Hasegawa Corporation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hasegawa Corporation
StatoGiappone Giappone
Fondazione1941
Sede principaleShizuoka
Settoremodellismo
Sito web

La Hasegawa Corporation (株式会社ハセガワ Kabushiki Gaisha Hasegawa?) è un'azienda di modellismo statico giapponese con sede a Shizuoka.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1941 Hasegawa commercializza modelli in legno. Entra nel mondo della plastica nel 1961, con il primo modello di aliante. Nel giugno del 1962 in scala 1/450 presenta la Yamato, che riscuote un successo enorme con 150.000 pezzi venduti in un solo anno. Il velivolo in scala 1/90 F-104 Starfighter e in scala 1/70 il P-51 Mustang portano l'azienda ad abbandonare definitivamente il legno. All'inizio utilizzano polistirene e l'Hasegawa diviene nota per l'accuratezza dei modelli. Hasegawa è importata da lungo periodo dalla Hobbico in nord America come Great Airplane Model Distributor. Nel 2010 Hasegawa stipula un contratto con Dragon Models Limited per gli Stati Uniti. Hasegawa è importatore di Revell per il Giappone, utilizzando il proprio marchio e vice versa Revell per l'Europa e nord America. I colori ufficiali dei kit sono della Gunze Sangyo, a differenza della Tamiya che ha un proprio prodotto marchiato.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Stampata di plastica di un F/A-18

Scala 1/12 automobili[modifica | modifica wikitesto]

Hasegawa produce Nissan 300ZX e Mazda RX-7.

Scala 1/8 velivoli (Museum Series)[modifica | modifica wikitesto]

Dalla metà degli anni settanta Hasegawa produce una serie museale, di alta qualità, di velivoli. Con utilizzo di metallo, legno, plastica, gomma e altro. I modelli sono i seguenti:

Con il modello Fokker DR.I Hasegawa torna al passato con il legno della struttura, e le finiture in ottone oltre alla immancabile plastica. Fu introdotto alla metà degli anni settanta (Air International magazine, sezione Model Enthusiast, giugno 1975) e rieditato qualche volta negli anni successivi. I modelli 1/8 Museum Series hanno alto valore tra i collezionisti quando battuti alle aste.

Nel 2013-14 Hasegawa ha commercializzato un aggiornamento per tale serie; il motore rotativo per il Fokker Dr.I e il Sopwith Camel, oltre alla mitragliatrice Spandau and Lewis.

Automobili scala 1/24[modifica | modifica wikitesto]

Hasegawa ha trovato successo con una gamma di modelli vasta, e un dettaglio notevole, in competizione con costruttori come Tamiya o Revell. Alcuni kit hanno incluse fotoincisioni, alcuni con versioni "Super Detail", con ulteriori foto incisioni e parti in metallo.

a linea Hasegawa include:

Collection Disk: Mitsubishi Galant e Lancer, Subaru Legacy e Impreza WRX, Honda Civic

Collection Rally: rally cars, dal 1970, come Lancia Stratos e Lancia Rally 037, alle moderne World Rally Championship, Subaru Impreza, Lancia Delta Integrale, Ford Focus.

Collection Speed: Touring car racing, Japanese Touring Car Championship, Honda Civic, Toyota Corolla e BMW BMW Serie 3.

Historic Car: Toyota 2000GT e Celica 1600GT, versioni varie di Nissan Nissan 240Z e Bluebird 510, Lamborghini Miura, Volkswagen Beetle e Volkswagen VW T1.

Historic Racing: Toyota 2000GT "1967 Fuji 24 Hour Race Winner," Nissan Bluebird 1600 SSS "1970 Safari Rally Winner" e Datsun Fairlady 240Z "1971 Safari Rally Winner."

Military Vehicle: Willys MB Jeep e Volkswagen Kübelwagen.

Racing Car: Gruppo C race cars, Jaguar XJR-8LM, Porsche Porsche 962, Sauber C9 e Toyota 88C-V, Ferrari 642, Benetton Ford B191B, Williams Renault FW14B.

World Famous Car: Jaguar XJ-S V12, Ferrari Ferrari 328 e Ferrari 348 e Porsche 944, Porsche 968.

Velivoli scala 1/32[modifica | modifica wikitesto]

Principalmente velivoli della seconda guerra mondiale, qualche jet, rarità come Fieseler Fi 156 Storch. Notevole il Mitsubishi Zero A6M5 disegnato sotto la supervisione di Jirō Horikoshi.

Velivoli scala 1/48[modifica | modifica wikitesto]

Hasegawa arrivò tardi in questa scala, preceduta da Tamiya fin dagli anni'70. La maggior parte sono velivoli militari della seconda guerra mondiale.

Velivoli scala 1/72[modifica | modifica wikitesto]

La linea principale di Hasegawa. velivoli della seconda guerra mondiale e attuali, caccia e alcuni bombardieri plurimotore. La linea comprende anche modelli della FROG e Monogram, e altri minori.

Hasegawa produce la linea completa di aerei della forza aerea imperiale giapponese come il Mitsubishi A6M Reisen Zero. Modelli della JASDF.

Hasegawa spesso vende edizioni limitate (1/48) con set di decal limitate: Navy One S-3 Viking, F-4 Phantom, F-15J Eagle e F-2A Viper Zero JASDF. Alcune volte vengono abbinati due kit per confezione.

1/72 Scale Armor[modifica | modifica wikitesto]

Daimler Mk II scala 1/72

Le "Minibox" rappresentano veicoli militari compatibili con la scala 1/72 dei velivoli.

Tram scala 1/150[modifica | modifica wikitesto]

Hasegawa vende pronti all'uso modelli di tram sotto il nome di Modemo, giapponesi e americani.

Velivoli scala 1/200[modifica | modifica wikitesto]

B767-200

Aerei di linea completi di decals: Boeing 747-200,787-8, 747-400, 777-200, 777-300, 767-300, 737-200, 737-500, 737-700, 737-800 e 727-200, McDonnell Douglas MD-90, MD-11, DC-10-40, DC-3, Lockheed L-1011, e Airbus A300. Nel passato anche, Boeing 737-400, 747-100, 747-300, 767-200, McDonnell Douglas MD-80, DC-9, DC-10-30, Airbus A320, A321.

Navi scala 1/350[modifica | modifica wikitesto]

1/700 Scale Waterline Ships[modifica | modifica wikitesto]

Fantascienza[modifica | modifica wikitesto]

Spacecraft e mecha da Macross e Ultraman, Virtual On video game franchise. Cyber Troopers Virtual-On Force, Cyber Troopers Virtual-On Marz, Maschinen Krieger ZbV 3000.

Metallo[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie "true scale", Hasegawa produce velivoli mini Egg Planes "grade-A jumbo scale". Linee ovoidali dei velivoli reali, P-51 mustang, SR-71 blackbird e Space Shuttle. La prima serie risale al 1972 (Air Enthusiast, section Model Enthusiast, aprile 1972). Successivamente vennero presentate versioni più simili al reale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]