Kawasaki ER-6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kawasaki ER-6
Paris - Salon de la moto 2011 - Kawasaki - ER-6N - 005.jpg
ER-6n modello del 2012
Costruttore Giappone  Kawasaki
Tipo Stradale
Produzione dal 2005 al 2016
Stessa famiglia Kawasaki Versys

La Kawasaki ER-6 (Essential Riding, cioè il necessario per farsi una "cavalcata") è una motocicletta prodotta dalla casa giapponese Kawasaki dal 2005 al 2016. Ha un motore bicilindrico da 649 cm³ riprogettato a partire da quello della ER-5, che l'ha preceduta per molti anni e viene venduta nella versione "n" (nuda) e "f" (carenata), mentre in America il modello carenato viene chiamato Kawasaki Ninja 650R. Da questo progetto a sua volta, deriva quello della Versys.

Dal 2017 la denominazione esce dal catalogo, sostituita dal modello Kawasaki Z 650 per la versione naked e dal modello Kawasaki Ninja 650 per la versione carenata.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Commercializzata a partire dal 2005 la ER-6, che non ha nulla a cui spartire con la quasi "omonima" ER-5 a parte la facilità di guida, è disponibile in versione n (naked) o f (faired, carenata) nei colori giallo, argento e nero ebano la prima, solo nero e argento la seconda. Ha telaio con struttura "a diamante" in tubi di cromo-molibdeno saldati, ottimo compromesso tra robustezza ed economicità.

Dotata di soluzioni moderne come l'apparato frenante anteriore, con doppi dischi "a margherita", e il cambio estraibile, derivati dall'esperienza di un'altra sportiva Kawasaki la ZX-10R. La marmitta catalitica è sottopancia, soluzione che abbassa il baricentro facendo acquisire ulteriore maneggevolezza. Inoltre, questa soluzione avvantaggia il passeggero che ha meno ingombri e non deve subire il riscaldamento provocato dai gas di scarico.

Nel 2009, a seguito del successo di vendite dovuto principalmente alla vincente combinazione di maneggevolezza e prezzo aggressivo, è avvenuto il primo restyling che ha visto modificati i due componenti più spartani, gli unici che nelle versioni 2005-2008 avevano palesato l'economia generale di progetto: la strumentazione di bordo e il codino[1]. È stato inoltre lievemente modificato l'aspetto del gruppo ottico anteriore e sostituiti gli specchietti retrovisori, ora più aggressivi. Nel 2012 invece è stato commercializzato un nuovo modello con telaio perimetrale a doppia trave in tubi di acciaio e con significativi cambiamenti estetici. Inoltre la nuova ER-6n comprende anche un utile computer di bordo che permette di gestire i consumi.

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Il motore è un bicilindrico 4 tempi ad iniezione elettronica e 4 valvole per cilindro da 649 cm³ con cambio a 6 marce, Sviluppa una potenza di 72 CV o 53 kW di potenza all'albero. La velocità massima è di circa 205 km/h, accelera da 0 a 100 km/h in 4,1" e percorre i 400 m riprendendo da 50 km/h in 6ª marcia in 13,8".

Su strada[modifica | modifica wikitesto]

Kawasaki ER-6n versione 2007
Kawasaki ER-6f modello 2012

Dalle prove su strada effettuate dalle riviste di settore risulta che l'ER-6 è una moto docile ma pronta, con una ciclistica moderna e agile. È adatta ai principianti, ai motociclisti "di ritorno" e a quelli che desiderano un mezzo non eccessivamente impegnativo ma comunque divertente[2]. I progettisti Kawasaki sono riusciti a imperniare il monoammortizzatore posteriore nella parte alta del telaio. Questo permette di basare il retrotreno su un forcellone a "cantilever", quindi molto lungo (la lunghezza del forcellone incide per circa il 40% della lunghezza della moto) ma ancorato molto in avanti. In questo modo la moto resta corta e, pertanto, molto stabile, benché rapida a scendere in piega.

La posizione di guida è quella classica delle moto stradali: le braccia non troppo raccolte e leggermente allungate. Le leve e i comandi sul manubrio sono disposti in maniera razionale e pertanto comodi da raggiungere senza distogliere lo sguardo dalla guida. Inoltre la moto è molto bassa e ciò la rende sicura anche per conducenti non molto alti.

La sella è stretta e si raccorda bene al serbatoio, anch'esso stretto nella parte bassa, che permette di stringere bene le gambe e la giusta angolazione anche ai conducenti più alti. Ma i tecnici hanno pensato anche al passeggero: la sella risulta, infatti, comoda anche per esso, ha a disposizione dei comodi maniglioni e le pedane sono alla giusta altezza per non farlo sentire "sul trespolo".

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Kawasaki ER-6n del 2007
Kawasaki ER-6n green 2008.jpg
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2100 × 760 × 1095 mm
Altezze Sella: 785 mm
Interasse: 1405 mm Massa a vuoto: 174 (178 nella versione "f") kg Serbatoio: 15,5
Meccanica
Tipo motore: bicilindrico parallelo a 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 649 cm³ (Alesaggio 83,0 x Corsa 60,0 mm)
Distribuzione: DOHC 4 valvole per cilindro Alimentazione: iniezione elettronica
Potenza: 53 kW ( 72,1 CV ) a 8.500 rpm Coppia: 66 Nm a 7.000 rpm Rapporto di compressione: 11.3:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio Cambio: a 6 marce
Accensione elettronica CDI
Trasmissione a catena
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio a traliccio in acciaio
Sospensioni Anteriore: Forcella telescopica da 41 mm / Posteriore: monoammortizzatore con precarico regolabile
Freni Anteriore: doppio disco "a margherita" da 300 mm / Posteriore: a disco "a margherita" da 220 mm
Pneumatici anteriore da 120/70 ZR 17; posteriore da 160/60 ZR 17
Altro
Omologazione Euro 3
Fonte dei dati: [senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Kawasaki ER-6F ABS 2009 : Votre première routière ?, su moto-station.com, 9 marzo 2009. URL consultato il 2 dicembre 2017.
  2. ^ KAWASAKI ER-6n L’occhio vuole la sua parte, su moto.it, 10 maggio 2005. URL consultato il 2 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]