Federazione sciistica dell'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Österreichischer Skiverband
Logo
 
DisciplineAlpine skiing pictogram.svg Sci alpino
Nordic combined pictogram.svg Sci nordico
Fondazione1905
NazioneAustria Austria
ConfederazioneFederazione Internazionale Sci
Unione Internazionale Biathlon
SedeAustria Innsbruck
PresidenteAustria Peter Schröcksnadel
Sito ufficiale

La Federazione sciistica dell'Austria (in tedesco Österreichischer Skiverband, ÖSV) è la federazione sportiva che si occupa della promozione degli sport sciistici e di coordinarne l'attività agonistica in Austria, Paese di grande tradizione sia nello sci alpino, sia nello sci nordico. Ha sede a Innsbruck (Olympiastraße, 10)[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione venne fondata nel 1905[2] e nel 2013 è arrivata a coordinare più di 1 200 sci club, con quasi 150 000 iscritti[3]. È articolata in nove federazioni regionali, una per ogni Stato federato dell'Austria[4], e dal 1990 è presieduta da Peter Schröcksnadel.

La federazione esprime numerosi dirigenti a vario livello delle confederazioni internazionali cui afferisce, la Federazione Internazionale Sci (tra i quali, nel trienno 2012-2014, lo stesso Peter Schröcksnadel, membro del consiglio FIS)[5] e l'Unione Internazionale Biathlon (tra i quali Klaus Leistner, vicepresidente con delega agli affari finanziari dal 2006, rieletto nel 2014[6]).

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La federazione gestisce direttamente il Bergisel (Bergiselschanze), il complesso sportivo costruito a partire dal 1927 sul monte Isel presso Innsbruck e incentrato sul trampolino che ha ospitato i IX e i XII Giochi olimpici invernali[7][8], e la Ski Austria Academy St. Christoph, scuola di specializzazione sportiva fondata nel 1998 a St. Christoph am Arlberg (Sankt Anton am Arlberg)[9][10].

La ÖSV si occupa dell'organizzazione dei campionati nazionali assoluti delle discipline sugli sci, sia alpini sia nordici; si occupa anche degli sport di più recente riconoscimento, quali lo snowboard e il freestyle. Alla federazione fanno capo la nazionale di sci alpino (il cosiddetto Wunderteam) e quella di sci nordico, nonché i gruppi sportivi militari.

L'attività delle federazione è articolata in varie sezioni (tra parentesi i dirigenti responsabili nel 2013)[11]:

La federazione è inoltre responsabile del contrasto al doping in Austria[12] e della gestione delle pubblicazioni ufficiali sullo sci in Austria, sia cartacee (le riviste Ski Austria[13] e Ski Austria Lady[14]) sia telematiche (il database ÖSV-Siegertafel[15]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) "Unser Standort" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  2. ^ (DE) "100 Jahre ÖSV" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  3. ^ (DE) "Struktur & Funktionäre" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  4. ^ (DE) "Landesskiverbände" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  5. ^ (DE) "ÖSV-Vertreter in FIS-Kommitees" sul sito ufficiale [collegamento interrotto], su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  6. ^ (ENDERU) IBU Executive Board, in sito ufficiale dell'International Biathlon Union. URL consultato il 14 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2014).
  7. ^ (DE) "Bergiselschanze" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  8. ^ (DEEN) Sito ufficiale del Bergiselschanze, su bergisel.info. URL consultato il 1 maggio 2013.
  9. ^ (DE) "Ski Austria Academy St. Christoph" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  10. ^ (DE) Sito ufficiale della Ski Austria Academy St. Christoph, su skiakademie.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  11. ^ (DE) "Sportliche Leitung des ÖSV" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  12. ^ (DE) "Anti-Doping" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  13. ^ (DE) "Ski Austria" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  14. ^ (DE) "Ski Austria Lady" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.
  15. ^ (DE) "ÖSV-Siegertafel" sul sito ufficiale, su oesv.at. URL consultato il 1 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN234359759 · GND: (DE210021-6