Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kingfisher Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kingfisher Airlines
Compagnia aerea major
Codice IATAIT
Codice ICAOKFR
Identificativo di chiamataKINGFISHER
Inizio operazioni di volo9 maggio 2005
Fine operazioni di volo20 ottobre 2012
Descrizione
HubBangalore
Hub secondari
Focus cities
Programma frequent flyerKing Club
Airport loungeKingfisher Lounge
Flotta11[1]
Destinazioni25[1]
Controllate
  • Kingfisher Red
  • Kingfisher Xpress
  • Azienda
    Fondazione2003 a Mumbai
    Chiusura2012
    StatoIndia India
    SedeMumbai
    GruppoUnited Breweries Group
    Persone chiave
  • Vijay Mallya (fondatore)
  • Sanjay Aggarwal (CEO)
  • SloganRemembering The Good Times
    Sito web
    Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

    La Kingfisher Airlines (Hindi: किंगफिशर एयरलाईन्स) era una compagnia aerea indiana basata a Bangalore. Skytrax assegnò il rating massimo di 5 stelle alla compagnia nel 2009[2]. Nel 2011 la compagnia aerea ha assistito ad una grave crisi economica che ha portato ad uno sciopero della maggior parte del personale, costringendo quindi gli aeromobili a rimanere a terra[3]. L'anno successivo, precisamente il 20 ottobre 2012, la compagnia è fallita sospendendo tutte le operazioni di volo.

    Un Airbus A330 nella livrea attuale della indiana Kingfisher Airlines
    Un ATR 72-500 nella livrea attuale della indiana Kingfisher Airlines

    Flotta[modifica | modifica wikitesto]

    Un Airbus A320 nella livrea attuale della Kingfisher Airlines a Bangalore, India

    La flotta della Kingfisher Airlines, al momento del fallimento, 20 ottobre 2012, era composta dai seguenti velivoli:

    Flotta di Kingfisher Airlines
    Aereo In flotta Passeggeri Note
    Airbus A319-133 1 VIP
    Airbus A320-232 6 134
    ATR 72-500 13 66
    Boeing 727-044 1 VIP
    Totale 21

    Flotta prima del 2012[modifica | modifica wikitesto]

    Prima dell'inizio della crisi prefallimentare, la compagnia possedeva una ampia flotta con numerosi ordini:

    Flotta di Kingfisher Airlines (pre-crisi)[4]
    Aereo In flotta Ordini Opzioni Passeggeri Note
    F Y Totale
    Airbus A319-100 3 0 144 144
    Airbus A320-200 10 67 20 114 134 In consegna fino al 2016
    3 0 174 174
    8 0 180 180
    Airbus A320neo 72 72 TBA
    Airbus A321-200 6 32 119 151
    2 0 199 199
    Airbus A330-200 4 30 187 217 In consegna fino al 2015
    Airbus A350-800 5 TBA In consegna dal 2015
    Airbus A380-800 1 64 64 0 0 800 In consegna dal 2016
    ATR 42-500 2 0 48 48
    ATR 72-500 17 20 0 66 66
    8 0 72 72
    Boeing 777-200ER 7 1 1 NYL
    Boeing 777-300ER 10 7 7 58 384 442
    Boeing 787-9 1 12 12 64 229 293

    Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

    Fisichella e Sutil in pista durante il Gran Premio del Canada 2008. Il logo Kingfisher è ben visibile sull'alettone delle due monoposto.

    La Kingfisher ha una lunga storia di sponsorizzazioni in vari settori dello sport; tra questi è da segnalare Formula 1, nel quale ha supportato per molti anni la Force India.

    Ordini[modifica | modifica wikitesto]

    Inoltre, la compagnia aerea indiana ha ordinato i seguenti velivoli:

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b Al momento del fallimento.
    2. ^ The World's 5-Star Airlines Official 5-Star Airlines from SKYTRAX, su airlinequality.com. URL consultato il 16 novembre 2009.
    3. ^ avionews.it, http://www.avionews.it/index.php?corpo=see_news_home.php&news_id=1146236&pagina_chiamante=index.php.
    4. ^ Kingfisher Airlines Fleet, Flykingfisher.com, 15 agosto 2010. URL consultato il 30 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2010).

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]