Heini Messner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heini Messner
Heinrich Messner 1968.jpg
Heini Messner sulla pista 3-Tre negli anni 1960
Nazionalità Austria Austria
Altezza 176[senza fonte] cm
Peso 75[senza fonte] kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra SC Steinach[1]
Ritirato 1972
Palmarès
Olimpiadi 0 0 2
Mondiali 0 0 3
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Heinrich Messner detto Heini (Obernberg am Brenner, 1º settembre 1939) è un ex sciatore alpino austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1964-1967[modifica | modifica wikitesto]

Sciatore polivalente, Messner debuttò in campo internazionale in occasione dei IX Giochi olimpici invernali di Innsbruck 1964, dove si classificò 10º nella discesa libera. L'anno dopo vinse la combinata della XVI edizione della 3-Tre a Madonna di Campiglio, piazzandosi anche 2º nello slalom gigante e 3º nella discesa libera[2].

Il 1º agosto 1966 ai Mondiali disputati a Portillo si classificò 4º nella discesa libera e nello stesso anno vinse lo slalom gigante e la combinata della XVII 3-Tre[2]. Prese quindi parte alla prima stagione della Coppa del Mondo e il 5 gennaio 1967 si aggiudicò lo slalom speciale di Berchtesgaden, gara inaugurale del circuito; quel successo rimase l'unico nella sua carriera in Coppa del Mondo. A fine stagione risultò 2º nella classifica generale, superato dal francese Jean-Claude Killy di 111 punti, e 3º in quella di slalom speciale.

Stagioni 1968-1972[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi aggiudicato la discesa libera della XVIII 3-Tre, nella quale fu anche 2º in combinata[2], Messner partecipò ai X Giochi olimpici invernali di Grenoble 1968 vincendo la medaglia di bronzo nello slalom gigante, valida anche ai fini dei Mondiali 1968; si classificò inoltre 4º nella discesa libera e 14º nello slalom speciale e conquistò la medaglia di bronzo nella combinata, disputata in sede olimpica ma valida solo ai fini iridati. Nel 1969 s'impose nella combinata del Trofeo del Lauberhorn[3] e chiuse la stagione di Coppa del Mondo al 2º posto nella classifica di discesa libera superato dal vincitore, il suo connazionale Karl Schranz, di 15 punti.

Nel 1970 ai Mondiali della Val Gardena si classificò 4º nello slalom gigante e il 15 gennaio 1972 sulla Streif di Kitzbühel salì per l'ultima volta sul podio in Coppa del Mondo, giungendo 3º in discesa libera dietro a Schranz e al francese Henri Duvillard. Convocato anche per gli XI Giochi olimpici invernali di Sapporo 1972, conquistò la medaglia di bronzo nella discesa libera, riconosciuta anche ai fini dei Mondiali 1972. Il 15 marzo seguente il 6º posto nella discesa di Coppa del Mondo disputata sulla Saslong della Val Gardena fu l'ultimo piazzamento della sua attività agonistica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 medaglia, oltre a quelle vinte in sede olimpica:

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 2º nel 1967
  • 16 podi (10 in discesa libera, 2 in slalom gigante, 4 in slalom speciale):
    • 1 vittoria (in slalom speciale)
    • 9 secondi posti
    • 6 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
5 gennaio 1967 Berchtesgaden bandiera Germania Ovest SL

Legenda:

SL = slalom speciale

Campionati austriaci[modifica | modifica wikitesto]

Campionati austriaci juniores[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (DE) Heini Messner, su oesv.at - ÖSV-Siegertafel, Federazione sciistica dell'Austria (Österreichischer Skiverband). URL consultato il 25 novembre 2015.
  2. ^ a b c L'albo d'oro della 3-Tre dal 1950 al 2012 (RTF), in newspower.it. URL consultato il 25 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ (DEENFR) Scheda sui vincitori sul sito ufficiale, su lauberhorn.ch. URL consultato il 25 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]