John David Barrow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John David Barrow

John David Barrow (Londra, 29 novembre 1952) è un cosmologo e astrofisico inglese, professore di matematica all'Università di Cambridge.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Scienze Matematiche all'Università di Durham, ha conseguito il dottorato in astrofisica all'Università di Oxford nel 1977, specializzandosi quindi a Berkeley. Autore di centinaia di articoli e di decine di saggi tradotti in ventotto lingue, è considerato uno dei maggiori esperti al mondo della moderna ricerca cosmologica.

Vicino alle tesi di Roger Penrose e Paul Davies riguardo al rapporto tra universo e coscienza, Barrow ha esplorato a fondo alcune delle questioni più spigolose della cosmologia contemporanea contribuendo a sfatare molti tabù degli scienziati in questo campo: il concetto di infinito, la Teoria del tutto, il destino dell'universo e la sua origine, i particolari rapporti numerici che stanno alla base del cosmo e della vita umana. Circa quest'ultimo punto, Barrow, con il suo fondamentale lavoro Il principio antropico, ne ha realizzato la prima completa teorizzazione, e sempre più spesso se ne discute in filosofia e teologia.

Nel 2002 ha scritto per il teatro lo spettacolo Infinities che ha esordito al Teatro Piccolo di Milano, poi a Valencia, conseguendo il Premio teatrale Ubu 2002 come spettacolo dell'anno. Nel 2006 è stato insignito del Premio Templeton per "i suoi scritti sulla relazione tra la vita e l'universo, e sulla natura della consapevolezza umana [che] ha prodotto nuove prospettive sulle questioni centrali riguardo alla scienza e alla religione".

il 5 febbraio 2020 è nominato da Papa Francesco Membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze[1].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine, su press.vatican.va. URL consultato il 10 febbraio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64026105 · ISNI (EN0000 0001 0908 6494 · LCCN (ENn83217151 · GND (DE118199889 · BNF (FRcb120559245 (data) · BNE (ESXX868061 (data) · NDL (ENJA00432415 · WorldCat Identities (ENlccn-n83217151