Jimmy Doolittle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Harold Doolittle
James H Doolittle.jpg
14 dicembre 1896 – 27 settembre 1993
Soprannome Jimmy
Nato a Alameda
Morto a Pebble Beach
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Armed Forces
Arma United States Army Air Corps
United States Army Air Forces
United States Air Force
Anni di servizio 19171959
Grado Generale
Guerre Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Battaglie Incursione aerea su Tokyo
Operazione Torch
Campagna di Tunisia
Campagna d'Italia (1943-1945)
Bombardamenti sulla Germania durante la seconda guerra mondiale
Comandante di Twelfth Air Force
Eighth Air Force
Decorazioni Presidential Medal of Freedom, Medal of Honor, Silver Star, Distinguished Flying Cross, Army Distinguished Service Medal

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

James Harold Doolittle, detto Jimmy (Alameda, 14 dicembre 1896Pebble Beach, 27 settembre 1993), è stato un generale e aviatore statunitense.

Dopo una brillante carriera come aviatore, pilota competitivo e istruttore, si distinse come ufficiale superiore delle United States Army Air Forces durante la seconda guerra mondiale.

Divenuto molto popolare per l'audace incursione aerea su Tokyo dell'aprile 1942, assunse il comando delle forze aeree americane assegnate al teatro del Mediterraneo prima di passare all'inizio del 1944 alla guida della Eighth Air Force di cui mantenne il comando fino alla fine della guerra, contribuendo al raggiungimento della superiorità aerea totale alleata sui cieli d'Europa e alla distruzione delle struttura produttiva ed anche delle città della Germania nazista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera di aviatore come istruttore di volo militare alla fine della prima guerra mondiale.

Tra le due guerre partecipò attivamente alle gare aeronautiche di velocità, imponendosi come giovane promessa americana dell'aviazione: nel 1925 vinse l'edizione della Coppa Schneider, a Baltimora negli USA, a bordo di un Curtiss R3C-2. Continuando la sua partecipazione alle National Air Races, nel 1932, Doolittle infranse il record mondiale di velocità toccando, ai comandi del suo Granville Gee Bee Model R Super Sportster bianco e rosso, i 476 km/h (296 miglia orarie). Nello stesso anno, pilotando il medesimo aereo, vinse il l'edizione annuale del Thompson Trophy Race.

Doolittle servì con valore come generale nella United States Army Air Force durante la Seconda guerra mondiale, guadagnandosi la Medal of Honor come comandante della formazione di North American B-25 Mitchell che effettuò l'audace azione di bombardamento su Tokyo il 18 aprile 1942.

Assegnato inizialmente al comando della Twelfth Air Force dall'agosto 1942, guidò le forze aeree americane durante l'operazione Torch e quindi passò al comando della Northwest African Strategic Air Force fino alla fine del 1943, quandò venne richiamato in Gran Bretagna per dirigere la Eighth Air Force nella fase culminante della grande campagna di bombardamento strategico sulla Germania.

Il 27 gennaio del 1945 il generale Carl Andrew Spaatz inviò un messaggio urgente a Jimmy Doolittle di cessare le attività di sperimentazione del progetto Aphrodite in quanto non ancora efficaci.[1]

Oltre alle prestigiose decorazioni conseguite, Doolittle è stato insignito del "Bolivian Order of the Condor of the Andes", del "Horatio Alger Award" e la Society of Experimental Test Pilots ha istituito in sua memoria il premio annuale denominato "James H. Doolittle Award".

Doolittle fu impersonato da Spencer Tracy nel film del 1944 Missione segreta e da Alec Baldwin nel film del 2001 Pearl Harbor.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 1989
Army Distinguished Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria Army Distinguished Service Medal
Distinguished Flying Cross - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Flying Cross
Silver Star - nastrino per uniforme ordinaria Silver Star
Air Medal con tre fronde di quercia - nastrino per uniforme ordinaria Air Medal con tre fronde di quercia
Medaglia interalleata della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia interalleata della vittoria
American Defense Service Medal - nastrino per uniforme ordinaria American Defense Service Medal
Asiatic-Pacific Campaign Medal con stella di battaglia - nastrino per uniforme ordinaria Asiatic-Pacific Campaign Medal con stella di battaglia
European-African-Middle Eastern Campaign Medal con cinque stelle di battaglia - nastrino per uniforme ordinaria European-African-Middle Eastern Campaign Medal con cinque stelle di battaglia
World War II Victory Medal - nastrino per uniforme ordinaria World War II Victory Medal

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jack Olsen, Aphrodite: Desperate Mission, Putnam's Sons, 1970, p. 308.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN8196363 · LCCN: (ENn50026726 · ISNI: (EN0000 0001 1437 4722 · GND: (DE119374684 · BNF: (FRcb16236545r (data)