Hope Emerson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hope Emerson

Hope Emerson (Hawarden, 29 ottobre 1897Hollywood, 25 aprile 1960) è stata un'attrice cinematografica, teatrale e televisiva statunitense.

Nel 1951 ottenne una nomination all'Oscar alla miglior attrice non protagonista per il film Prima colpa (1950) di John Cromwell.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativa dell'Iowa, Hope Emerson si diplomò nel 1916 alla West High School di Des Moines, dopodiché si spostò a New York, dove iniziò a recitare nel vaudeville e ad esibirsi nei nightclub come cantante e pianista, partecipando inoltre a diverse rappresentazioni estive con la St. Louis Municipal Opera[1].

Il debutto a Broadway avvenne nel 1930 in Lisistrata di Aristofane, messa in scena dal produttore Norman Bel Geddes, in cui la Emerson ebbe il ruolo dell'amazzone Lampito, accanto a Charles Coburn[1].

Per due decenni l'attrice lavorò con successo sui palcoscenici, diventando celebre negli anni quaranta anche grazie alla pubblicità radiofonica del marchio "Borden Milk", in cui prestò la propria voce al personaggio di "Elsie the Cow"[1]. Il debutto nel cinema avvenne solo alla fine del decennio nel poliziesco L'urlo della città (1948), in cui l'attrice, ormai cinquantenne, interpretò Rose Given, la massaggiatrice che tenta di strangolare il protagonista Richard Conte[1]. L'anno successivo recitò nella commedia La costola di Adamo (1949) di George Cukor, con Spencer Tracy e Katherine Hepburn, interpretando il ruolo di Olympia La Pere, un'artista del circo dalla forza non comune, che in una scena solleva in aria proprio Spencer Tracy.

Il fisico imponente e matronale, caratterizzato da una statura di 1 metro e ottantotto centimetri[1], consentì alla Emerson di continuare a interpretare ruoli di donne energiche e di carattere, come Evelyn Harper, la dura guardiana di una prigione nel drammatico Prima colpa (1950), che le valse una candidatura all'Oscar alla miglior attrice non protagonista. Successivamente fu una delle componenti della carovana di donne in viaggio attraverso l'Ovest per raggiungere gli uomini sposati per procura nel western Donne verso l'ignoto (1951) di William A. Wellman.

Durante gli anni cinquanta l'attrice partecipò anche a diverse commedie come La signora vuole il visone (1953) e Il balio asciutto (1958), privilegiando progressivamente gli impegni televisivi. Tra le sue interpretazioni sul piccolo schermo, sono da ricordare le serie Studio One (1955-1958), Peter Gunn, di cui interpretò 27 episodi nel ruolo della madre (1958-1959), e The Dennis O'Keefe Show, in cui impersonò Amelia Sargent in 32 episodi dal 1959 al 1960.

Colpita da una grave epatopatia, Hope Emerson morì a Hollywood il 25 aprile 1960, all'età di sessantadue anni. Mai sposatasi, non lasciò figli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Lola Braccini in Quel meraviglioso desiderio, Prima colpa, I filibustieri delle Antille, La signora vuole il visone
  • Maria Saccenti in I corsari della strada, Il mio bacio ti perderà
  • Tina Lattanzi in Il balio asciutto, Il forte delle amazzoni
  • Giovanna Scotto in Carovana verso il sud

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Arthur F. McClure, Alfred E. Twomey e Ken Jones, More Character People, The Citadel Press, 1984, pag. 71

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24272164 · ISNI (EN0000 0000 7140 6287 · LCCN (ENno2002068589 · GND (DE134627504 · WorldCat Identities (ENno2002-068589