Il mio amico Ben

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mio amico Ben
Titolo originale Ben and Me
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1953
Durata 21 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Hamilton Luske
Soggetto Bill Peet da Robert Lawson
Sceneggiatura Winston Hibler, Dell Connell, Ted Sears
Produttore Walt Disney
Casa di produzione Walt Disney Pictures
Animatori Wolfgang Reitherman, Ollie Johnston, John Lounsbery
Musiche Oliver Wallace
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Il mio amico Ben, conosciuto anche con il titolo Il mio amico Beniamino (Ben and Me) è un cortometraggio animato del 1953. Il film ricevette una nomination all'Academy Award per il miglior soggetto.

Trama[modifica | modifica sorgente]

A Filadelfia nel 1745, Benjamin Franklin, un tipografo squattrinato, incontra un simpatico topolino rivoluzionario di nome Amos. Questi si propone di aiutarlo nel completare la scrittura del giornale affinché possa ricevere i soldi necessari per pagare l'affitto della sua bottega ai creditori. Mentre Amos ripara gli occhiali, Ben costruisce per lui una stufa con vecchi pezzi di ferro per non sentire freddo e alla fine il giornale viene stampato in quattro e quattrotto pronto per essere venduto.

Inoltre la fama di Beniamino comincia a crescere sempre di più grazie ad Amos che corre in giro ad annotarsi tutte le notizie: da complotti politici ad incendi nei palazzi.

Ma Beniamino brama molto più di essere un semplice tipografo e così comincia assieme ad Amos a scoprire la potenza del fulmine con l'aiuto di un aquilone. Ma accade un incidente e Amos rimane folgorato e, infuriato, lascia Ben per tornare a casa sua.
Passa qualche anno e Ben ormai diventa un uomo veramente importante, ma non dimentica il suo amico topo e così va a trovarlo e riesce a convincerlo a tornare con lui. Infine Franklin riceverà un onore per aver trovato le parole giuste per il discorso del politico Thomas Jefferson, leggendo pochi passi del contratto di scuse con Amos.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]