Kip Winger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kip Winger
Kip Winger dal vivo nel 2006
Kip Winger dal vivo nel 2006
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Heavy metal
Pop metal
Hard rock
Album-oriented rock
Periodo di attività 1978 – in attività
Gruppo attuale Winger
Gruppi precedenti Alice Cooper
Album pubblicati 13 (6 solista)
Studio 10
Live 1
Raccolte 2
Sito web

Charles Frederick Kip Winger, meglio noto come Kip Winger (Denver, 21 giugno 1961), è un cantante, bassista, chitarrista heavy metal statunitense, leader dei Winger dal 1987.

Tra le sue collaborazioni più importanti: Alice Cooper, Bob Dylan, Twisted Sister, Jordan Rudess, Alan Parsons Project.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kip Winger è nato Denver, in Colorado, da genitori entrambi musicisti jazz. La sua prima esperienza musicale è in una band chiamata Blackwood Creek, insieme ai fratelli Nate e Paul.

All'età di 16 anni, Kip comincia a studiare musica classica dopo aver sentito i lavori di compositore come Debussy, Ravel e Stravinsky. Nel 1982 si trasferisce a New York City per seguire gli insegnamenti del maestro Edgar Grana.[1]

Nel 1984 Kip compone un brano per l'album Midnite Dynamite dei Kix. In quel periodo lavora a stretto contatto con il produttore Beau Hill, incidendo parti di basso e cori per vari album. Durante le registrazioni di Beyond the Pale della cantante Fiona, fa la conoscenza di Reb Beach, futuro suo compagno nei Winger. Nel 1985 Kip si unisce alla band di Alice Cooper con cui registra i due album Constrictor e Raise Your Fist and Yell, prima di abbandonarla nel 1987 per dar vita al proprio gruppo.

Inizia dunque a comporre alcuni brani insieme a Reb Beach. Ai due si aggiungono presto il batterista Rod Morgenstein e il chitarrista Paul Tyalor, quest'ultimo già insieme a Kip nella band di Alice Cooper. Il primo album esce nel 1988 con il titolo Winger, seguito da In the Heart of the Young nel 1990, con cui la band riuscirà ad ottenere importante successo commerciale. Tuttavia il gruppo decide momentaneamente di sciogliersi nel 1994 a causa dell'insuccesso ottenuto dall'ultimo lavoro Pull.

Kip si trasferisce in Nuovo Messico per intraprendere una carriera da solista e fondare una propria casa discografica. In questo periodo il cantante registra i tre album This Conversation Seems Like a Dream, Down Incognito e Songs from the Ocean Floor.

Nel settembre 2006 si riuniscono i Winger dando alle stampe l'album IV, seguito da Karma nel 2009 e da Better Days Comin' nel 2014.

Artista poliedrico, nel maggio 2016 Kip pubblica il suo primo album di musica classica con la collaborazione della San Francisco Ballet Orchestra.[2][3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà degli anni ottanta, Winger ha avuto una relazione con l'attrice e modella Rachel Hunter.

La sua prima moglie Beatrice Richter, sposata nel 1991, è morta in un incidente stradale[4] nel novembre 1996.

Winger si è sposato per la seconda volta con Paula DeTullio nel luglio 2004. La coppia attualmente risiede a Nashville, Tennessee.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Con i Winger[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Con Alice Cooper[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tribute album[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alice Cooper - The Nightmare Returns Tour (1986)
  • Winger - The Videos, Vol. 1 (1989)
  • Winger - In the Heart of the Young, Vol. 1 (1990)
  • Winger - In the Heart of the Young, Vol. 2 (1991)
  • Winger - Live in Tokyo (1991)
  • Winger - The Making of Pull (1993)
  • Artisti vari - VH1 Metal Mania Stripped Across America Tour Live (2006)
  • Winger - The Making Of Winger IV (2007)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profile.myspace.com
  2. ^ (EN) Scott Munro, Kip Winger will release Conversations With Nijinsky next month, Team Rock, 27 aprile 2016. URL consultato il 28 aprile 2016.
  3. ^ Max Carli, Kip Winger si da alla musica classic, Melodic Rock Italia, 26 aprile 2016. URL consultato il 28 aprile 2016.
  4. ^ "Kip Winger", at NNDB

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN12493268 · LCCN: (ENno2006084535 · ISNI: (EN0000 0000 7839 0433 · GND: (DE134825640 · BNF: (FRcb13901238m (data)