Novembre (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Novembre
Novembre metal band concert in Roncade Italy.png
I Novembre il 9 maggio 2006 durante un'esibizione a Roncade (TV), da sinistra Carmelo Orlando, Massimiliano Pagliuso
Paese d'origineItalia Italia
GenereProgressive death metal[1][2]
Gothic metal[3]
Doom metal
Periodo di attività musicale1990 – in attività
Album pubblicati8
Studio8 (5 inediti + 1 ristampa + 2 EP)
Live0
Raccolte0
Sito ufficiale

I Novembre sono un gruppo italiano di Progressive death metal (di stanza a Roma ma di origine Catanese) che unisce le tipiche sonorità di questi generi a melodie gotiche, ambient e ritmi doom. I Novembre sono ritenuti uno dei gruppi fondamentali a livello internazionale nel loro genere[4], i loro album degli anni '90 sviluppavano ed in parte anticipavano cronologicamente la lezione impartita da band come Opeth e Katatonia.[5]

Storia della band[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nati nel 1990 con il nome Catacomb, dalla mente dei due fratelli catanesi, trasferitisi successivamente a Roma, Carmelo Orlando (voce e chitarra) e Giuseppe Orlando (batteria)[6], pubblicano un demo (Unreal 1991) e un EP (The Return of the Ark).
Successivamente, viste le evoluzioni del sound del gruppo che passò ad un death metal più personale, i due fratelli preferiscono cambiare nome alla loro creatura, scegliendone uno che meglio rappresentasse la loro musica: Novembre[7]. La band comincia così a farsi conoscere grazie ai circuiti dell'underground internazionale.

Primi due album[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 entrano in studio e registrano il loro album di debutto, Wish I Could Dream It Again... con il produttore svedese Dan Swanö (che ha collaborato anche con gli Opeth)[8], album che verrà poi pubblicato per Polyphemus Records (etichetta indipendente catanese) in un disco che mescolava al death metal, sonorità più legate al gothic rock[9].

Nel 1996 invece uscì il secondo album della band, tuttora considerato come capolavoro del metal nostrano: Arte Novecento. Il disco, anch'esso prodotto da Swanö, si contraddistingue per atmosfere più dilatate e sognanti, con un minor uso delle linee vocali "estreme". L'album ottiene un buon successo e la band parte per una tournée.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

I Novembre riscuotono molto successo e ottengono un contratto con la Century Media Records. Partono dunque per una tournée come supporto dei Moonspell, al termine della quale registrano il loro terzo album, Classica, che vede la luce nel 2000. Il disco si contraddistingue dal precedente per sonorità decisamente più doom, un maggiore uso di growl e atmosfere più aggressive e pesanti, senza mai perdere però il tocco di originalità e freschezza che ha sempre contraddistinto la band fin dagli esordi.

Ma il successo arriva nel 2001 con Novembrine Waltz, disco che riassume perfettamente le atmosfere di Classica e Arte Novecento e che porta il gruppo nuovamente in tournée assieme a Katatonia ed Opeth.

Nel 2002 la band decide di registrare di nuovo Wish I Could Dream It Again... (prima produzione del gruppo) con il nome di Dreams d'Azur, avvalendosi questa volta di una produzione migliore e ritoccando parzialmente la track-list.

Il passaggio alla Peaceville Records[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente la band cambia casa discografica passando alla Peaceville Records e, nel 2005, il gruppo entra in studio per incidere Materia, nuova produzione uscita il 17 aprile 2006. Il disco si contraddistingue per atmosfere più tranquille, sognanti e "ariose", discostandosi da Arte Novecento per le sonorità molto meno doom.

Il 5 novembre 2007 è il giorno di debutto del loro settimo album: The Blue che ottiene un ottimo successo di critica e pubblico.

Il 30 novembre 2007 si sono esibiti live all'Alpheus di Roma, presentando The Blue e suonando anche pezzi di album precedenti. Nel 2008 hanno suonato a Bologna e Milano come supporto nelle date del tour dei Within Temptation[10]; sono stati anche ospiti dell'annuale edizione dell'Evolution Festival tenutasi all'Idroscalo di Milano.

Il 27 ottobre 2008 viene pubblicata la ristampa di Classica con l'aggiunta di una traccia bonus (Colour of a Eye), mai pubblicata precedentemente.

Il 29 novembre dello stesso anno i Novembre presentano su MySpace il nuovo bassista: Valerio Di Lella, già loro fonico e amico, il quale è anche cantante della band death metal Grimness[11].

La band, secondo Encyclopaedia Metallum è stata inattiva dal 2008 al 2015[12].

L'ultimo album dei Novembre, URSA, è uscito il 25 marzo 2016[13]. Questo è il primo album della band che non vede la presenza alla batteria di Giuseppe Orlando, sostituito per l'occasione dal session man David Folchitto già batterista di Stormlord e Fleshgod Apocalypse [14]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Heavy-Metal.it - Novembre: The Blue Archiviato il 14 novembre 2007 in Internet Archive.
  2. ^ THE METAL OBSERVER - Band articles - Progressive Death Metal
  3. ^ Novembre - The Blue - ArtistsAndBands Archiviato il 21 luglio 2012 in Internet Archive.
  4. ^ teonzo, Guida Gothic Metal, su www.shapelesszine.com. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  5. ^ Novembrine Waltz - Review by heavymetalvixen - Encyclopaedia Metallum: The Metal Archives, su www.metal-archives.com. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  6. ^ Novembre – Scopri musica, video, concerti e immagini su Last.fm
  7. ^ Le guide di Supereva Archiviato il 7 settembre 2008 in Internet Archive.
  8. ^ i miei tessssorri.. - Windows Live[collegamento interrotto]
  9. ^ Gianni Aiello, Wish I Could Dream It Again (recensione), in #38 Rumore, marzo 1995.
  10. ^ Novembre Official Website Archiviato il 3 febbraio 2008 in Internet Archive.
  11. ^ VALERIO DI LELLA is NOVEMBRE's new bass player, European Tour,... - MySpace-blog | van NOVEMBRE Archiviato il 12 gennaio 2009 in Internet Archive.
  12. ^ (EN) Novembre su Encyclopaedia Metallum
  13. ^ (EN) Sito ufficiale Novembre Archiviato il 3 febbraio 2008 in Internet Archive.
  14. ^ Novembre-Ursa, su metalitalia.com.
  15. ^ Metal Hammer n°1/2009 - pag.7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]