, “Racconti di Vita”. Dal 1992 è stato direttore artistico del restauro sonoro nel cinema, collaborando con Philip Morris Progetto Cinema e Mediaset ai restauri di film di Fellini, De Sica, Germi, Lattuada e altri. Dal 1994 compone musiche per la trasmissione “Telecamere” di Anna La Rosa. Nel 2000 è autore della musica e del libretto di “Argonautika”, con Franco Nero, coreografie di Abbondanza-Bertoni, supervisione di Carolyn Carlson, regia Pepi Morgia, in scena al Teatro Pergolesi di Jesi. Dal 2001 compone musiche per la trasmissione “Sciuscià”, di Michele Santoro. Dal 2004 compone musiche per “Maurizio Costanzo Show, Raccontando” di Maurizio Costanzo. Dal 2005 inizia a collaborare organicamente con Rai Educational di Giovanni Minoli, in particolare con Maria Paola Orlandini, esordendo come autore dei testi e delle musiche del film d’ arte “Grand Tour” con Franco Nero e l’introduzione di Claudia Cardinale. Film premiato in vari Festival. Crea il format e diviene autore di Art News, in onda su Rai3 per Rai Educational che va da allora in onda fino ad oggi. Per il teatro collabora nel tempo agli allestimenti di “Passi Falsi” di Lucia Poli, “Donna di piacere” di Barbara Alberti, regia di Antonello Aglioti, , “Processo a Giovanna” di Lina Sastri. Teatro musicale con “Terakuza Tho”, autore di testi e musiche. Autore di “La ragazza che non poteva cantare” con Patrizia Nasini, di “Greed” e “Viva l’Italia”. Realizza un cd di sue composizioni per Raitrade, “La grande storia”. Autore di documentari d’arte per Rai Edu, in “Magazzini Einstein” di M.P.Orlandini. Di alcune di queste opere cura anche l’editing e la regia. “Chi Ha Paura Di Monna Lisa?”( 5 puntate), “Furti D` Arte” (5 puntate), “Giovanna Marini: Parole, Musica, Immagini”, “A Colloquio Con Giorgio Albertazzi”, “Le Parole Che Il Mare Non Dice”, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, “Era Mio Padre: Colloquio Con Cristina Mondadori,” La Visione Dello Sceicco: La Nuova Firenze D` Arabia”, “Identificazione Di Un Festival: Venezia Cinema 2008,” “La Vita, Le Piazze, Il Sogno ..”.2008, narratore Giorgio Albertazzi; diviene testimonial della 8ª settimana della lingua italiana nel mondo, che vede protagonisti gli Istituti di Cultura Italiana in tutto il mondo ,”I Caveau Della Cultura Italiana Del Canton Ticino” 2008, “I Segreti Dell` Amor Sacro E Dell` Amor Profano” 2009,”Vita Privata di Leonardo Da Vinci” “Sacher-Il Dottore Della Musica” 2009, “La Notte Di Paolina” 2009, “Caravaggio A Roma” 2010. Molti di questi lavori vengono premiati in festival nazionali e internazionali. È ideatore e Direttore Artistico del Premio annuale “Ostiglia-Arnoldo Mondadori- Un libro al Cinema” che dal 2008 si occupa del rapporto tra cinema e letteratura. Dall’autunno 2009 cura a Bergamo la Direzione artistica della Stagione di Prosa del Teatro Donizetti. Concepisce e realizza anche il progetto”La Casa delle Arti”, una stagione parallela per il Teatro Sociale. Per l’Assessorato alla Cultura di Bergamo è anche responsabile dei progetti “Festa di S.Alessandro”, “Caravaggio-Identificazione di un Artista”, “Giorno della Memoria” Dal 2010 è coordinatore del Comitato congiunto bergamasco dei Festeggiamenti per l’Unità d’Italia “Bergamo per i 150”. Nel 2012 collabora alla Candidatura di Bergamo a Capitale Europea della cultura 2019.