Judith Evelyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Judith Evelyn

Judith Evelyn, nome d'arte di Evelyn Morris (Seneca, 20 marzo 1909New York, 7 maggio 1967), è stata un'attrice cinematografica, teatrale e televisiva statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Interprete di formazione teatrale, Judith Evelyn apparve in numerosi lavori a Broadway, tra i quali Angel Street, nel ruolo di Bella Manningham che interpretò dal 1941 al 1944 e che riprese anche in una versione televisiva del medesimo dramma, prodotta nel 1946. Nella seconda metà degli anni quaranta recitò nelle serie televisive antologiche The Chevrolet Tele-Theatre e The Philco Television Playhouse.

Il suo debutto cinematografico risale al 1951 con il ruolo di Sister Marie Corbin nel film La penna rossa, remake statunitense del capolavoro del cinema francese Il corvo (1943). Negli anni successivi l'attrice ottenne alcuni ruoli di carattere in importanti produzioni hollywoodiane, come quello della regale Taia nel film in costume Sinuhe l'egiziano (1954) di Michael Curtiz e quello di Mrs. Nancy Lynnton, madre di Leslie Benedict (Elizabeth Taylor) nell'epico Il gigante (1956) di George Stevens. Ma il ruolo per il quale è tuttora maggiormente ricordata dal pubblico è quello dell'infelice Miss "Cuore Solitario" nel thriller La finestra sul cortile (1954) di Alfred Hitchcock, nel quale la Evelyn ritrasse con sensibilità la zitella disillusa che medita il suicidio ma desiste allorquando ascolta la nuova composizione del musicista che abita nell'appartamento del Greenwich Village accanto al suo, e i cui movimenti sono osservati dal fotografo Jeffries (James Stewart), immobilizzato sulla sedia a rotelle da una frattura alla gamba, e dalla fidanzata Lisa (Grace Kelly).

Durante gli anni cinquanta la Evelyn lavorò intensamente per il piccolo schermo in popolari telefilm e recitò ancora per il cinema in alcuni drammi come Delitto sulla spiaggia (1955), accanto a Joan Crawford, Paura d'amare (1956), con protagonista Jean Simmons, e Karamazov (1958), nel ruolo di M.me Anna Hohlakov, nella pellicola d'avventura Il capitano dei mari del sud (1958), al fianco di Rock Hudson, e nell'horror Il mostro di sangue (1959), nel quale recitò accanto a Vincent Price, con il quale aveva lavorato a Broadway in Angel Street.

Dall'inizio degli anni sessanta l'attrice rallentò l'attività e apparve per l'ultima volta sulle scene nella serie televisiva Undicesima ora (1962). Colpita da un cancro, morì a New York il 7 maggio 1967, all'età di 58 anni. Il 3 settembre 1939, durante un viaggio con l'allora fidanzato Andrew Allan, produttore canadese, era sopravvissuta all'attacco e all'affondamento della nave passeggeri SS Athenia da parte di un sommergibile tedesco, preludio a quella che sarebbe passata alla storia come la battaglia dell'Atlantico[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN28603505 · LCCN: (ENn87914492 · GND: (DE1061865576