Junkers A 20

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Junkers A 20
Bundesarchiv Bild 102-12108, Flugpost-Austausch in der Luft.jpg
Uno Junkers A 20 in volo
Descrizione
Tipo aereo da trasporto multiruolo
Equipaggio 1
Progettista Otto Mader
Ernst Zindel
Costruttore Germania Junkers
URSS Junkers (Fili)
Svezia AB Flygindustri
Data primo volo 6 aprile 1923
Esemplari 43
Sviluppato dal junkers J 11
Altre varianti Junkers A 25
Junkers A 35
Junkers K 53
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,30 m
Apertura alare 15,34 m
Altezza 2,95 m
Superficie alare 28,20
Peso a vuoto 940 kg
Peso carico 1 500 kg
Passeggeri 1
Propulsione
Motore un Mercedes D.III
Potenza 160 PS (118 kW)
Prestazioni
Velocità max 170 km/h
Velocità di crociera 150 km/h
Tangenza 3 500 m
Note dati riferiti alla versione A 20 L

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Lo Junkers A 20 (denominazione aziendale J 20) era un monomotore multiruolo civile ad ala bassa sviluppato dall'azienda tedesca Junkers Flugzeugwerk AG negli anni venti e prodotto, oltre che dalla stessa, nella filiale sovietica Junkers di Fili, e su licenza in Svezia, dalla AB Flygindustri Limhamn (Malmö) ed in Turchia, dalla Turkische Flugzeug- und Motoren AG (TOMTAS).

Di costruzione interamente metallica, era caratterizzato dalla singolare superficie in metallo ondulato tipico della produzione Junkers e venne utilizzato sia in ambito civile, come aereo postale e da addestramento, che in ambito militare.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

(lista parziale)

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Austria Austria
Germania Germania

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Cile Cile
Iran Iran

Governativi[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Anthony L. Kay, Junkers Aircraft and engines 1913-1945, London, Putnam Aeronautical Books, 2004, ISBN 0-85177-985-9.
  • (DE) Manfred Griehl, Junkers: Flugzeuge seit 1915, Motorbuch Verlag, 2010, ISBN 3-613-03179-5.
  • (EN) P. St. John Turner, Heinz J. Nowarra, Junkers: An Aircraft Album No. 3, New York, Arco, 1971, ISBN 0-668-02506-9.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Peter M. Grosz, Gerard Terry, The Way to the World's First All-Metal Fighter, in Air Enthusiast, N. 25, agosto - novembre 1984, ISSN 0143-5450.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]