IndiGo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
IndiGo
Logo
Airbus A320-232, IndiGo Airlines JP7701002.jpg
Un Airbus A320 all'Aeroporto di Tolosa Blagnac
StatoIndia India
Fondazione2005
Fondata da
  • Rahul Bhatia
  • Rakesh Gangwal
Sede principaleGurgaon
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato2.6 miliardi di US$[1] (2016)
Dipendenti12.362 (2016)
Slogan«On time, every time»
Sito web
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATA6E
Codice ICAOIGO
Indicativo di chiamataIFLY
Primo volo4 agosto 2006
Flotta119 (nel 2012)
Destinazioni48
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un A320 IndiGo
Un esempio del servizio IndiGo

La IndiGo è una compagnia indiana a basso costo che ha sede a Gurgaon. IndiGo è la compagnia aerea indiana più grande in termini di passeggeri trasportati ad Ottobre 2016. Opera voli domestici dalla sua base principale, l'Aeroporto Internazionale Indira Gandhi di Delhi. Inoltre, la compagnia è stata premiata nel 2008 come "Miglior vettore a basso costo operante voli domestici" in India.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La IndiGo ha dato il via alle operazioni il 4 agosto 2006, servendo Delhi ad Imphal, facendo scalo a Guwahati. La compagnia è posseduta da Interglobe Enterprises e ha ricevuto il suo primo Airbus A320-200 nel luglio 2006. Nello stesso anno ha ricevuto altri 6 velivoli dello stesso modello e nel 2007 altri 9, arrivando a 15. Bruce Ashby, l'ex vice presidente esecutivo di US Airways, è poi entrato nell'IndiGo come Amministratore delegato e la compagnia ha acquistato 3 parcheggi all'Aeroporto Internazionale Indira Gandhi di Delhi ed all'Aeroporto Internazionale di Mumbai.

IndiGo ha inoltre chiesto al Ministero Indiano per l'Aviazione Civile l'approvazione per poter aprire rotte internazionali nell'agosto 2011, dopo aver completato 5 anni in cui ha dovuto obbligatoriamente volare all'interno dell'India. La compagnia vuole volare nei paesi facenti parte del SAARC, dell'ASEAN e nell'Asia Sud-Occidentale.

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

A giugno 2018, IndiGo effettua più di 1000 voli giornalieri verso 59 destinazioni, 48 in India e 11 internazionali.[2] L'hub della compagnia si trova a Delhi,[3] con ulteriori basi a Bangalore,[4] Chennai,[5] Hyderabad,[6] Kolkata,[5] Mumbai,[5] Jaipur e Ahmedabad.[7]

Accordi di codeshare[modifica | modifica wikitesto]

IndiGo ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie aeree:

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

A dicembre 2018 la flotta di IndiGo risulta così composta:

Flotta di IndiGo
Aereo In flotta[9] Ordini Passeggeri[10] Note
Airbus A320-200 126 180
Airbus A320neo 68 219 180
186
Airbus A321neo 1[11] 149[12] 222[13] Consegne a partire dal 2019[14]
ATR 72-600 14 36 74[15]
Totale 209 403

Servizio a bordo[modifica | modifica wikitesto]

Essendo una compagnia aerea a basso costo, IndiGo non offre un servizio gratuito di pasto ai passeggeri. Tuttavia, il vettore offre un servizio di ristoro dove panini, biscotti, acqua e bibite possono essere acquistate dai passeggeri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IndiGo profit soars 53% in fiscal 2016, The Hindu Business Line. URL consultato il 4 novembre 2016.
  2. ^ Indigo Website, su goindigo.in (archiviato il 14 aprile 2018).
  3. ^ Profile on IndiGo, CAPA. URL consultato il 19 marzo 2016 (archiviato il 17 marzo 2016).
  4. ^ IndiGo adds to Bengaluru base, in Anna.aero, 16 febbraio 2016. URL consultato il 3 giugno 2016 (archiviato il 9 aprile 2016).
  5. ^ a b c IndiGo commences seventh route to Dubai, in Anna.aero, 17 dicembre 2014. URL consultato il 3 giugno 2016 (archiviato il 19 settembre 2016).
  6. ^ IndiGo starts new domestic route from Hyderabad, in Anna.aero, 6 agosto 2014. URL consultato il 3 giugno 2016 (archiviato il 19 settembre 2016).
  7. ^ Aparna Nair, IndiGo to park four planes at Nagpur airport, in The Times of India, 8 luglio 2014. URL consultato il 3 giugno 2016 (archiviato l'8 novembre 2016).
  8. ^ Hofmann, Kurt (4 January 2019). "India's IndiGo, Turkish Airlines agree to codeshare". Air Transport World. Archived from the original on 8 January 2019.
  9. ^ IndiGo Facts and Figures, su goindigo.in (archiviato il 14 dicembre 2018).
  10. ^ Aircraft and Routes, IndiGo.
  11. ^ https://centreforaviation.com/news/indigo-receives-indias-first-a321neo-869098
  12. ^ Airbus Orders and deliveries (XLSX), Airbus, October 2018. URL consultato il 18 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2018).
  13. ^ India's IndiGo considers technical stops for Euro flights, ch-aviation.com, 19 novembre 2018.
  14. ^ Hitisha Jain, Will upgrading to A321 neo help IndiGo post better Q2FY17 numbers? | Zee Business, Zeebiz.com, 23 settembre 2016. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  15. ^ Tarun Shukla, IndiGo said to get DGCA nod for modified regional planes, in Live Mint, 4 ottobre 2017. URL consultato il 6 ottobre 2017 (archiviato il 7 ottobre 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]