Johnny Belinda (film 1948)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johnny Belinda
Titolo originaleJohnny Belinda
Paese di produzioneUSA
Anno1948
Durata103 min
Generedrammatico
RegiaJean Negulesco
SoggettoElmer Blaney Harris
SceneggiaturaAllen Vincent, Irma von Cube
ProduttoreJerry Wald
FotografiaTed D. McCord
MontaggioDavid Weisbart
Effetti specialiEdwin B. DuPar, William C. McGann
MusicheMax Steiner
ScenografiaRobert M. Haas (art director)
William Wallace (set decorator)
TruccoPerc Westmore, Frank McCoy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Johnny Belinda è un film del 1948 diretto da Jean Negulesco e interpretato da Jane Wyman e Lew Ayres. La pellicola è un adattamento cinematografico di un dramma teatrale scritto da Elmer Blaney Harris e sceneggiato da Irma von Cube e Allen Vincent.

La storia è basata su un fatto realmente accaduto vicino alla residenza estiva dell'autore, Harris, a Fortune Bridge nella Prince Edward Island. Il personaggio principale che dà il titolo alla pellicola è basato sulla vita di Lydia Dingwell di Lingwen Mills.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una ragazza sordomuta, Belinda McDonald, conosce un giovane medico, il dottor Robert Richardson. Il dottore presto si rende conto che la ragazza, sebbene sorda e muta, dimostri una intelligenza molto vivace. Belinda vive in una fattoria con suo padre, Black McDonald, e sua zia, Aggie McDonald, e vive una esistenza molto solitaria ed isolata. Sia suo padre che sua zia provano rancore per Belinda, perché sua madre è morta dandola alla luce. Richardson insegna a Belinda il linguaggio dei segni e ben presto in lui nasce un sentimento molto forte per la ragazza.

La segretaria del dottore, Stella McCormick, cerca di convincerlo a corteggiare la ragazza, ma quest'ultimo è restìo a farlo.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema