Katatonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il gruppo musicale gallese, vedi Catatonia (gruppo musicale).
Katatonia
Katatonia in 2004.jpg
La band nella sua formazione del 2004
Paese d'origineSvezia Svezia
GenereGothic metal[1][2]
Gothic rock[1]
Progressive metal[2]
Death doom metal[2]
Periodo di attività musicale1991 – in attività
Album pubblicati12
Studio9
Live1
Raccolte2
Sito ufficiale

I Katatonia sono un gruppo musicale svedese fondato a Stoccolma nel 1991 da Jonas Renkse (inizialmente conosciuto con il nome d'arte "Lord Seth") e Anders Nyström (conosciuto come "Blakkheim").

Con l'album Dance of December Souls hanno contribuito a sviluppare, insieme a Paradise Lost e Anathema, il genere death doom metal. Tuttavia, in un percorso di evoluzione a partire da Discouraged Ones, hanno abbandonato la componente death per abbracciare il gothic rock e successivamente contaminando il loro suono con l'elettronica e anche il Progressive metal con l'album del 2016 The Fall of Hearts.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni 90[modifica | modifica wikitesto]

I Katatonia si formarono a Stoccolma nel 1991, influenzati inizialmente da gruppi come Tiamat, Paradise Lost, The Sisters of Mercy e Fields of the Nephilim. La formazione iniziale includeva i membri fondatori Jonas Renkse e Anders Nyström, inzialmente noti con gli pseudonimi Lord Seth alla batteria/voce e Blackheim alla chitarra/basso. Nel 1992, il gruppo firmò un contratto con la No Fashion Records dopo aver pubblicato il demo d'esordio Jhva Elohim Meth .. The Revival. L'etichetta pubblicò il primo album del gruppo, Dance of December Souls, nel 1993. L'album è considerato come uno dei più influenti esempi di Death doom metal con influenze black metal (specialmente nel comparto vocale) e sonorità darkwave[3].

Dopo la pubblicazione dell'album, i Katatonia firmarono un contratto con la Avantgarde Music, con cui vengono pubblicati tre EP, fra cui For Funerals to Come... e Sounds of Decay e due album in studio, Brave Murder Day e Discouraged Ones. Il primo è un concept album incentrato sul suicidio ed include Mikael Åkerfeldt alla voce come guest; il secondo non presenta influenze estreme ed include brani più orecchiabili e in forma canzone. L'uscita di Brave Murder Day venne accompagnata dal primo tour europeo del gruppo come gruppo-spalla agli In the Woods.... Tutto il materiale del gruppo registrato in questo periodo, con l'eccezione degli album in studio, venne in seguito incluso nella compilation Brave Yester Days, del 2004. In parallelo alla loro carriera col gruppo, Renske e Nyström fondarono, rispettivamente, i progetti solisti October Tide e Diabolical Masquerade.

Terminato il contratto con la Avantgarde Music, il gruppo firmò nel 1999 con la Peaceville Records e pubblicò il quarto album in studio Tonight's Decision, un album che anticipa gran parte del rinnovamento stilistico dei Katatonia.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2000 il gruppo registrò il quinto album Last Fair Deal Gone Down, accompagnato dagli EP Teargas e Tonight's Decision e da un tour europeo come gruppo-spalla degli Opeth. Nel 2003 venne pubblicato Viva Emptiness: col tempo, è stato considerato uno dei migliori album del gruppo da varie riviste e siti musicali dedicati al genere, e che include nuove influenze musicali, fra le quali Tool e A Perfect Circle: l'album viene accompagnato dal primo tour europeo da headliner del gruppo.

Il settimo album del gruppo, The Great Cold Distance, venne anticipato dal singolo My Twin e fu oggetto di un'imponente campagna promozionale organizzata dalla Peaceville. L'album vendette oltre 50.000 copie nei primi sei mesi successivi alla pubblicazione e permise ai Katatonia di affrontare un tour europeo condiviso con i Novembre e uno negli Stati Uniti come gruppo-spalla dei Moonspell. L'ottavo album del gruppo, Night Is the New Day, include ampio uso di strumentazione elettronica.

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il nono album in studio del gruppo, Dead End Kings, segnò un cambio di line-up che includeva sostituti ai fratelli Norrman, chitarrista e bassista che avevano suonato insieme fin da Last Fair Deal Gone Down e avevano lasciato il gruppo a fine 2009 per poter stare vicini alle loro famiglie[4]. Dell'album ne fu pubblicata una versione totalmente acustica col titolo Dethroned & Uncrowned l'anno successivo.

Alla fine del 2015 la band annunciò il cambio di formazione che vede Daniel Moilanen alla batteria, in sostituzione di Daniel Liljekvist, e Roger Öjersson alla chitarra in sostituzione di Per "Sodomizer" Eriksson. Il 20 maggio 2016 uscì The Fall of Hearts, considerato uno degli album più ispirati della band svedese[5][6].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Guillaume Le Huche - basso (1992-1994)
  • Mikael Oretoft - basso (1997-1999)
  • Fredrik Norrman - chitarra ritmica (1994-2009)
  • Mattias Norrman - basso (1999-2009)
  • Daniel Liljekvist - batteria (1999-2015)
  • Per Eriksoon - chitarra ritmica (2009 - 2014)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gianni Della Cioppa, 2010, p. 59
  2. ^ a b c (EN) Katatonia, su AllMusic, All Media Network.
  3. ^ Katatonia su History of Rock Music di Piero Scaruffi
  4. ^ KATATONIA Lineup Changes Archiviato il 26 dicembre 2009 in Internet Archive.
  5. ^ (IT) KATATONIA - The Fall Of Hearts, in Metalitalia.com. URL consultato il 12 gennaio 2018.
  6. ^ The Fall of Hearts by Katatonia. URL consultato il 12 gennaio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Della Cioppa, Heavy Metal. I contemporanei, Giunti Editore, 2010, ISBN 978-88-09-74962-7, ..
  • Daniel Bukszpan, The Encyclopedia of Heavy Metal, Barnes & Noble Publishing, 2003, ISBN 0-7607-4218-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN130386194 · ISNI (EN0000 0001 0660 513X · GND (DE10311076-8 · BNF (FRcb14037922t (data)
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal